Asiatica Film Mediale

Intervista a Carrie Cracknell: Persuasione

Intervista a Carrie Cracknell: Persuasione
Erica

Di Erica

19 Luglio 2022, 18:21


Persuasion, basato sul romanzo classico di Jane Austen, è stato il discorso della città da quando ha debuttato su Netflix lo scorso fine settimana. Indipendentemente dal fatto che il pubblico sia fan dei cambiamenti o impressionato dal tentativo di sperimentazione, è chiaro che l’ultimo adattamento di Austen si è distinto dai suoi predecessori. Diretto da Carrie Cracknell (una delle principali direttrici teatrali in Inghilterra) e scritto da Ron Bass (Il matrimonio del mio migliore amico) e Alice Victoria Winslow, Persuasione mescola la sensibilità moderna con uno dei più famosi romanzi Regency.

A differenza delle più famigerate eroine Austen come Elizabeth Bennet in Orgoglio e pregiudizio o Emma Woodhouse in Emma, ​​Anne Elliot di Persuasion è più riservata mentre allatta il suo cuore spezzato di quasi dieci anni. Ma l’adattamento di Netflix prende una pagina da Mansfield Park del 1999 (con Frances O’Connor e Johnny Lee Miller) e ha fatto uscire il protagonista dal suo guscio per rivolgersi direttamente al pubblico e rendere i suoi pensieri più facilmente comprensibili. Anche Dakota Johnson (Cha Cha Real Smooth) nel ruolo principale aggiunge immediatamente un senso di modernità, così come i suoi monologhi arguti.

Screen Rant ha parlato con Cracknell di alcuni degli affascinanti cambiamenti di Persuasion, del suo approccio alla Austen e del motivo per cui Henry Golding (Crazy Rich Asians) è un mascalzone così divertente.

Persuasione. Cosmo Jarvis nel ruolo del capitano Frederick Wentworth. Cr. Nick Wall/Netflix © 2022

Screen Rant: Sono una grande fan di Jane Austen, ed ero incuriosito dall’idea di avere Anne come narratrice, che era quasi come avere la stessa Austen nel film. Quella scelta era già stata fatta quando sei entrato e come hai voluto dare vita a quell’elemento?

Carrie Cracknell: L’intenzione di Ron e Alice era immediatamente quella di rompere il quarto muro; avere Anne come personaggio sia all’interno della sua storia, ma anche qualcuno che è stato in grado di commentarla. Penso che tu sia davvero accurato nella tua descrizione di lei che cattura anche la voce di Jane Austen nel film, e mi è sembrato davvero interessante avere la chiarezza e l’occhio satirico sia di Anne che di Jane in una certa misura nel film. Quella era sempre l’intenzione.

Quando ho letto la sceneggiatura, che era davvero ben sviluppata quando sono salito a bordo, mi sono sentito molto incuriosito da questo equilibrio tra il crepacuore tonale e la malinconia del romanzo originale, ma con una versione di Anne molto più accessibile e più frontale. C’è una formalità nel romanzo, ovviamente, che amiamo – e in un certo senso l’incapsulamento formale dell’anima è una delle cose davvero interessanti nel libro. Ma non lo rende necessariamente un pezzo di letteratura davvero accessibile, quindi mi è sembrato interessante poter attirare un nuovo pubblico per Persuasion.

In che modo il casting più attento al colore ti ha aperto il mondo? Questo aiuta ad aggiungere un tocco più moderno da solo?

Carrie Cracknell: Ho sempre voluto interpretare il film in modo consapevole del colore. Ero interessato a realizzare un’opera che potesse attrarre un pubblico davvero ampio e diversificato. Penso che, crescendo come una donna britannica bianca, mi sono sempre vista rappresentata in questi testi classici quando guardavo gli adattamenti sulla BBC. E dalle conversazioni con i miei amici, sapevo che adoravano guardare gli adattamenti di Jane Austen ma non si sono mai visti in quelle storie, perché quelle storie non riguardavano la loro cultura.

È davvero interessante essere in grado di aprire questi pezzi iconici della letteratura e consentire a un pubblico davvero ampio di vedere se stesso all’interno di queste fantasie. Sono drammi umani molto puri, in un certo senso apolitici, che toccano il romanticismo, la commedia e la veridicità dell’esperienza umana. Essere in grado di aprire chi si sente parte di quella storia è stato davvero importante per me.

