Asiatica Film Mediale

Gli scioperi degli scrittori e degli attori continueranno a tempo indeterminato poiché gli studi non riescono a negoziare un nuovo accordo (ancora una volta)

Gli scioperi degli scrittori e degli attori continueranno a tempo indeterminato poiché gli studi non riescono a negoziare un nuovo accordo (ancora una volta)
Erica

Di Erica

05 Agosto 2023, 17:12



Dopo segni di speranza per un nuovo accordo, le negoziazioni tra la Writers Guild of America e l’Alliance of Motion Picture and Television Producers hanno nuovamente fallito. Lo sciopero in corso è iniziato il 2 maggio ed è durato quasi 100 giorni, mentre i membri scendevano in strada per protestare per migliori salari e condizioni di lavoro. Lo sciopero si è intensificato dopo che il SAG-AFTRA si è unito agli sceneggiatori sulle linee di picchetto il 14 luglio, quando il sindacato non è riuscito a raggiungere un proprio accordo con l’AMPTP. Recentemente, gli studi hanno accettato di negoziare con la WGA. L’AMPTP ha indicato che sarebbe stato disposto a incontrarsi l’8 agosto e la WGA si è presentata al tavolo per un potenziale accordo.

Purtroppo, la WGA e l’AMPTP non sono riusciti a raggiungere un accordo, lasciando lo sciopero a continuare per il futuro prevedibile. La WGA ha rilasciato una dichiarazione annunciando i progressi del incontro e le ragioni per cui non hanno concordato i nuovi termini. Nel frattempo, l’AMPTP si riunirà con i suoi studi membri prima di incontrare nuovamente la WGA. Leggi la dichiarazione completa qui sotto:

“Cari membri,

Ellen Stutzman e Tony Segall si sono incontrati con Carol Lombardini e lo staff dell’AMPTP questo pomeriggio per quello che Carol ha definito come un meeting confidenziale per discutere della ripresa dei negoziati per un nuovo MBA. I temi affrontati – a insistenza dell’AMPTP – includono il black out stampa. Inoltre, è stata discussa una potenziale procedura di negoziazione e un’anteprima delle questioni che ciascuna parte intende trattare al momento della ripresa.

Al momento, non c’è un accordo su questi punti, perché l’AMPTP ha detto che doveva consultarsi con i suoi studi membri prima di procedere.

La nostra intenzione, dopo l’incontro confidenziale, era di inviarvi a tutti una semplice email per farvi sapere che vi avremmo contattato quando ci fossero informazioni più specifiche sulla ripresa dei negoziati.

Tuttavia, prima che il comitato negoziale avesse anche la possibilità di riunirsi, il nostro dipartimento comunicazione ha iniziato a ricevere richieste dai media in merito a commenti sui rumor trapelati dagli studi riguardo ai contenuti dell’incontro confidenziale. Ciò è accaduto dopo che l’AMPTP ha passato gran parte dell’incontro sottolineando la necessità di un black out stampa.

Dato che gli studi stanno fornendo informazioni ai media, dobbiamo farvi sapere cosa è stato detto nell’incontro.

Innanzitutto, Carol ci ha informato che l’accordo con il DGA sarebbe l’accordo su tutte le tematiche di base.

Ha dichiarato che erano disposti ad aumentare la loro offerta su alcuni minimi specifici per gli sceneggiatori televisivi – e disposti a parlare di AI – ma che non erano disposti ad affrontare la questione del mantenimento delle writers’ room o dei residui basati sul successo. Non ha indicato la volontà di affrontare le questioni degli sceneggiatori, delle questioni dell’Appendice A e molte altre proposte ancora presenti nella nostra lista.

A nome del sindacato, Ellen ha ribadito l’aspettativa che tutte le questioni fondamentali per le quali gli sceneggiatori hanno scioperato negli ultimi tre mesi sarebbero state affrontate in questo nuovo contratto e che nessun segmento dell’adesione sarebbe stato lasciato indietro.

Ellen ha chiarito che, oltre a una risposta completa dell’AMPTP alle nostre proposte in tutti gli ambiti lavorativi, dovremo affrontare questioni derivanti dallo sciopero, inclusa l’estensione delle prestazioni sanitarie e ulteriori finanziamenti al piano, il reintegro degli sceneggiatori in sciopero e l’arbitrato delle controversie insorte durante il sciopero. Cercheremo anche il diritto per i singoli membri WGA di rispettare i picchetti degli altri sindacati come hanno rispettato i nostri durante questo sciopero.

