Asiatica Film Mediale

Il film sulla guerra del Vietnam di Spike Lee, altamente apprezzato, riceve un punteggio di accuratezza inferiore da parte di un esperto.

Il film sulla guerra del Vietnam di Spike Lee, altamente apprezzato, riceve un punteggio di accuratezza inferiore da parte di un esperto.
Erica

Di Erica

26 Febbraio 2024, 20:33


Summary

  • Storico Bill Allison assegna a Da 5 Bloods un punteggio di accuratezza inferiore alla media, criticando una scena che coinvolge un elicottero.
  • Il film mira a mostrare l’esperienza dei soldati afroamericani in Vietnam durante la guerra, mettendo in evidenza l’ingiustizia razziale.
  • Nonostante le inesattezze, Da 5 Bloods mette in luce le sfide affrontate dal personale militare afroamericano durante la guerra del Vietnam.

Da 5 Bloods, il film sulla guerra del Vietnam di Spike Lee molto apprezzato, ottiene un punteggio di accuratezza inferiore alla media da parte dello storico Bill Allison. Uscito nel 2020, il film segue quattro veterani di guerra afroamericani che tornano in Vietnam nel tentativo di localizzare i resti del loro ex leader insieme ad un tesoro sepolto in precedenza. Nel cast di Da 5 Bloods figurano Delroy Lindo, Clarke Peters, Norm Lewis, Isiah Whitlock Jr., Jonathan Majors e l’ormai scomparso Chadwick Boseman nel suo ultimo ruolo. Dopo la sua prima, il film ha ricevuto apprezzamenti, in particolare per le interpretazioni, ottenendo una nomination ai 27° SAG Awards.

In un recente video pubblicato da Insider, Allison ha analizzato Da 5 Bloods e ha discusso dell’inesattezza di una scena, dandole un voto di 5 su 10. Guarda il video qui sotto:

Allison ha spiegato che un elicottero non sarebbe rimasto immobile in mezzo a continui colpi di arma da fuoco, ma ha aggiunto che la decisione dei Viet Cong di lasciare la zona aveva senso. Inoltre, ha stimato il numero di soldati afroamericani in Vietnam, rivelando che “erano presenti in unità combattenti e che subivano perdite a un tasso, una percentuale molto più alta rispetto alla loro percentuale nella popolazione degli Stati Uniti”. Leggi di più della citazione di Allison qui sotto:

Ok. Bandiera della sfida. Con quell’elicottero che arriva e rimane fermo per così tanto tempo in quella valle sotto il fuoco diretto, giusto? Non avrebbero fatto così. Ci sarebbero stati elicotteri di supporto per intervenire in caso di necessità. Perché se rimani fermo, qualcuno con un RPG, un lanciarazzi, come lo chiamano, colpirà quell’elicottero. E infatti è quello che succede.

Sai che sono Viet Cong. Non sono in divisa. In questo modo si può capire. PAVN indosserebbe sempre una divisa. Le donne al servizio dei Viet Cong, sì, assolutamente. Il genere non importava in questa guerra per i Viet Cong o i PAVN, i vietnamiti del nord. Per loro, questa è una minaccia esistenziale. Stanno combattendo per la loro sopravvivenza. Una cosa buona qui è che i VC si ritirano, perché devono aver capito che il supporto aereo verrà chiamato per supportare i ragazzi a terra. E ora hai due insiemi di relitti con cui fare i conti. Quindi devono andarsene dal diavolo.

L’intera premessa del film, del film di Spike Lee qui, è mostrare l’esperienza dei soldati afroamericani in Vietnam sia come combattenti, ma anche come veterani di guerra che tornano in Vietnam. Almeno 300.000, se non di più, afroamericani hanno servito nella guerra. Nei primi anni del conflitto, in particolare nel ’65, ’66, gli afroamericani erano in unità combattenti e subivano perdite a un tasso, una percentuale molto più alta rispetto alla loro percentuale nella popolazione degli Stati Uniti. E questo non è passato inosservato. Persone come Martin Luther King ed altri hanno iniziato a parlare di questo. E nel 1968, ’69, la situazione si è in qualche modo stabilizzata.

Quanto è accurato Da 5 Bloods?

La sequenza esaminata da Allison avviene durante il primo flashback del film, osservando il gruppo di soldati conosciuti come i “Bloods” che, raggiungendo un C-47 militare precipitato, vengono attaccati dalle forze avversarie. Un soldato statunitense finisce ucciso e, come ha sottolineato Allison, la coda dell’elicottero viene distrutta, un errore che probabilmente avrebbe potuto essere evitato con ulteriore supporto. Il resto di quella scena mostra ulteriori combattimenti a livello di terra, con vittime americane e vietnamite, mentre entrambe le parti continuano a sparare le loro armi prima che il nemico si ritiri.

Sebbene Da 5 Bloods non sia basato su una storia vera, esso mostra ciò che il personale militare afroamericano ha vissuto, rivelando come fosse combattere durante la guerra del Vietnam e presenta anche casi di ingiustizia razziale. All’inizio del film, Otis (Peters) spiega che i soldati afroamericani venivano messi in prima linea e molti di loro venivano uccisi. Viene anche fatto riferimento a persone/eventi reali, come Milton L. Olive III e la morte del Dr. Martin Luther King, una persona contraria alla guerra.

Da 5 Bloods è disponibile per lo streaming su Netflix.

Vale la pena menzionare che Lee si è ispirato, in parte, a “Bloods: An Oral History of the Vietnam War” di Black Veterans, che tocca le opinioni di vari uomini afroamericani in relazione alla guerra. Indipendentemente dal fatto che le scene di combattimento in Da 5 Bloods siano accurate, è interessante vedere come il regista abbia focalizzato su quelle esperienze.

Fonte: Insider/YouTube


Potrebbe interessarti

I dettagli delle riprese del prossimo film di Star Wars svelati
I dettagli delle riprese del prossimo film di Star Wars svelati

Sommario La California assegna a The Mandalorian & Grogu 21,8 milioni di dollari di crediti fiscali, una delle più grandi allocazioni per un film mai ricevute nello stato. Il film impiegherà 500 membri della troupe, 54 membri del cast e 3.500 comparse per 92 giorni di riprese durante un periodo di quattro mesi. Le speculazioni […]

La precuela di Star Wars “Phantom Menace” svela i Jedi in ritirata.
La precuela di Star Wars “Phantom Menace” svela i Jedi in ritirata.

Summary A new Star Wars novel revealed that the Jedi Council considered closing down an ancient Jedi outpost that represented their retreat across the galaxy. During the High Republic era, the Jedi used the outpost on Kwenn to showcase their strength, but as time went on, they started to withdraw. The novel, titled The Living […]