Asiatica Film Mediale

Il mistero di Groot, il giovane di 9 anni, risolto nel canone del MCU da James Gunn.

Il mistero di Groot, il giovane di 9 anni, risolto nel canone del MCU da James Gunn.
Erica

Di Erica

10 Luglio 2023, 14:48



James Gunn ha nuovamente chiarito il più grande mistero dell’MCU riguardante Groot, rivelando la connessione del personaggio di Guardians of the Galaxy Vol. 3 con la versione originale del supereroe simile ad un albero. Nel 2014, Marvel Studios ha corso un enorme rischio con Guardians of the Galaxy. Composti da personaggi relativamente sconosciuti, gli eroi cosmici sono subito diventati i preferiti dai fan, inclusa Groot.

Gunn afferma nel commento di Guardians of the Galaxy Vol. 3 (tramite The Direct) che “Swole Groot” non è lo stesso della versione originale di Groot. Nonostante sia cresciuto da uno dei rami del suo predecessore, il regista insiste sul fatto che Guardians of the Galaxy ha visto la morte dell’albero con limitate capacità di linguaggio, e che rimane morto per tutto questo tempo. Ciò significa che “Swole Groot” è un personaggio completamente diverso. Ecco la sua citazione completa:

“Qui vediamo Groot ricostituirsi. Sta crescendo di nuovo durante tutto il film. Groot è, ovviamente, ora un Groot giovane adulto. A volte, lo chiamiamo Swole Groot. È Baby Groot in uno stato giovanile adulto e penso che qui iniziamo davvero a vedere che questo Groot non è lo stesso Groot del primo film.”
“Molte persone credono che il primo Groot sia rinato in questa nuova forma. Questo non è vero. Questo Groot è totalmente diverso dal primo Groot. Il primo Groot si è sacrificato, è morto e ha dato vita a questo Groot, che non è una replica genetica del primo Groot.”
“Nella mia mente ho delle ragioni per cui è così. Ho un intero background per il personaggio, ma probabilmente non sarà mai condiviso. Ma lui è un Groot diverso.”

L’origine di Swole Groot contraddice lo status dell’MCU di “I Am Groot”

Alla fine del primo film dei Guardiani della Galassia, è apparso Baby Groot, che alla fine è diventato Teen Groot e ora “Swole Groot”. Nel tentativo di capitalizzare sulla popolarità del personaggio, Marvel Studios ha pubblicato la serie limitata “I am Groot”, che sostiene sia canonica per l’MCU. Ciò, tuttavia, contraddice le affermazioni di Gunn, poiché lo show presenta una scena in cui Baby Groot ricorda il sacrificio del Groot originale in Guardians of the Galaxy. Per quanto valga, Gunn si è opposto apertamente a questa idea, e questa dichiarazione ne sottolinea ancora una volta il pensiero.

Dato che Gunn ha già concluso il suo mandato con Marvel attraverso Guardians of the Galaxy Vol. 3, è interessante sapere se ci sia stato qualche tentativo di conciliare le sue visioni contrastanti sul destino di Groot con quelle dell’MCU. Il regista è sempre stato sincero nel voler evitare di annullare qualsiasi tipo di morte nei suoi film. Quindi, sebbene Michael Rooker sia apparso in Guardians of the Galaxy Vol. 3 nei panni di Yondu, è stato solo attraverso la visione di Kraglin. Tuttavia, poiché non ha più alcun controllo creativo sull’uso dei cosmici eroi spilluzzi in futuro, Marvel Studios può facilmente ritornare sui suoi principi.

Dato che “Swole Groot” rimarrà un membro attivo del nuovo team dei Guardiani della Galassia sotto la guida di Rocket alla fine di Guardians of the Galaxy Vol. 3, è probabile che tornerà nell’MCU in futuro. Tuttavia, rimane poco chiaro se Marvel Studios manterrà la sua posizione o alla fine accetterà l’explicazione di Gunn riguardo ai legami con il Groot originale. In ogni caso, dato il sorgere del multiverso, non sarebbe difficile trovare una soluzione in cui entrambe le visioni diventino canoniche.

Fonte: The Direct


Potrebbe interessarti

La missione più spaventosa: trucco di Mission: Impossible rivelato dal regista di Conto alla rovescia morta
La missione più spaventosa: trucco di Mission: Impossible rivelato dal regista di Conto alla rovescia morta

Il regista veterano della serie Mission: Impossible, Christopher McQuarrie, svela la scena più spaventosa mai girata con Tom Cruise (finora). Dopo aver fatto il suo debutto nel 1996, la serie di film Mission: Impossible è ora più forte che mai, seguendo Ethan Hunt, interpretato da Tom Cruise, mentre svolge missioni pericolose in tutto il mondo. […]

Kit Harington ha appena reso la scena dopo i titoli di coda de Gli Eterni ancora più confusa.
Kit Harington ha appena reso la scena dopo i titoli di coda de Gli Eterni ancora più confusa.

Kit Harington ha appena reso la scena dei titoli di coda di Eternals più strana, grazie a una precisazione sul suo futuro come nuovo personaggio del MCU, Black Knight. Si avvicina lentamente il secondo anniversario del film dell’Universo Cinematografico Marvel di Chloé Zhao eppure, quasi nulla di ciò che è stato preparato per il futuro […]