Asiatica Film Mediale

In questa stagione 5 di Star Trek: Discovery, il collegamento enorme con TNG viene spiegato dal responsabile dello show.

In questa stagione 5 di Star Trek: Discovery, il collegamento enorme con TNG viene spiegato dal responsabile dello show.
Debora

Di Debora

04 Aprile 2024, 21:05



Avviso: SPOILER per la stagione 5 di Star Trek: Discovery

Cosa significa “The Chase” di TNG per la stagione 5 di Star Trek: Discovery

Discovery è alla ricerca delle risposte alla vita stessa

La showrunner di Star Trek: Discovery, Michelle Paradise, rivela perché la missione epica di caccia al tesoro della stagione 5 è un sequel diretto dell’episodio classico della sesta stagione di Star Trek: The Next Generation, “The Chase”. Nella premiere della stagione 5 di Discovery, “Red Directive”, scritta da Paradise e diretta da Olatunde Osunsanmi, il capitano Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) scopre che un antico manufatto che le viene ordinato di recuperare porta a una tecnologia scomparsa creata dagli antichi umanoidi chiamati Progenitori. Ciò che Burnham cerca è il potere di creare la vita stessa, di cui il capitano Jean-Luc Picard (Patrick Stewart) ha appreso per la prima volta nella sesta stagione di TNG.

In un’intervista con Variety, Michelle Paradise rivela come la storia della stagione 5 di Star Trek: Discovery, originariamente considerata per la stagione 4, sia stata salvata per essere completamente sviluppata come focus della quinta e ultima stagione. Paradise parla di come Star Trek: Discovery risponderà alle domande su “The Chase” di Star Trek: The Next Generation, sulla quale ha riflettuto per 31 anni. Ecco le sue citazioni:

“Ricordo di aver guardato quell’episodio e alla fine rimanere sbalordita che ci fosse questa enorme idea da cui tutti proveniamo. E poi avrebbero avuto un’ulteriore missione la settimana successiva. Mi chiedevo, ‘E quindi cosa? Cosa è successo? Cosa facciamo con queste informazioni? Cosa significano?'”

“Burnham e alcuni dei nostri altri personaggi sono alla ricerca di un significato personale… La ricerca delle origini stesse della vita sembra essere un’idea tematica importante che si adatta perfettamente a ciò che stiamo esplorando nel corso della stagione e a ciò che stanno vivendo i nostri personaggi.”

“Ci siamo divertiti molto a immaginare cosa potesse essere successo quando [Picard] ha chiamato la sede e ha dovuto dire: ‘Ecco cosa è successo oggi’. Abbiamo semplicemente sviluppato la storia a partire da lì.”

Sommario

  • La showrunner Michelle Paradise condivide come la quinta stagione di Star Trek: Discovery approfondisce le conseguenze dell’episodio classico di Star Trek: TNG “The Chase”.
  • Il focus sulle origini della vita nella quinta stagione di Discovery si lega alla ricerca di significato personale e crescita dei personaggi.
  • La storia della quinta stagione era originariamente considerata per la quarta stagione, ma è stata salvata per esplorare appieno le ramificazioni di “The Chase”.

Star Trek: Discovery showrunner Michelle Paradise rivela perché la missione epica di caccia al tesoro della stagione 5 è un sequel diretto dell’episodio classico di Star Trek: The Next Generation “The Chase”. Nella premiere della stagione 5 di Discovery, “Red Directive”, scritta da Paradise e diretta da Olatunde Osunsanmi, il capitano Michael Burnham (Sonequa Martin-Green) scopre che un antico manufatto che le viene ordinato di recuperare porta a una tecnologia scomparsa creata dagli antichi umanoidi chiamati Progenitori. Ciò che Burnham cerca è il potere di creare la vita stessa, di cui il capitano Jean-Luc Picard (Patrick Stewart) ha appreso per la prima volta nella sesta stagione di TNG.

In un’intervista con Variety, Michelle Paradise rivela come la storia della stagione 5 di Star Trek: Discovery, originariamente considerata per la stagione 4, sia stata salvata per essere completamente sviluppata come focus della quinta e ultima stagione. Paradise parla di come Star Trek: Discovery risponderà alle domande su “The Chase” di Star Trek: The Next Generation, sulla quale ha riflettuto per 31 anni. Ecco le sue citazioni:

“Ricordo di aver guardato quell’episodio e alla fine rimanere sbalordita che ci fosse questa enorme idea da cui tutti proveniamo. E poi avrebbero avuto un’ulteriore missione la settimana successiva. Mi chiedevo, ‘E quindi cosa? Cosa è successo? Cosa facciamo con queste informazioni? Cosa significano?'”

