Notizie Serie TVIl creatore di Fargo confronta l'approccio alla violenza del...

Il creatore di Fargo confronta l’approccio alla violenza del film Show e dei fratelli Coen

-


Il creatore di Fargo, Noah Hawley, mette a confronto il modo in cui il suo show e l’iconico film dei fratelli Coen affrontano la violenza. Rilasciato nel 1996, Fargo è diventato un classico di culto tra i fan del cinema, raccontando la storia di un goffo venditore di auto che organizza il rapimento della propria moglie per ottenere un riscatto da suo suocero. Il film presenta il marchio unico di commedia oscura dei fratelli Coen inframmezzato dal loro approccio distintivo alla violenza improvvisa e scioccante.

La serie Fargo, vincitrice del premio Emmy, andata in onda per la prima volta nel 2014, si svolge nello stesso mondo immaginario e cupamente comico, ma introduce nuovi personaggi e trame. Più ispirato al film che a un adattamento diretto di esso, lo spettacolo FX è stato elogiato per il modo in cui cattura la voce unica dei Coen e allo stesso tempo apre nuovi orizzonti. Lo spettacolo è andato in onda la stagione 4 nel 2020 e da allora Hawley ha espresso il desiderio di terminare lo spettacolo con una stagione 5 ancora da confermare. Tuttavia, è stato difficile ottenere notizie concrete sulla stagione 5 di Fargo, dal momento che Hawley è attualmente nel bel mezzo dello sviluppo della sua serie Alien per la stessa rete.

In una nuova intervista con Esquire, Hawley riflette sul suo show e sul film Fargo, in particolare sui modi in cui entrambi affrontano la violenza. Riconosce che la violenza nei film dei fratelli Coen è tipicamente scioccante e grafica, e spiega che cerca di usare questa aspettativa per sfidare gli spettatori quando si tratta di violenza nello spettacolo. Hawley usa quindi un momento della stagione 2 di Fargo per illustrare il suo punto. Dai un’occhiata al suo commento completo qui sotto:

Non voglio mai che la violenza sia intrattenimento. Pensando a Fargo, con i fratelli Coen come modello, la violenza nei loro film è sempre improvvisa e sempre raccapricciante. Il mio approccio in Fargo è stato che la violenza sullo schermo è un modo utile per aiutare lo spettatore a esaminare ciò che voleva che accadesse. Pensavi di volere la violenza perché siamo addestrati a volere la violenza, ma cosa succede se la violenza è brutta e terribile? Non è così facile, spero, fare il tifo per una persona per ucciderne un’altra. Nella seconda stagione di Fargo, Jesse Plemons e Kirsten Dunst sono intrappolati tra due famiglie criminali. Pensiamo, ‘Chiunque mandi a uccidere questi due, facciamo il tifo per Kirsten e Jesse’, ma poi mandano il giovane figlio con paralisi cerebrale. Ora per chi fai il tifo? Neanche tu vuoi che quel ragazzo venga ucciso. Mette lo spettatore in una posizione scomoda, esaminando ciò che pensava di volere. Troppo del nostro panorama narrativo moderno si basa sull’idea che una persona deve uccidere un’altra persona affinché la storia sia soddisfacente.

Mentre molti film d’azione si divertono con la violenza e cercano di far desiderare di più al pubblico, è chiaro che Hawley sta tentando di presentare qualcosa di più complesso con Fargo. Invece di glorificare i momenti violenti dello spettacolo e renderli puro intrattenimento, Hawley sta cercando di renderli più impegnativi per lo spettatore rendendo difficile scegliere per chi tifare. Questo approccio alla fine porta a più tensione perché il pubblico si rende conto che non vuole che questi personaggi comprensibili e simpatici muoiano.

In definitiva, la scrittura eccezionale di Hawley è ciò che fa funzionare così bene il suo approccio alla violenza. L’esempio che fa dalla stagione 2, con Plemons, Dunst e Charlie Gerhardt, il personaggio con paralisi cerebrale, funziona bene perché tutti quei personaggi sono scritti in modo tale da renderli empatici al pubblico. Creando scenari tesi con personaggi su lati opposti che sono tutti riconoscibili a un certo livello, i momenti violenti in Fargo diventano impegnativi, ma anche profondamente toccanti. Si spera che Hawley sia in grado di rivisitare il mondo di Fargo per la stagione 5, dove può continuare a creare personaggi riconoscibili all’interno dell’ambiente oscuro e divertente creato dai fratelli Coen nel 1996.

Fonte: Esquire

.item-num::after { content: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

Latest news

Le riprese del prossimo film di Bradley Cooper come regista inizieranno a maggio

Il prossimo progetto di Bradley Cooper come regista, Maestro, inizierà le riprese a maggio. L'attore quattro volte...

Perché Taylor Lautner non è tornato come Sharkboy in We Can Be Heroes

Taylor Lautner spiega perché ha deciso di non tornare come Sharkboy per We Can Be Heroes di Robert...

La star di Eternals non vedeva Harry Styles come un supereroe prima del casting dell’MCU

La star di Eternals, Lia McHugh, rivela che inizialmente non poteva pensare all'idea di Harry Styles come supereroe...

Le star di The Office John Krasinski e Steve Carell si riuniscono in un nuovo film

Gli ex co-protagonisti di Office Steve Carell e John Krasinski si riuniranno nel nuovo film della Paramount If,...

La Disney risponde alle critiche al film Biancaneve di Peter Dinklage

La Disney ha risposto alle critiche dell'attore Peter Dinklage sul nuovo adattamento live-action di Biancaneve. Basato sul...

Le foto del set di Halloween Ends rivelano il ritorno di Jamie Lee Curtis nei panni di Laurie Strode

È stato rivelato il primo sguardo a Jamie Lee Curtis nei panni di Laurie Strode sul set di...

Must read

You might also likeRELATED
Recommended to you