Asiatica Film Mediale

Il Book Tour di Will Smith si ferma al Dolby Theatre di Los Angeles con Ava DuVernay

Il Book Tour di Will Smith si ferma al Dolby Theatre di Los Angeles con Ava DuVernay
Erica

Di Erica

13 Novembre 2021, 03:45


Il tour del libro di Will Smith ha fatto tappa al Dolby Theatre di Hollywood giovedì sera.

Il teatro da 3.400 posti era pieno zeppo per le due ore dell’evento, mentre Smith ha portato il suo speciale marchio di fumo sul palco sia sotto forma di pirotecnica, che di un nuovo verso.

In parte rap show, in parte seminario motivazionale e in parte sermone, i fan pendevano dalle labbra di Smith mentre si apriva sugli alti e bassi della sua vita e della sua carriera, divulgando i segreti del suo successo a Hollywood, così come alcuni dei suoi momenti più bui e delle delusioni più profonde. E mentre l’acclamata regista Ava DuVernay intervistava il due volte nominato all’Oscar nella sede degli Oscar, era difficile non immaginare che Smith potrebbe molto probabilmente tornare in questa sede tra circa quattro mesi per la sua interpretazione di Richard Williams, padre delle grandi del tennis Venus e Serena Williams, in “King Richard”.

La paternità è stata una delle principali linee guida della conversazione, dato che Smith ha dettagliato il suo complicato rapporto con suo padre Willard Carroll Smith Sr. (detto Daddio), che Smith dice essere stato ed essere il suo eroe, ma anche una fonte di grande dolore, dato che era violento durante l’infanzia di Smith.

“Alcune delle cose più grandi di me sono perché lui era mio padre, alcune delle più grandi lezioni della mia vita – il modo in cui guardo il mondo, il modo in cui posso sopportare, il modo in cui penso”, ha condiviso Smith. “Era il mio eroe, ma allo stesso tempo ha picchiato mia madre davanti a me. E questo stravolge una giovane mente. … Non dovresti odiare qualcuno che picchia tua madre?

Da giovane, Smith assunse la situazione come un suo fallimento personale, diventando un intrattenitore come meccanismo di difesa. “Ho iniziato ad esibirmi come un modo per cercare di mantenere la pace in casa mia”, ha rivelato. “Se tutti ridono e tutti si divertono, nessuno viene picchiato”.

Smith ha anche condiviso come quella relazione fratturata lo abbia spinto a cercare di diventare “il miglior padre che questo pianeta abbia mai visto” per i suoi figli Trey, Jaden e Willow.

“Ho voluto essere padre per tutta la vita”, ha spiegato. “Da quando avevo 5 anni, sapevo di voler essere una famiglia. Sapevo di voler avere dei figli. In parte a causa della mia infanzia, volevo avere la possibilità di farlo meglio e di farlo bene”.

Parlando dei figli di Smith, la serata ha avuto un significato speciale perché cadeva nel giorno del 29° compleanno di Trey. Smith ha indicato il suo figlio maggiore tra il pubblico, che era seduto accanto a sua madre, l’ex moglie di Smith, Sheree Zampino, e gli ha chiesto di alzarsi per gli applausi, mentre un’insegna al neon che recitava “Buon compleanno Trey” lampeggiava sullo schermo. La superstar ha poi eseguito il suo brano del 1997 “Just the Two of Us”, accompagnato dal suo pianista Marcus.

“Avresti mai pensato che avresti parlato di questo a tuo figlio al Dolby Theatre di fronte a tutta questa gente? Ha chiesto la DuVernay.

“Era un momento così spaventoso per me, anche perché ero appena tornata dall’essere al verde [referring to the moment in 1990 when he had to sell everything to pay back taxes]ed ero come, ‘Oh no, ora ho coinvolto qualcun altro'”, ha detto Smith, guadagnandosi una risatina dal pubblico.

“Ed è stato un periodo davvero difficile – la nascita di Trey è stata un cesareo d’emergenza e lui aveva, quando ha messo i bambini in terapia intensiva, aveva una flebo in testa. È stata un’introduzione scioccante alla genitorialità”.

Smith ha anche dato uno shout-out a Zampino, lodandola per il modo in cui ha mantenuto il loro rapporto tra e dopo il loro divorzio. “È così critico in quelle situazioni – specialmente per quanto stavo lavorando e per tutto quello che stavo facendo – e Sheree tu hai tenuto duro per 29 anni. Ti ho per sempre”, ha detto.

