Asiatica Film Mediale

James Cameron rivela di cosa parlerebbe un Terminator rilanciato

James Cameron rivela di cosa parlerebbe un Terminator rilanciato
Erica

Di Erica

20 Dicembre 2022, 20:00


James Cameron afferma di aver discusso sul rilancio del franchise di Terminator e sa già di cosa parlerà la nuova storia. Cameron ha dato il via a un franchise fantascientifico/d’azione di grande successo con il suo iconico film del 1984 The Terminator, con Arnold Schwarzenegger nei panni di un cyborg assassino del futuro. Il sequel del 1991 Terminator 2: Judgment Day ha entusiasmato il pubblico mentre accumulava incassi al botteghino, ma le voci successive della serie hanno registrato rendimenti decrescenti sia con la critica che in termini di incassi al botteghino. I fan si sono davvero chiesti dopo Terminator: Dark Fate del 2019 se avessero visto l’ultimo franchise cinematografico classico di Cameron e Schwarzenegger.

Ma ora sembra che Terminator non sia ancora del tutto terminato. Apparendo sul podcast Smartless con Jason Bateman, Sean Hayes e Will Arnett per promuovere il suo attuale blockbuster Avatar: The Way of Water, Cameron ha fornito un aggiornamento sul futuro del suo altro grande franchise di fantascienza post-Dark Fate e ha confermato che i colloqui sono infatti accaduti in merito ad un possibile rilancio. Cameron ha poi continuato a stuzzicare la nuova direzione in cui avrebbe portato Terminator se avesse avuto la possibilità di fare un altro film da qualche parte lungo la strada. Dai un’occhiata alle incoraggianti osservazioni sul riavvio di Terminator di Cameron nello spazio sottostante (tramite playlist):

“Beh, i film Avatar parlano dell’ambiente; Non ho a che fare con l’intelligenza artificiale… Se dovessi fare un altro film di “Terminator” e magari provare a lanciare di nuovo quel franchise, che è in discussione, ma non è stato deciso nulla… Farei molto di più sul lato dell’intelligenza artificiale. che robot cattivi impazziti”.

Perché Terminator: Dark Fate era un vicolo cieco in franchising

Cameron ha recentemente avuto occasione di discutere di Terminator: Dark Fate del 2019, l’ultimo tentativo di riavviare il franchise. Secondo lo stesso produttore, il problema più grande del film è stato il modo in cui non è riuscito a entrare in contatto con il pubblico giovane, sottolineando che è stato un errore riportare sia Linda Hamilton che Schwarzegger. Cameron ha detto a Deadline che presentando entrambi gli attori over 60, “All’improvviso non era il tuo film ‘Terminator’, non era nemmeno il film ‘Terminator’ di tuo padre, era il film ‘Terminator’ di tuo nonno”. Cameron ha anche ammesso di aver litigato con il regista del film Tim Miller, che è stato colui che ha insistito per riportare Hamilton all’ovile.

Cameron ha ora chiarito che capisce che è ora di provare qualcosa di nuovo con il franchise di Terminator dopo il vicolo cieco di Dark Fate. Ciò probabilmente significa passare dalle star originali di Terminator Hamilton e Schwarzenegger (che dopotutto non stanno diventando più giovani). Ma potrebbe anche significare allontanarsi dall’azione “cattivi robot impazziti” che ha caratterizzato la serie sin dal primo film. L’elemento AI è ovviamente sempre stato presente anche in Terminator, attraverso la malvagia coscienza neurale autocosciente Skynet e il suo ruolo nella creazione di un futuro infernale in cui gli umani sono cacciati dai cyborg. Chiaramente, Terminator 7 enfatizzerebbe il lato Skynet delle cose, se Cameron riuscisse a fare a modo suo.

Terminator può sopravvivere senza Crazy Robot Action?

Ciò che Cameron sembra stuzzicare con le sue nuove osservazioni è un Terminator 7 che si allontanerebbe dalla precedente strategia del franchise di introdurre nuovi e più pericolosi cyborg con ogni puntata, a favore di qualcosa di più vicino a un thriller paranoico come Wargames o Colossus: The Progetto Forbino. Ma certamente Cameron non intende dire che Terminator abbandonerebbe del tutto il suo approccio incentrato sull’azione alla fantascienza. In definitiva, la “pazza azione robotica” è troppo centrale in The Terminator per essere completamente lasciata nella polvere. Ma certamente, si potrebbe trovare un equilibrio maggiore tra l’esplorazione cerebrale dei pericoli dell’intelligenza artificiale e sequenze d’azione leggermente meno cerebrali piene di cyborg che guidano grandi camion e sparano enormi pistole.

Fonte: Podcast Smartless (tramite playlist)


Potrebbe interessarti

Alexander Skarsgard e Mia Goth stanno annegando nel nuovo poster del film horror
Alexander Skarsgard e Mia Goth stanno annegando nel nuovo poster del film horror

Un nuovo poster per Infinity Pool mostra le star Alexander Skarsgard e Mia Goth che annegano. Infinity Pool è un film horror di prossima uscita diretto da Brandon Cronenberg. Brandon Cronenberg è il figlio dello stimato regista horror David Cronenberg, noto per film come The Fly e il grottesco body horror Crimes of the Future […]

Il regista de La Sirenetta risponde alle lodi del casting di Ariel
Il regista de La Sirenetta risponde alle lodi del casting di Ariel

Il regista de La Sirenetta, Rob Marshall, ha risposto alle lodi per il casting di Halle Bailey nei panni di Ariel nel prossimo remake live-action del classico film d’animazione Disney. A seguito di un trailer che mostrava Bailey nel ruolo di Ariel per la prima volta, i social media sono esplosi con elogi per lei, […]