Notizie FilmIl Tokyo Film Festival è più vario e collaborativo

Il Tokyo Film Festival è più vario e collaborativo

-

- Advertisment -spot_img


Ichiyama Shozo è tornato quest’anno al Tokyo International Film Festival come capo selezionatore, dopo aver diretto negli ultimi vent’anni il rivale Tokyo Filmex.

COVID l’anno scorso ha costretto i due festival a mettere da parte la loro rivalità e a cooperare nello slot chiave dell’autunno. Sebbene le condizioni dei virus e delle vaccinazioni in Giappone siano da allora migliorate, permettendo il ritorno delle proiezioni di persona al festival, la collaborazione è stata continuata.

Ichiyama, tuttavia, si guarda bene dal suggerire che il suo cambiamento abbia reso il TIFF più simile al Filmex.

“Quando il presidente del TIFF Ando mi ha avvicinato all’inizio di quest’anno con l’invito a diventare direttore del programma del TIFF, avevo già pensato che era ora che il Filmex cambiasse, si rinnovasse. La sua offerta era una buona occasione per riprogrammare il Filmex sotto un nuovo direttore”.

“Kamiya Naoki, era stato con me fin dall’inizio di Filmex e ne conosceva perfettamente lo scopo. Ha un gusto molto buono. E ottime connessioni con agenti di vendita e produttori”, ha detto Ichiyama. Dopo essere stato sicuro che Kamiya avrebbe preso il suo posto, Ichiyama ha accettato la mossa del TIFF. “I gusti di Naoki e i miei sono leggermente diversi. Ora è più libero di scegliere ciò che vuole”.

Durante la fase di selezione, i due eventi possono aver danzato l’uno intorno all’altro, cercando di non sovrapporsi, ma è successo in qualche occasione.

“Ho cercato di escludere [Kamiya’s opinions]. A volte mi mandava una mail chiedendomi un consiglio. Di solito gli dicevo di andare avanti e mostrare il film”, ha detto Ichiyama. “Ma è successo che abbiamo mandato inviti allo stesso titolo. Un film che abbiamo invitato per la sezione non competitiva World Focus e Filmex ha invitato per la competizione. Abbiamo lasciato la scelta al produttore.

“Al TIFF preferiamo mostrare le prime mondiali, quindi di solito questo significa che se il film è stato presentato a Cannes o Venezia, lo mostreremo in World Focus. Filmex non richiede lo status di premiere, quindi possono prendere film da [Cannes’] Directors’ Fortnight o Un Certain Regard o da Venezia.

Mentre Ichiyama dice che entrambi i festival hanno ottenuto forti line-up, afferma che è stato un caso che il TIFF abbia finito per avere una selezione più simile a quella del Filmex e più asiatica che negli anni precedenti.

“Ho iniziato pensando a [balancing out] geografie. Ma una volta che abbiamo iniziato a guardare, ci siamo resi conto che c’erano tanti buoni film asiatici che non sono stati mostrati nei festival europei.

“Venezia in particolare non mostra così tanti film asiatici in questi giorni. Invece, stanno mostrando più film forti da Hollywood o da Netflix. E Toronto ha ridotto il numero di film che mostra. Così, molti buoni film asiatici non hanno potuto avere una prima lì. Abbiamo finito con molti film asiatici in concorso, dieci su quindici, e nessun film francese o scandinavo”, ha detto Ichiayma. I fan dei film europei hanno potuto trovare molto in altre sezioni.

Le tendenze globali hanno creato un altro dilemma. Mentre molti festival e premiazioni autunnali cercano di posizionarsi come parte della stagione dei premi che precede gli Oscar, c’è un’impennata di interesse per i contenuti televisivi asiatici, scatenata tra l’altro da “Squid Game”.

Tokyo ha risposto istituendo TIFF Series come piattaforma per i contenuti televisivi. Quest’anno trova posto solo per due: “Fragrance of the First Flower”, una serie LGBT da Taiwan, e due episodi di “Folklore”, un omnibus horror diretto da Eric Khoo di Singapore. Ma Ichiyama è fiducioso che la sezione sarà ampliata nelle future edizioni. “Spero che diventi una piattaforma per la scoperta di serie asiatiche, perché questo può essere solo una buona cosa per il festival”, ha detto Ichiyama.

Né vede lo streaming come una minaccia immediata al ruolo dei festival cinematografici, nonostante la loro enorme portata. Amazon Prime Video ha 12 milioni di abbonati in Giappone, molto più del numero di biglietti che il TIFF può vendere.

“Amazon è uno dei grandi sponsor del festival di quest’anno. Non ci hanno presentato alcun film, ma stiamo lavorando insieme al programma di lancio dei cortometraggi. Sappiamo anche che molti registi giapponesi stanno girando film per Amazon. Forse possiamo mostrarne qualcuno l’anno prossimo”, ha detto Ichiyama. “Un buon film è un buon film, anche se è una serie”.

Il festival ha anche mostrato due film di Netflix da Venezia: “Il potere del cane” e “La mano di Dio” in sezioni non competitive.

All’inizio di quest’anno, il TIFF è diventato il primo grande festival asiatico a firmare il Collective 50/50 Pledge sulla parità di genere. Il raggiungimento di questo obiettivo rimane un lavoro in corso.

“Abbiamo iniziato con i membri della giuria e del comitato di selezione e siamo intorno alla parità numerica”, ha detto Ichiyama. Infatti, la giuria del concorso ha una maggioranza femminile.

“Non credo che dovremmo pensare al genere quando selezioniamo i film. Ma sono sicura che possiamo fare un’ottima selezione con molte donne. Abbiamo quattro [of 15] in gara”, ha detto Ichiyama. Ma nessuno di questi è giapponese.

Invece, l’Asian Future ha un film di una donna giapponese, e la nuova sezione Nippon Cinema Now ne ha altri due. Parità di genere a parte, le sezioni indie potrebbero ora essere più equilibrate.

“Ci sembrava strano che giovani e forti registi giapponesi non fossero in competizione nella sezione Asian Future. Così, abbiamo eliminato la sezione Japanese Cinema Splash e messo alcuni film giapponesi in Asian Future”, ha detto Ichiyama.

Dice che il TIFF ha ancora bisogno di un panorama della nuova cinematografia giapponese, da cui la creazione della sezione Nippon Cinema Now. Ma suggerisce anche che altri festival, come Pia e Skip City, che hanno sezioni di concorso per nuovi film indipendenti, hanno un ruolo da svolgere.

“Torneremo a discutere dopo la fine del festival se scopriremo che i giovani registi giapponesi si lamentano di non avere abbastanza possibilità di competere”, ha detto Ichiyama.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you