Ha anche riconosciuto gli amici di lunga data presenti in sala, tra cui Charlie Mack e il veterano dell’intrattenimento Benny Medina, e ha deliziato il pubblico con storie sui ruoli che hanno giocato in alcuni dei suoi momenti da favola, tra cui il suo team con DJ Jazzy Jeff a Philadelphia e la sua audizione improvvisata per “The Fresh Prince of Bel-Air” alla festa di compleanno di Quincy Jones, tutto sulla strada per accumulare una serie di successi al botteghino (otto film consecutivi al numero 1 dal 2002-2008, per essere esatti).

Per concludere la conversazione, Smith ha raccontato la sua ultima chiamata su Facetime con Daddio, morto nel novembre 2016. Era sul set di “Bright” quando il regista David Ayer gli disse di chiamare suo padre perché era un’emergenza. Al padre di Smith erano state date sei settimane di vita circa tre mesi prima, con i due uomini che si sono presi quel tempo per diventare reali sul loro rapporto.

In quell’ultima telefonata, ha detto Smith, i due si sono guardati per circa 20 minuti. Suo padre non aveva più consigli da dare, e alla fine si rivolse all’umorismo.

Ma Smith dice che risolvere le cose con suo padre “ha purificato il suo cuore” e gli ha insegnato alcune importanti lezioni di vita.

“Ho appena imparato cos’è l’amore, sai cosa voglio dire? È come, non puoi … non puoi punire le persone per gli errori”, ha detto Smith, iniziando a rompere sul palco. “Nessuno … nessuno è perfetto. Tutti stanno passando un momento difficile e stanno cercando di capire questa merda nel miglior modo possibile”.

Continuò: “Devi perdonare le persone. E una grande parte di questo è perdonare se stessi. Se non perdoniamo noi stessi per le cose, ci è impossibile perdonare le altre persone. [Daddio] mi ha aiutato a coltivare una sorta di invincibilità emotiva. Amare ed essere amati è davvero tutto quello che c’è, e tutto il resto deve essere impostato per sostenere questo”.

Dopo aver asciugato le sue lacrime (e mentre molti tra il pubblico hanno trattenuto le proprie), Smith ha ringraziato DuVernay per il suo ruolo di co-presentatore ed è tornato in modalità rapper, eseguendo “Gettin’ Jiggy Wit It”, il suo primo singolo numero 1, per concludere la serata con una nota alta.

La candida conversazione faceva parte di un vorticoso giro di pubblicità per Smith, che promuove contemporaneamente il libro di memorie “King Richard” e la sua prossima serie del National Geographic “Welcome to Earth”. Intitolata “An Evening of Stories With Friends”, l’edizione di Los Angeles ha seguito le tappe di Filadelfia, città natale di Smith, ospitata da Queen Latifah prima che Smith e DJ Jazzy Jeff facessero crollare la casa con un rapido set; Brooklyn, con Spike Lee come emcee; e Chicago, dove il co-autore del libro di memorie Mark Manson ha fatto gli onori di casa.

Ora ecco solo alcuni punti salienti del prossimo programma dell’attore: domenica sera, Smith torna a Hollywood Blvd. per la prima del tappeto rosso di “King Richard”, mentre il dramma familiare della vita reale chiude il 2021 AFI Film Festival al TCL Chinese Theatre (proprio accanto al Dolby). Poi attraverserà l’oceano per andare a Londra per l’ultima tappa del tour del libro e per una conversazione con Idris Elba il 18 novembre. Il giorno dopo (19 novembre), “King Richard” debutta nei cinema e inizia lo streaming su HBO Max.




Potrebbe interessarti

Recensione di ‘On The Water’: La candidatura all’Oscar dell’Estonia è un tenero coming-of-Ager
Recensione di ‘On The Water’: La candidatura all’Oscar dell’Estonia è un tenero coming-of-Ager

Una sceneggiatura toccante, un design di produzione attraente e interpretazioni accattivanti portano qualcosa di fresco ai familiari tropi di coming-of-age in “On the Water”. Presentato dall’Estonia per l’Oscar internazionale, il film si svolge nell’Estonia rurale sovietica all’inizio degli anni ’80, durante un anno cruciale nella vita del timido protagonista adolescente che lo trova lentamente a […]

Giorno Disney Plus: Marvel, Star Wars, Pixar deludono
Giorno Disney Plus: Marvel, Star Wars, Pixar deludono

Per tre ore venerdì mattina, Disney ha inondato i social media con una Main Street Parade di primi sguardi, annunci e trattamenti dei titoli per almeno 45 serie, film e speciali destinati a debuttare sul suo servizio di streaming, Disney Plus. La cavalcata promozionale ha coperto ogni sezione del servizio – Marvel, Lucasfilm, Pixar, animazione […]