Asiatica Film Mediale

Il dirigente dei Marvel Studios reagisce alla posizione di Bill “Non dire gay” del CEO della Disney

Il dirigente dei Marvel Studios reagisce alla posizione di Bill “Non dire gay” del CEO della Disney
Erica

Di Erica

04 Aprile 2022, 15:12


Il dirigente dei Marvel Studios Victoria Alonso reagisce alla posizione criticata del CEO della Disney Bob Chapek sul controverso disegno di legge “Don’t Say Gay” della Florida. Alonso è entrata per la prima volta nel ramo cinematografico dell’editore di fumetti nel 2005 come vicepresidente esecutivo degli effetti visivi e della postproduzione dopo il suo lavoro su successi come Big Fish, per il quale ha ottenuto una nomination al British Academy Film Award. Dopo aver lavorato come co-produttore nella Fase Uno del Marvel Cinematic Universe, Alonso è stato promosso due volte all’interno dei Marvel Studios, prima vicepresidente esecutivo della produzione nel 2015 e successivamente presidente della fisica, post produzione, effetti visivi e animazione nel 2021.

La Florida è stata al centro di ulteriori controversie nell’ultimo mese, quando il governatore Ron DeSantis ha firmato il disegno di legge sui diritti dei genitori nell’istruzione, che vietava di fatto qualsiasi discussione sull’orientamento sessuale o sull’identità di genere dalla scuola materna alle classi di terza elementare. Il disegno di legge, che consente anche ai genitori di citare in giudizio qualsiasi distretto scolastico se ritengono che la politica sia stata violata, è stato oggetto di critiche diffuse per la potenziale violazione del Primo Emendamento e ha visto una causa intentata contro di esso nella speranza di bloccarlo sulla base del suo natura incostituzionale. La Disney è stata al centro di gran parte delle polemiche che circondano il disegno di legge “Don’t Say Gay”, in particolare per la scarsa gestione da parte del CEO Bob Chapek di una risposta alla situazione, e un importante dirigente all’interno della House of Mouse si sta esprimendo contro la sua posizione.

Mentre si presentava ai GLAAD Media Awards durante il fine settimana e accettava il trofeo come Miglior film per Eterni (tramite Deadline), la dirigente dei Marvel Studios Victoria Alonso ha parlato della posizione del CEO della Disney Bob Chapek sul progetto di legge “Don’t Say Gay” della Florida, rivelando che lei gli ha parlato e lo ha spinto a cambiare e ha criticato coloro che sono rimasti in silenzio sulla questione. Guarda cosa ha detto Alonso di seguito:

“Gli ho chiesto di guardarsi intorno e sinceramente se ciò che vendiamo è intrattenimento per la famiglia, non scegliamo quale famiglia. La famiglia è l’intera stanza. La famiglia è la famiglia in Texas, in Arizona, in Florida e nella mia famiglia , a casa mia. Quindi le chiedo di nuovo Mr. Chapek: per favore, rispetta — se vendiamo famiglia — prendi posizione contro tutte queste leggi pazze e obsolete. Prendi posizione per la famiglia. Incoraggio tutti voi a smettere tacere — il silenzio è morte. Il silenzio è veleno. Ma se non ti alzi, se non combatti, se non dai i tuoi soldi, se non voti, allora tutto ciò che possiamo fare è fai una festa e sii gay. Combatti, combatti, combatti! Finché sarò ai Marvel Studios, lotterò per rappresentare tutti noi. “

Come ha notato Alonso nella sua posizione, il Marvel Cinematic Universe ha lentamente iniziato a costruire una migliore diversità di personaggi LGBTQ+ negli ultimi anni. Loki di Tom Hiddleston e la sua variante, Sylvie di Sophia Di Martino, sono stati confermati bisessuali nell’episodio 3 dell’omonima serie Disney+, rimanendo fedeli alla sua sessualità nei fumetti, mentre Tessa Thompson ha dichiarato che anche Valkyrie è bisessuale e ha avuto una scena da Thor : Ragnarok conferma tale taglio dal film. Anche Phastos in Eternals di Brian Tyree Henry è stato confermato essere gay prima dell’uscita del film, con la storia che rivela che ha un marito e un figlio nella storia dei giorni nostri e che i due si baciano.

Nonostante i suoi sforzi, l’MCU ha ricevuto alcune critiche riguardo alla sua diversità LGBTQ+, inclusa la sua mancanza e il casting di più attori etero in ruoli gay, come Joe Russo di Henry e Avengers: Endgame. Tuttavia, i Marvel Studios hanno fatto un lavoro migliore nell’ampliare la loro diversità nei loro progetti rispetto alla Disney, che è stata oggetto di frequenti critiche per aver assegnato ai personaggi LGBTQ+ solo brevi momenti sullo schermo, oltre a parlare contro il disegno di legge “Don’t Say Gay” della Florida , con gli scrittori della Marvel Comics che donano la loro paga direttamente alla Matthew Shepard Foundation in risposta alla deludente risposta di Chapek. Mentre la Disney da allora si è espressa contro il disegno di legge e ha promesso di provare a farla abrogare, molti che lavorano nelle varie filiali dello studio e all’interno della comunità LGBTQ+ stanno aspettando di vedere una risposta più forte.

Fonte: Scadenza

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Ben Schwartz prende in giro la scena preferita di Renfield con Dracula di Nicolas Cage
Ben Schwartz prende in giro la scena preferita di Renfield con Dracula di Nicolas Cage

La star di Renfield, Ben Schwartz, anticipa una grande scena che sta per girare con Dracula di Nicolas Cage. Il famoso compagno di film di mostri finalmente ottiene il suo film sotto i riflettori dopo tutti questi anni, con Nicholas Hoult nel ruolo del protagonista. Renfield interpreta anche Cage nei panni del datore di lavoro […]

Alexander Skarsgård sul perché le persone non lo prendevano sul serio come attore
Alexander Skarsgård sul perché le persone non lo prendevano sul serio come attore

La star di Northman Alexander Skarsgård dice di non essere stato preso sul serio come attore all’inizio della sua carriera. La star svedese è nota per aver interpretato personaggi maschili assertivi, così come per la sua volontà di mostrare tutto sullo schermo. Sebbene inizialmente si sia fatto un nome a livello nazionale, Skarsgård ha guadagnato […]