La risposta di Carol – che ha ripetuto tre volte durante l’incontro – ripete ciò che è stato scritto nel comunicato stampa dell’AMPTP ieri: “La gente vuole solo tornare a lavorare”.

Siamo d’accordo, con il caveat che queste condizioni che hanno reso i lavori degli sceneggiatori sempre più insostenibili devono essere affrontate prima.

Il vostro comitato rimane disposto a impegnarsi con le aziende e a riprendere i negoziati in buona fede per ottenere un accordo equo per tutti gli sceneggiatori, anche con questa conferma anticipata che il piano dell’AMPTP continua. Ma abbiate la certezza che questo comitato non ha intenzione di lasciare indietro nessuno o di concludere questo sciopero con un accordo meramente incrementale.

In solidarietà,

Comitato negoziale WGA”.

Lo sciopero della WGA e della SAG-AFTRA sarà a tempo indeterminato.

L’accordo dell’AMPTP per un incontro era un segno positivo per gli sceneggiatori, ma sia la WGA che l’AMPTP non sono disposti a cedere su certe questioni. Mentre la dichiarazione della WGA afferma che l’AMPTP era disposta a offrire minimi salariali aumentati e potenziali discussioni su AI, si sono rifiutati di accettare le writers’ room e i residui che la WGA sta cercando. Questo è un cattivo segnale per la SAG-AFTRA, poiché il sindacato degli attori sta anche scioperando per questioni simili. Con sia gli sceneggiatori che gli attori che lottano per un migliore trattamento e pagamento, dovranno rimanere forti per garantire un ambiente di lavoro sano.

Il fatto che l’AMPTP si stia ora avvicinando viene considerato una sorpresa. Questo arriva dopo che i membri dell’alleanza hanno dichiarato di essere disposti ad aspettare fino a quando la WGA non fosse stata “sconfitta” prima di prendere qualsiasi provvedimento per raggiungere un accordo. Questa risposta è stata oggetto di un’intensa scrutinazione online. Tuttavia, il passo è diventato un segno di crescente preoccupazione da parte dei produttori, il che sembrava una buona notizia per la WGA e la SAG-AFTRA. Con mesi di picchetti alle spalle – e ancora più tempo da dedicare alle proteste – la possibilità che questi scioperi finiscano sembra avvicinarsi poiché l’AMPTP si flette gradualmente.

Indipendentemente dalle speranze in crescita, una soluzione è ancora lontana. L’AMPTP è disposta a parlare di AI, ma ciò non significa che offriranno i termini che la WGA sta cercando. Inoltre, i residui e le writers’ room sono una parte importante delle richieste della WGA, poiché aiutano a far crescere nuovi sceneggiatori e forniscono una stabilità economica effettiva. Senza un accordo raggiunto, lo sciopero della Writers Guild of America continuerà e il sindacato è determinato a portarlo alla vittoria.

Fonte: WGA


Potrebbe interessarti

Il futuro dell’Universo delle Congiure di Valak suggerito dal regista di The Nun 2: “I demoni sono infiniti”
Il futuro dell’Universo delle Congiure di Valak suggerito dal regista di The Nun 2: “I demoni sono infiniti”

Il regista di “The Nun II” ha suggerito il futuro del demoniaco villain Valak nell’universo di “The Conjuring”. La storia di Valak continua in “The Nun II”, ambientato negli anni ’50 e che riempie gli eventi tra il primo film e l’esorcismo di Valak negli anni ’60. La sopravvivenza di Valak nei film precedenti suggerisce […]

Poster Fan Dark Superman Legacy Esalta Brainiac Dopo le Voci dei Principali Cattivi
Poster Fan Dark Superman Legacy Esalta Brainiac Dopo le Voci dei Principali Cattivi

Un inquietante poster creato dai fan di Superman: Legacy mette in evidenza l’arrivo di Brainiac dopo le voci riguardanti il principale cattivo. In Superman: Legacy di James Gunn, David Corenswet interpreta il giovane Clark Kent, che inizia a lavorare come reporter al Daily Planet, bilanciando la sua vita insieme a Lois Lane e Jimmy Olsen […]