Immagino che quando una persona pensa alla persuasione, le prime cose che gli vengono in mente siano Lyme e “Sono metà agonia e metà speranza”. Quanto hai pensato a come affronterai quei momenti sullo schermo? Li hai pensati come pezzi iconici?

Carrie Cracknell: Certo. La cosa bella di fare un film come Persuasion è che hai questa storia di performance che precede il film, quindi puoi guardare gli adattamenti precedenti. E penso che l’intera squadra si sia sentita incredibilmente sbalordita la prima volta che siamo andati al Cobb [in Lyme], e abbiamo camminato lungo la cabina. È un punto di riferimento così bello e straordinario, e stai pensando agli altri adattamenti cinematografici che sono stati girati proprio lì.

Stai pensando al fatto che Jane ha camminato su e giù per quei gradini e stai pensando al romanzo. Stai vivendo nell’iconografia del pezzo. Tutta la pianificazione e il pensiero visivo su come ci saremmo avvicinati a quella sequenza sono nati da questa storia profonda. Ed è abbastanza commovente, in realtà, quando hai quei momenti.

Allo stesso modo, la frase “metà agonia, metà speranza” è un pezzo di scrittura così iconico e bello. Sono momenti meravigliosi con cui entrare in contatto.

Come hai collaborato con Dakota per dare vita ad Anne e per trovare quell’equilibrio tra la formalità delle emozioni represse nel romanzo e l’approccio più “a libro aperto” nei suoi confronti sullo schermo?

Carrie Cracknell: Penso che Dakota abbia un’intelligenza davvero istintiva, una vigilanza e una giocosità davvero profonda. È stato fantastico portare in vita la sua Anne, e quello che ottieni con tutti i migliori attori è che portano un’enorme quantità di se stessi nel personaggio. Prendono decisioni davvero forti, davvero abili, quindi provi a tenerle. Poi li aiuti ad affinare e chiarire il lavoro. Abbiamo avuto una collaborazione davvero profonda.

È stata una ripresa incredibilmente impegnativa e il lavoro sull’accento è davvero grande e davvero impegnativo. Penso che sia riuscita magnificamente, e penso che il suo accento sia impeccabile. È stato un rapporto di lavoro davvero profondo e solido e ci siamo divertiti molto insieme. Nel complesso, entrambi sentivamo di aver realizzato qualcosa di cui possiamo essere davvero orgogliosi. Penso che sia fantastica nel film.

Persuasione. Dakota Johnson come Anne Elliot, Izuka Hoyle come Henrietta Musgrove, Nia Towle come Louisa Musgrove, Mia McKenna-Bruce come Mary Elliot. Cr. Nick Wall/Netflix © 2022

La dinamica tra Mary Elliot e i Musgroves è sempre molto divertente, soprattutto quanto contrastano tra loro. Puoi parlare di dare vita a quella dinamica e di far interpretare a Mia McKenna-Bruce?

Carrie Cracknell: Mia, che interpreta Mary, aveva 21 anni quando stavamo girando. Aveva questa incredibile energia e umorismo animale, e ha capito completamente chi era Mary sin dal primo momento in cui l’ha letta.

È stato piuttosto interessante con le sorelle, perché hanno tutte questi temperamenti e atmosfere abbastanza diversi. Ci ha davvero provato e ha costruito immediatamente questa Mary abbastanza robusta, a volte piuttosto orribile, ma molto divertente. E poi quello che ottieni è questo fantastico momento in cui tutti questi personaggi si incontrano, e devono solo dare un senso l’uno all’altro, vivere e ascoltare il momento. Ci siamo divertiti molto a girare le scene di Musgrove.

Henry Golding nei panni del signor Elliot complica sicuramente l’aspetto del triangolo amoroso della storia. Mi fa chiedere se forse Anne dovrebbe dargli una possibilità. Come volevi avvicinarti all’aspetto romcom di Persuasion?

Carrie Cracknell: Amo Henry Golding nei panni di Elliot, perché penso che porti lì questo mistero e questa possibilità reale. E penso che sia eccitante nel contesto del film vederlo come una possibilità, o un’altra strada che potrebbe essere percorsa.

Penso che quello che ti rendi conto, ovviamente, è che sotto è sottilissimo. Non c’è davvero abbastanza connessione dell’anima tra lui e Anne. Se non altro, questo tipo di intensifica la comprensione di quanto sia profonda la sua connessione con Wentworth.

