Asiatica Film Mediale

“Irritante ai nervi”: le recensioni dell’adattamento di Stephen King lo definiscono un horror tradizionale ma avvincente

“Irritante ai nervi”: le recensioni dell’adattamento di Stephen King lo definiscono un horror tradizionale ma avvincente
Erica

Di Erica

25 Maggio 2023, 19:40



Le recensioni de The Boogeyman sono arrivate e sono in larga parte positive nonostante una critica principale. Il film, adattato dal racconto breve di Stephen King con lo stesso nome, segue due sorelle e il loro padre vedovo che cercano di combattere un’entità soprannaturale che si è radicata nella loro casa per nutrirsi delle loro paure e dolori. Il cast del film include Sophie Thatcher, Chris Messina, Vivien Lyra Blair e David Dastmalchian.

Oggi, i critici hanno potuto condividere le loro opinioni sul film in vista della data di uscita di The Boogeyman il 2 giugno. Mentre molte recensioni affermano che il progetto non fa molto per distinguersi dagli altri thriller dell’orrore soprannaturali nello stesso genere, la maggior parte concorda sul fatto che possiede comunque un’atmosfera tremendamente efficace grazie al regista Rob Savage. Leggi alcune citazioni dalle diverse recensioni qui sotto:

Nick Allen, RogerEbert.com:

“Ci sono solo emozioni fugaci in questo film, che ha un approccio formulico alle spaventate che dipendono fortemente dalla miscelazione del suono, allarmi falsi e bambini in pericolo. Nella prima metà del film, crea un’atmosfera a volte inquieta, ma non spaventosa. L’uso della luce e del suono in modo parsimonioso è la sua caratteristica più intelligente, come quando Sawyer fa rotolare la sua grande palla di luce nell’ignoto lungo il corridoio, sperando di non avere ragione su ciò che c’è dall’altra parte.”

Kate Erbland, IndieWire:

“Qui non mancano buone idee, dalle pesanti (come le varie reazioni al lutto della gente o, in alcuni casi, l’assenza di lutto) alle molto astute (come le paure notturne dei bambini che possono dare luogo a vero terrore), ma dal momento in cui “The Boogeyman” si rivela, il film di Savage cessa di essere interessante o spaventoso. Non c’è niente di più spaventoso delle cose che sussurrano nella notte, ma il terrore si dissipa facilmente una volta che accendiamo la luce e vediamo cosa c’è davvero lì.”

Kim Newman, Empire Magazine:

“In Host e DASHCAM, il regista Rob Savage ha esplorato paure attuali, utilizzando i modi di narrazione del 2020 (riunioni in Zoom, paranoie di YouTube) come vecchi terrori che escono dall’ombra dell’era della pandemia-blocco. In The Boogeyman, adattato dal racconto breve di Stephen King del 1973, Savage si avvicina all’horror più tradizionale. Riprendendo un progetto iniziato prima della pausa del mondo dal team di Quiet Place, Scott Beck e Bryan Woods, Savage ci offre una storia sui fantasmi incentrata su una famiglia con adolescenti, alimentata dal dolore lancinante e dallo stupore infantile e calcolata per fornire il massimo numero di spaventi con il minimo sforzo.”

Ben Pearson, SlashFilm:

““The Boogeyman” non cerca di reinventare la ruota, ma fortunatamente non ne ha bisogno. Savage sa esattamente come premere i tasti giusti e tirare le leve giuste per ottenere la massima potenza, utilizzando set-up e pay-off classici in modi divertenti e soddisfacenti.”

Frank Scheck, The Hollywood Reporter:

“L’Uomo Nero, sia nella sua forma letteraria che cinematografica, è senza dubbio un King relativamente minore. Ma quando è fatto così bene, anche il King minore fa veramente paura.”

Derek Smith, Slant Magazine:

“Per lo più, The Boogeyman è simile a tanti altri film dell’horror moderni che danno la priorità all’atmosfera sopra ogni altra cosa. Per il suo merito, ha alcune sequenze evocative che servono paura vera, ma cercare peso tematico o profondità narrativa in esso è come cercare i bambini nei guardaroba dell’Uomo Nero.”

Come si confronta The Boogeyman con altri successi di Stephen King degli ultimi anni?

Al momento della stesura dell’articolo, The Boogeyman ha debuttato su Rotten Tomatoes con un punteggio “Fresh” del 63 per cento. Anche se questo potrà cambiare man mano che verranno aggiunte altre recensioni, sembra che le qualità generiche del film siano state superate dalla sua efficacia complessiva. Il cast di The Boogeyman, anche se ridotto, sembra aver aiutato ad aumentare la sua stima.

Anche se il punteggio scenderà sotto il requisito di “Fresh” del 60 per cento, questo sarà un grande passo avanti rispetto alla tendenza impostata dalle recenti trasposizioni dell’autore. Altre uscite del 2020 che hanno adattato i suoi lavori includono “Children of the Corn” di quest’anno, che si attesta a un misero 11 per cento. I film di King dello scorso anno, Firestarter (10 per cento) e Mr. Harrigan’s Phone (45 per cento), hanno anche un punteggio solidamente “Rotten”.

The Boogeyman sembra che riscatterà la reputazione delle trasposizioni di King degli anni 2020, forse riportando la sua reputazione sullo schermo a dove era alla fine degli anni 2010. Sia “It” del 2017 (86 per cento) che “It – Capitolo 2” del 2019 (62 per cento) sono stati successi critici e commerciali che sono stati completati dal ben accolto “Doctor Sleep” del 2019 (78 per cento). Anche se sembra che The Boogeyman cadrà in qualche posizione intermedia nel complesso, potrebbe aiutare a inaugurare una nuova era di film di King.


Potrebbe interessarti

Come il remake de La Sirenetta ha aggiunto sfumature alla storia di Eric, spiegato dall’attore.
Come il remake de La Sirenetta ha aggiunto sfumature alla storia di Eric, spiegato dall’attore.

Jonah Hauer-King spiega come il remake live-action di Disney, The Little Mermaid, amplia il ruolo del principe Eric nella storia. Nel film d’animazione originale, Ariel salva la vita del principe Eric, ma viene catturato dalla voce della ragazza rossa. Alla fine si innamorano, ma la loro relazione viene esplorata solo superficialmente, poiché Eric aiuta una […]

Perché il remake de La Sirenetta ha eliminato la canzone di King Triton di Javier Bardem
Perché il remake de La Sirenetta ha eliminato la canzone di King Triton di Javier Bardem

Javier Bardem ha condiviso alcuni dettagli sulla sua canzone “Impossible Child”, che è stata tagliata da The Little Mermaid. Bardem interpreta il Re Tritone, che nella versione originale del film d’animazione originale de La Sirenetta non aveva una canzone dedicata. La canzone avrebbe potuto fornire un punto di vista del padre sulla relazione tra il […]