“Burnham e alcuni dei nostri altri personaggi sono alla ricerca di un significato personale… La ricerca delle origini stesse della vita sembra essere un’idea tematica importante che si adatta perfettamente a ciò che stiamo esplorando nel corso della stagione e a ciò che stanno vivendo i nostri personaggi.”

“Ci siamo divertiti molto a immaginare cosa potesse essere successo quando [Picard] ha chiamato la sede e ha dovuto dire: ‘Ecco cosa è successo oggi’. Abbiamo semplicemente sviluppato la storia a partire da lì.”

Cosa significa “The Chase” di TNG per la stagione 5 di Star Trek: Discovery

Discovery è alla ricerca delle risposte alla vita stessa

La prima della stagione 5 di Star Trek: Discovery rivelando un collegamento esplosivo con “The Chase” di Star Trek: The Next Generation punta a rispondere a una domanda che TNG ha lasciato in sospeso per oltre 30 anni. In “The Chase”, il capitano Picard e l’equipaggio dell’USS Enterprise-D, insieme ai romulani, ai klingon e ai cardassiani, scoprono un messaggio lasciato da un umanoide antico (Salome Jens), che la Flotta Stellare del 32° secolo ha soprannominato ‘i Progenitori’. Miliardi di anni fa, i Progenitori hanno seminato la vita nella galassia a loro immagine e “The Chase” rivela che molte specie nell’universo di Star Trek condividono una discendenza comune.

“The Chase” è stato un tentativo di Star Trek: The Next Generation di spiegare perché così tante razze aliene di Star Trek sono umanoidi con variazioni di fronte arcuate.

Michelle Paradise fa notare che la rivelazione dei Progenitori come originatori della vita senziente nella galassia avrebbe dovuto cambiare tutto per Star Trek, ma non è mai stata approfondita, fino alla quinta stagione di Star Trek: Discovery. La tecnologia dei Progenitori è ora il premio più potente e dirompente per l’universo nel 32° secolo, ed è comprensibile il motivo per cui la Federazione dei Pianeti Uniti, così come altre forze galattiche, la vogliono. La quinta stagione di Star Trek: Discovery si lancia in una propria caccia che risolverà uno dei fili narrativi più importanti lasciati in sospeso da Star Trek: The Next Generation.

Fonte: Variety

La quinta stagione di Star Trek: Discovery è in streaming su Paramount+

Cast: Sonequa Martin-Green, Doug Jones, Anthony Rapp, Wilson Cruz, Mary Wiseman, Blu del Barrio, Callum Keith Rennie, Eve Harlow, Oded Fehr

Servizio di streaming: Paramount+

Franchise: Star Trek

Scrittori: Alex Kurtzman

Registi: Olatunde Osunsanmi, Jonathan Frakes

Showrunner: Alex Kurtzman

Dove guardare: Paramount+


Potrebbe interessarti

Star Wars: Racconti dell’Impero Trailer Svela i Segreti degli Inquisitori & Nemesis Jedi di Ahsoka
Star Wars: Racconti dell’Impero Trailer Svela i Segreti degli Inquisitori & Nemesis Jedi di Ahsoka

Sommario “Tales of the Empire” è una nuova serie animata di Star Wars che segue storie e origini del lato oscuro. La miniserie vedrà l’alleanza di Grand Ammiraglio Thrawn, Morgan Elsbeth, e il Jedi ribelle Barris Offee. L’intera serie di “Tales of the Empire” sarà disponibile in streaming il 4 maggio, deviando dalle uscite settimanali. […]

Mi piacerebbe sparare a qualcuno in culo: la star di Curb Your Enthusiasm parla dei piani dopo la fine della serie
Mi piacerebbe sparare a qualcuno in culo: la star di Curb Your Enthusiasm parla dei piani dopo la fine della serie

Sommario J.B. Smoove scherza dicendo che gli piacerebbe essere un cattivo di Bond in futuro, aggiungendo un tocco unico al personaggio con il suo fascino comico. Anche se il ruolo di cattivo di Bond di Smoove potrebbe essere un sogno, è incerto se si adatterebbe alla nuova saga di 007, intensa e cupa. Nonostante la […]