Hai diretto tutto, da Euripide a Ibsen, il che per me è davvero incredibile. Quanto è diverso per te passare dalla messa in scena teatrale alla regia di un film? In che modo la tua esperienza influenza il tuo approccio?

Carrie Cracknell: Dirigere per lo schermo è una sfida così diversa, e gran parte di essa riguarda catturare la vitalità in un momento e provare a cucinare qualcosa che sia istantaneo, spumeggiante e pieno di vita interiore proprio in quel momento. E poi te ne vai, e sei nel momento successivo.

E ovviamente l’intero teatro, dal mio punto di vista, riguarda la costruzione di questa struttura molto profonda per un attore in modo che possa interpretare un intero ruolo nell’arco di due ore, ma anche per sostenerlo per molti mesi. Lavorare con gli attori usa gli stessi muscoli, ma è come uno sprint per una maratona. Mi è piaciuto molto partecipare allo sprint. Amo davvero l’intimità, la subitaneità e la pressione del tempo. Ho appena trovato tutto davvero elettrizzante, in realtà.

Da dove viene il coniglietto? Era nella sceneggiatura dall’inizio o l’hai aggiunto in seguito? Qual è il coniglietto di Anne?

Carrie Cracknell: Il coniglio era nella sceneggiatura. Adoro l’idea che, a causa del sesso e della classe di Anne e del suo intrappolamento come donna, non possa diventare adulta o iniziare davvero a vivere la sua vita fino al matrimonio. Questo è il tipo di orrore di Jane Austen e di questo periodo.

È così abile e brillante, unita e matura, ma non le è permesso diventare una donna completa. Dorme sempre nella stanza degli ospiti degli altri, è sempre con le sorelle o con suo padre. È sempre in movimento con la sua borsetta e non si è sistemata.

Quindi, il coniglio è diventato un’idea interessante che non le è permesso diventare adulta, anche se è una persona così matura e premurosa. In una certa misura, è la creatura con cui sente di poter parlare con te quando ha pochissime persone nella sua vita con cui può entrare in contatto.

Ci sono altre eroine di Jane Austen di cui ti piacerebbe lavorare su un adattamento o qualche eroina classica in generale?

Carrie Cracknell: Sono una grande fan dell’eroina classica. Amo lavorare su testi classici con le donne al centro, ma farò dei film contemporanei. L’ho fatto ora ed è stato completamente stupendo. Ora sto lavorando a due nuovi film e una nuova serie TV che sono tutti contemporanei.

Sinossi della persuasione

Vivendo con la sua famiglia snob sull’orlo del fallimento, Anne Elliot è una donna anticonformista con una sensibilità moderna. Quando Frederick Wentworth, l’impetuoso che si è lasciata scappare, irrompe nella sua vita, Anne deve scegliere tra lasciarsi il passato alle spalle o ascoltare il suo cuore quando si tratta di seconde possibilità. Adattato dal romanzo di Jane Austen.

Dai un’occhiata alla nostra precedente intervista con la star di Persuasion Dakota Johnson per Bad Times At El Royale e con Henry Golding per Snake Eyes.

Persuasion è attualmente in streaming su Netflix.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

My Big Fat Greek Wedding 3: il cast originale ritorna nella nuova foto del set dei BTS
My Big Fat Greek Wedding 3: il cast originale ritorna nella nuova foto del set dei BTS

Una nuova foto dietro le quinte di My Big Fat Greek Wedding 3 mostra il ritorno dei membri del cast originale. Scritto da Nia Vardalos, My Big Fat Greek Wedding è stato pubblicato nel 2002 ed è diventato rapidamente un classico di culto. La commedia romantica indipendente ha preso d’assalto il botteghino dopo il suo […]

Rivelata la data di uscita del film Disney+ di Lightyear (ed è presto)
Rivelata la data di uscita del film Disney+ di Lightyear (ed è presto)

Lightyear di Disney e Pixar ha avuto una data per la prima Disney+, ed è presto. L’ultima voce della Pixar Animation racconta il film nell’universo del franchise di Toy Story che ha ispirato la linea di giocattoli Buzz Lightyear con Chris Evans che doppia il famoso ranger spaziale. Nonostante la popolarità del personaggio, il film […]