Notizie FilmJacqueline Lentzou guarda alle stelle nel debutto "Moon, 66...

Jacqueline Lentzou guarda alle stelle nel debutto “Moon, 66 Questions

-

- Advertisment -spot_img


L’affascinante e atteso debutto di Jacqueline Lentzou, “Moon, 66 Questions”, è presentato in anteprima nazionale questa settimana al Thessaloniki Film Festival, dopo aver debuttato all’inizio di quest’anno nella sezione del concorso Encounters della Berlinale.

Il film racconta la storia di una giovane donna, Artemis (Sofia Kokkali), che decide di tornare ad Atene dopo una lunga assenza a causa del declino della salute del padre (Lazaros Georgakopoulos). Anche se ci si aspetta che lei si assuma la responsabilità di prendersi cura di lui, le fratture nel loro rapporto vengono rapidamente in superficie. Vecchie battaglie vengono rivisitate e le ferite del passato riemergono, finché la scoperta di un segreto sepolto da tempo offre ai due la possibilità di raggiungere una sorta di catarsi.

“Moon, 66 Questions” è prodotto da Fenia Cossovitsa, di Blonde Audiovisual Productions, in coproduzione con Hédi Zardi e Fiorella Moretti di Luxbox, che si occupa anche delle vendite mondiali.

Arrivando a Salonicco direttamente dal Festival del Cinema Europeo di Siviglia, dove “Moon” ha continuato il suo intenso tour nel circuito internazionale, Lentzou racconta Variety che ogni viaggio creativo per lei inizia con una domanda.

“Se arrivo alla risposta – o a una risposta – attraverso una poesia, un cortometraggio o un lungometraggio, è una storia diversa”, dice. “Qui, la domanda centrale era perché le persone cessano di esistere – con la ricca definizione di esistenza. Cosa succede quando il sistema ‘fallisce’? Cosa favorisce questo doloroso processo di degenerazione?”.

Per una storia che ha scritto e diretto, queste domande hanno portato ad altre, ognuna delle quali “ha arricchito il film in modo unico”, dice. Hanno anche contribuito a formare l’arco narrativo che spinge Artemis attraverso la sua inquieta ricerca di una qualche forma di connessione, o risoluzione, con il padre malato. “Il suo viaggio, sottile e interiore, non è altro che una caccia alla verità”, dice Lentzou. “Vuole sapere perché”.

“Moon, 66 Questions” è l’ultima collaborazione del regista con l’acclamata attrice di cinema e teatro Kokkali (“Little England”), che ha recitato nella selezione del concorso di cortometraggi di Locarno di Lentzou “The End of Suffering (A Proposal)” e nel suo corto premiato alla Settimana della Critica di Cannes “Hector Malot: The Last Day of the Year”.

La regista dice di aver sviluppato la sceneggiatura con Kokkali in mente, descrivendo la loro collaborazione come “radicata nell’amicizia” e “fluida e facile dalla prima volta.” “Il personaggio di Artemis non avrebbe potuto essere interpretato da nessun’altra ragazza”, aggiunge, “e la complessità del personaggio di Artemis si intreccia con la complessità di Sofia in sé.”

Il titolo e i titoli dei capitoli di “Moon, 66 Questions” fanno riferimento a un mazzo di tarocchi, e l’astrologia è un motivo ricorrente in tutto il film, anche se Lentzou insiste sul fatto che “non ha importanza in sé, ma solo [appears] in correlazione all’idea di sofferenza e ai diversi modi di conoscere.

“L’astrologia e/o altri ‘metodi di predizione’ brillano in persone con un enorme bisogno di credere”, aggiunge. “Chi ha un bisogno disperato di credere? Quello che soffre veramente. Quello che non può accettare la sua realtà attuale e guarda il cielo per avere sollievo. Quello che cerca un conforto momentaneo nell’illusione di sapere. Come Artemide”.

Insieme alla sua trama centrale, il film offre un collage di ricordi e impressioni fugaci, raccontati attraverso frammenti di filmati home video sgranati e frammenti del diario di Artemis ascoltati in voce fuori campo. L’interazione tra i due, e i modi in cui spesso si interrompono o si contraddicono a vicenda, riecheggia la disgiunzione al centro della relazione di Artemis con suo padre.

“Nel diario si trovano incidenti che non si vedono nel film, e nel film si vedono incidenti che non sono mai menzionati nel diario. Si sente una data, ma si legge un’altra data sullo schermo. Si ascolta la sua voce, ma si guarda il filmato personale di suo padre”, dice Lentzou. “Qui si sta creando un meta-spazio magico, ed è dove padre e figlia si collegano prima di collegarsi consapevolmente nel film”.

È un dispositivo narrativo che parla a una verità di fondo su come sperimentiamo il mondo, dice il regista. “La nostra memoria è frammentata, le nostre relazioni sono frammentate, il nostro senso di sé è frammentato, i nostri sogni sono frammentati, i nostri pensieri sono frammentati”, dice. “Se tutto è frammentato, lo è anche il percorso verso qualsiasi risoluzione per la quale ci sforziamo”.

Anche la risoluzione, alla fine, potrebbe rivelarsi incompleta. “Un giorno siamo certi di aver chiuso con una particolare situazione, solo per scoprire settimane o mesi dopo dei residui emotivi”, aggiunge Lentzou. “Pensiamo solo di aver raggiunto la risoluzione, per poi rivisitare e ri-risolvere. È un cerchio di frammenti, finché non scegliamo di romperlo e trasformarlo in una spirale”.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you