Asiatica Film Mediale

Il design del Grand Inquisitore Kenobi spiegato dal consiglio del creatore di Clone Wars

Il design del Grand Inquisitore Kenobi spiegato dal consiglio del creatore di Clone Wars
Debora

Di Debora

17 Luglio 2022, 18:52


Dave Filoni, creatore di Star Wars: The Clone Wars e Star Wars Rebels, ha dato consigli al team di progettazione di Obi-Wan Kenobi che probabilmente ha influenzato il design live-action del Grande Inquisitore. L’ultima serie live-action di Star Wars ha visto il ritorno di Ewan McGregor nei panni del famoso Jedi per una storia di auto-perdono e riscoperta. Oltre a McGregor, anche Hayden Christensen è tornato nei panni di Darth Vader/Anakin Skywalker, ma al duo si è unito un cast pieno di nuove aggiunte alla galassia di Star Wars, in particolare il debutto live-action della squadra di Vader di sensibili alla Forza, Jedi- caccia agli Inquisitori.

A capo di questa squadra c’è il Grande Inquisitore, un personaggio che ha fatto il salto dall’animazione al live-action in Obi-Wan Kenobi grazie all’aiuto dell’attore Rupert Friend. La transizione del Grande Inquisitore al live-action sarebbe stata una sfida fin dall’inizio a causa della natura della sua specie Pau’an, dai suoi denti aguzzi e dai luminosi occhi giallo arancio alle rughe e ai segni sulla sua lunga fronte. Il risultato in Obi-Wan Kenobi è stato inizialmente accolto con un’accoglienza piuttosto scarsa, ma è cresciuto su alcuni spettatori fino a ottenere recensioni contrastanti. Tuttavia, non si può negare l’incredibile performance di Friend nei panni dell’Inquisitore principale, qualcosa che ha aiutato con un design che non poteva essere esagerato come lo è nell’animazione.

Ora, il consiglio di Filoni offre alcune informazioni sul motivo per cui il design del Grand Inquisitor di Obi Wan Kenobi ha l’aspetto che ha. Le parole del creatore di Guerre dei Cloni sono state condivise dal direttore artistico della Lucasfilm Brad Elliott sul sito Web ufficiale di Star Wars in un pezzo sulla traduzione delle iconiche spade laser degli Inquisitori dall’animazione al live-action. Elliot rivela che Filoni ha avuto consigli per il team che ha progettato le impugnature della spada laser a doppia lama e rotante, suggerendo che pensano ai design animati come a interpretazioni esagerate di una versione live-action. In questo modo la sua squadra si è liberata per creare armi che sembravano proporzionali per le mani umane, ha spiegato Elliott, piuttosto che servire esclusivamente un’estetica animata. Di seguito puoi leggere i consigli di Filoni ai designer di Obi-Wan Kenobi:

“Immagina che il live action sia arrivato prima e che il materiale animato fosse una versione esagerata del live action”.

Sebbene le parole di Filoni siano servite in modo specifico al team di oggetti di scena, il sentimento è stato senza dubbio condiviso di nuovo con i responsabili del design generale del Grande Inquisitore per il suo debutto dal vivo. Come ha affermato Filoni, molte cose nell’animazione sono esagerate e lo stile di animazione di The Clone Wars non è diverso. Questa è la natura del mezzo animato rispetto al live-action, quest’ultimo preferisce proporzioni e dettagli che abbiano un senso nella realtà quotidiana delle persone. Pertanto, il consiglio di Filoni spiega perché il Grande Inquisitore ha un design della testa più piccolo e una striatura rossa meno prominente sotto gli occhi. Non solo sarebbe più pratico per il team di progettazione e l’attore stesso, ma farebbe anche apparire lo stile di animazione esagerato come se fosse influenzato dal live-action piuttosto che viceversa.

La stagione 2 di Obi-Wan Kenobi deve ancora essere annunciata, il che lascia nell’aria le future apparizioni del Grande Inquisitore in live-action per ora. La serie è stata pubblicizzata come limitata a una stagione, ma l’interesse condiviso da McGregor e Christensen per più storie di Obi-Wan e Vader/Anakin sembra rendere possibile l’idea di una seconda stagione. La stessa Lucasfilm ha lasciato la porta aperta per tale opportunità, anche se la conferma ufficiale deve ancora arrivare. La regista della serie Deborah Chow e la compositrice Natalie Holt, tuttavia, hanno espresso dubbi sul proseguimento della serie, insistendo invece sul fatto che la storia sia stata completata. Tuttavia, l’idea di speranza è al centro di Obi-Wan Kenobi, il che significa che gli spettatori possono continuare a cercare qualsiasi notizia di un’altra puntata.

Fonte: Guerre stellari

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

L’imminente episodio della terza stagione di Evil è ispirato da TikTok
L’imminente episodio della terza stagione di Evil è ispirato da TikTok

Il creatore di Evil rivela che un episodio della terza stagione in arrivo è stato ispirato da TikTok. La serie drammatica soprannaturale è stata presentata per la prima volta nel 2019 sulla CBS prima di trasferirsi infine su Paramount+. Segue la dottoressa Kristen Bouchard (Katja Herbers), una psicologa forense che, nonostante il suo scetticismo, collabora […]

Il sequel di Jon Snow può finalmente utilizzare 1 personaggio chiave del libro che è stato tagliato in modo errato
Il sequel di Jon Snow può finalmente utilizzare 1 personaggio chiave del libro che è stato tagliato in modo errato

Sebbene Il Trono di Spade abbia superato i libri di George RR Martin molto prima che finisse, il sequel di Jon Snow potrebbe comunque utilizzare un personaggio di Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco che la serie HBO non ha utilizzato. Secondo quanto riferito, un sequel di Jon Snow è in fase di sviluppo […]