Asiatica Film Mediale

I lavoratori Marvel VFX votano per sindacalizzarsi presso Disney, stabilendo un importante precedente nell’industria.

I lavoratori Marvel VFX votano per sindacalizzarsi presso Disney, stabilendo un importante precedente nell’industria.
Erica

Di Erica

08 Agosto 2023, 15:15



I lavoratori degli effetti speciali di Marvel stanno votando per l’unione a causa di un eccesso di lavoro e scadenze irrealistiche, evidenziando la necessità di migliorare le condizioni lavorative del settore. La loro sindacalizzazione potrebbe dar vita a un movimento più ampio, con più artisti che chiedono un miglior trattamento e si oppongono alle richieste degli studios. Questo sviluppo riflette gli scioperi in corso a Hollywood, in cui diversi gruppi lottano per migliorare gli accordi lavorativi, segnalando la necessità di un cambiamento nell’intera industria.

I lavoratori degli effetti speciali che hanno raccontato la loro esperienza di lavoro sulle produzioni dell’Universo Cinematografico Marvel stanno votando a favore della sindacalizzazione. Nel corso dell’ultimo anno, Marvel Studios è stata oggetto di molte critiche per la qualità degli effetti speciali in vari progetti. Allo stesso tempo, numerosi artisti degli effetti speciali si sono fatti avanti con storie sulle loro problematiche esperienze nell’MCU, in cui venivano sottoposti a un eccesso di lavoro e costretti a rispettare scadenze impossibili. Tutto ciò accade mentre Hollywood è attualmente coinvolta non in uno, ma in due scioperi importanti, poiché la Writers Guild of America e la SAG-AFTRA lottano per ottenere migliori accordi lavorativi.

Ora, Vulture riporta che i lavoratori degli effetti speciali che hanno lavorato sulle produzioni di Marvel Studios stanno cercando di unirsi all’International Alliance of Theatrical Stage Employees (IATSE). Un gruppo di “più di 50 dipendenti sul set” ha presentato una petizione per far sì che l’IATSE organizzi un’elezione già il 21 agosto; ciò consentirebbe agli artisti di essere rappresentati dal sindacato con il National Labor Relations Board. Mark Patch, organizzatore degli effetti speciali per l’IATSE, ha detto quanto segue riguardo al “passo storico per i lavoratori degli effetti speciali”:

“Da quasi mezzo secolo, i lavoratori nell’industria degli effetti speciali visivi sono stati privati delle stesse protezioni e benefici di cui i loro colleghi e membri dell’equipaggio si sono avvalsi sin dall’inizio dell’industria cinematografica di Hollywood. Questo è un passo storico per i lavoratori degli effetti speciali che si uniscono con una voce collettiva che reclama rispetto per ciò che facciamo”.

Se i lavoratori degli effetti speciali di Marvel si sindacalizzassero, segnerebbe l’inizio di un altro campanello d’allarme per i dirigenti di Hollywood, confermando la necessità di un miglioramento drastico delle condizioni lavorative per tutti coloro che lavorano in vari programmi televisivi e film. Le storie su come gli artisti degli effetti speciali abbiano dovuto lavorare ore estremamente lunghe per alcune recenti produzioni dell’MCU hanno portato al ricevimento del prodotto finale sullo schermo con risposte miste. Mentre la pandemia globale da COVID-19 è stato un fattore importante nel 2020, i problemi che si verificano ora sono dovuti a una scarsa organizzazione dietro le quinte, che influisce sulle squadre di post-produzione.

Se i lavoratori degli effetti speciali di Marvel riescono a ottenere le loro richieste, potrebbe portare ad ancora più artisti che si sindacalizzano e si oppongono alle richieste degli studios. Gli scioperi della WGA e della SAG-AFTRA hanno probabilmente giocato un ruolo nell’aver reso possibile questo momento storico, poiché questa diventa una battaglia ancora più grande per il futuro di Hollywood. Non dovrebbe essere un problema nel 2023 per gli artisti che trascorrono centinaia di ore a creare queste mondi visivi dover affrontare ambienti di lavoro irragionevoli.

Il tempo dirà dopo il 21 agosto come la sindacalizzazione degli artisti degli effetti speciali influenzerà i progetti delle Fasi 5 e 6 di Marvel Studios, molti dei quali non hanno ancora iniziato le riprese. Senza dubbio, però, questa è la direzione che Hollywood deve intraprendere, poiché gli standard lavorativi sono stati problematici per troppo tempo. Per ora, il mondo dovrà aspettare e vedere cosa accadrà alla corretta sindacalizzazione dei lavoratori degli effetti speciali dell’MCU.

Fonte: Vulture

Date di rilascio chiave:
– The Marvels: 10 novembre 2023
– Deadpool 3: 3 maggio 2024
– Captain America: Brave New World: 3 maggio 2024
– Marvel’s Thunderbolts: 20 dicembre 2024
– Blade (2025): 14 febbraio 2025
– Marvel’s Fantastic Four: 2 maggio 2025
– Avengers: The Kang Dynasty: 1 maggio 2026
– Avengers: Secret Wars: 1 maggio 2027


Potrebbe interessarti

Nuovo film horror vietato in Kuwait a causa di un membro del cast transgender, l’attore risponde alla decisione “disumana”
Nuovo film horror vietato in Kuwait a causa di un membro del cast transgender, l’attore risponde alla decisione “disumana”

Il film horror di successo “Talk to Me” è stato vietato in Kuwait a causa della presenza dell’attore trans Zoe Terakes. Zoe Terakes ha definito la decisione “distruttiva per la dignità” ed ha espresso i propri pensieri su Instagram. Il divieto di “Talk to Me” è senza precedenti e solleva preoccupazioni per un trend preoccupante […]

Oppenheimer prolunga la proiezione in formato IMAX 70mm dopo un successo senza precedenti
Oppenheimer prolunga la proiezione in formato IMAX 70mm dopo un successo senza precedenti

Sommario Oppenheimer continua la sua impressionante corsa nei cinema, con la sua distribuzione IMAX 70mm estesa fino alla fine di agosto. Diretto da Christopher Nolan, il film esplora il ruolo di J. Robert Oppenheimer nel Progetto Manhattan e ha incassato oltre 556 milioni di dollari in tutto il mondo. L’estensione della distribuzione IMAX di Oppenheimer […]