RecensioniHa detto recensione: film contrastante ma importante con grandi...

Ha detto recensione: film contrastante ma importante con grandi interpretazioni [SDIFF]

-


Il movimento #MeToo, fondato dall’attivista americana Tarana Burke nel 2006, è ampiamente riapparso sui media nel 2017 dopo che un rapporto del New York Times ha dettagliato in modo dettagliato le schiaccianti accuse di aggressione sessuale contro il produttore di Hollywood Harvey Weinstein. La rivelazione, scritta dai giornalisti Jodi Kantor e Megan Twohey, ha svelato decenni di abusi per mano del produttore cinematografico un tempo idolatrato. Con un cambiamento così profondo nella tolleranza delle culture abusive sul posto di lavoro e la fiducia nel resistere a tali crudeltà, non sorprende che una storia di questo calibro sia arrivata sul grande schermo. La regista Maria Schrader dà vita al romanzo di Kantor e Twohey, che svela il processo per sconfiggere uomini potenti che abusano del loro potere. She Said è un racconto abbastanza buono di una storia cruciale, ma la durata irragionevolmente lunga lotta per sostenere la convinzione prevista.

In tutto il suo lungometraggio, Schrader fa un coraggioso tentativo di dimostrare lo sforzo schiacciante che ci è voluto per far pubblicare questa storia implacabile e che cambia la vita. Mentre la storia segue i principali giornalisti, Kantor (Zoe Kazan) e Twohey (Carey Mulligan), gli spettatori vedono che le loro vite non si sono mai fermate per la storia e viceversa. Entrambe le donne hanno famiglie, con bambini piccoli che hanno bisogno delle loro attenzioni, il che contribuisce all’idea che la vita vada avanti. Il film fa un ottimo lavoro mostrando che nessuno dei due ha interferito con l’altro. E alla fine, la loro persistenza e la ricerca incessante della verità per aiutare le vittime a ottenere la giustizia di cui avevano bisogno è fonte di ispirazione.

Carey Mulligan e Zoe Kazan in Lei ha detto

Nonostante queste caratteristiche trionfanti della narrazione, She Said lotta con problemi di ritmo. Il primo atto impiega molto tempo per trovare la sua base, passando rapidamente da un caso di aggressione sessuale a cui stanno lavorando i giornalisti. Forse è stato un modo per la sceneggiatrice Rebecca Lenkiewicz di sottolineare quanto siano prevalenti questi problemi, ma un primo atto limitato avrebbe potuto impostare il film sulla strada giusta. Ciò, insieme al dedicare un po’ troppo tempo ai dettagli, contribuisce a una lunga durata che non riesce a mantenere l’effetto stabilito dalle conversazioni con i vari personaggi che hanno interpretato le numerose vittime di Weinstein. Indipendentemente da ciò, è facile riconoscere l’importanza di tali dettagli.

La cosa più contrastante di She Said è che, a volte, sembra che il film sia solo una gigantesca pacca sulla spalla di Hollywood per aver finalmente fatto qualcosa per il loro problema con i predatori. I frequenti nomi di attrici di grande fama e le apparizioni come ospiti tendono a portarlo in quella direzione. Per fortuna, la sceneggiatura di Lenkiewicz trascorre tanto tempo con le vittime meno conosciute quanto con i suoi protagonisti, il che aggiunge livelli di integrità tanto necessari. Tuttavia, nel grande schema delle cose, ci sono ancora abusatori che rimangono illesi a Hollywood, e hanno lo stesso successo dei loro ultimi progetti molto tempo dopo le rivelazioni delle loro malefatte. A tal fine, è spesso difficile prendere sul serio il film sapendo che è l’ennesima produzione hollywoodiana.

Zoe Kazan, Carey Mulligan, Andre Braugher e Patricia Clarkson in She Said

Tuttavia, uno degli elementi più potenti del lungometraggio di Schrader è la sensibilità con cui modella la narrazione nonostante i sentimenti di valutazione ironica del film. Entrando in questo film, l’empatia potrebbe già essere un’emozione di base vissuta dagli spettatori. Ma dopo approfondite conversazioni tra i giornalisti e più donne, le reazioni successive potrebbero essere disgusto per l’autore e completa compassione per le sue vittime. Inoltre, non c’è un momento in queste discussioni in cui Mulligan e Kazan non offrano grandi prestazioni. Sono fermi e affidabili, mantenendo le componenti intriganti e sempre potenti della storia.

A testimonianza del potere del giornalismo investigativo, She Said mette in evidenza il coraggio di sopravvissuti e testimoni che scelgono di farsi avanti per impedire a un predatore seriale di continuare su tutte le furie dell’assalto. La loro integrità e dedizione nel portare alla luce questa storia hanno amplificato ulteriormente il movimento #MeToo a Hollywood e in tutto il mondo. Anche se tende a prolungare la sua accoglienza, She Said si prende il suo tempo per condividere le esperienze delle donne in un modo che lascia un impatto sufficiente da far desiderare di resistere al sistematico maltrattamento delle donne nel proprio posto di lavoro. È sufficiente mettere da parte temporaneamente ogni crescente disprezzo per un settore che ha ancora oggi questi problemi esistenti.

She Said è stato proiettato al San Diego International Film Festival del 2022 e uscirà nelle sale il 18 novembre. Il film è lungo 128 minuti e classificato R per le descrizioni di aggressioni sessuali e linguaggio.

Ultime News

Lo scherzo Meta Disney di Strange World è già una realtà

Avvertenza: questo post contiene spoiler per Strange WorldL'avventura animata di Strange World Disney è piena di riferimenti ad...

L’acrobazia di fuoco di Home Alone 2 ha davvero ferito Joe Pesci

Il veterano di Home Alone Joe Pesci ha effettivamente realizzato il suo lavoro acrobatico per una scena in...

Loungefly presenta i nuovi e divertenti Flintstones [EXCLUSIVE]

Screen Rant è entusiasta di annunciare una nuova linea nostalgica di prodotti Loungefly con la famiglia preistorica preferita...

La clip della seconda stagione di Slow Horses trova Jack Lowden sotto l’ombra di Gary Oldman

Screen Rant è entusiasta di presentare una clip esclusiva della stagione 2 di Slow Horses, che sarà presentata...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te