Asiatica Film Mediale

Giappone: una donna fa causa al suo ex capo per aver inviato le sue foto indecenti

Giappone: una donna fa causa al suo ex capo per aver inviato le sue foto indecenti
Federico

Di Federico

04 Aprile 2022, 16:19


Il portale Bengoshi ha pubblicato un articolo che descrive un caso recente in Giappone in cui una donna ha citato in giudizio il suo ex capo dipartimento per milioni di dollari per aver inviato tre volte le sue foto indecenti. Tuttavia, l’uomo se l’è già cavata in precedenza sostenendo che “Non avevo alcuna intenzione, buona o cattiva, di fare questo“.

Giappone

«Una donna di 30 anni che lavora in una tipografia (Minato Ward, Tokyo, Giappone) ha intentato una causa presso il tribunale distrettuale di Tokyo il 30 marzo, chiedendo 4,4 milioni di yen (più di 35,82 mila dollari) per danni alla società e al direttore commercialesostenendo di essere stata costretta a dimettersi a causa di molestie sessuali da parte dell’allora direttore di sezione, un uomo di 50 anni, che le aveva inviato fotografie indecenti».

«Il caposezione ha inviato al dipendente, in tre occasioni, circa 150 fotografie indecenti e altro materiale. La donna si è lamentata con l’amministrazione per la sua paura e disgusto, ma non è stata intrapresa alcuna azione correttiva e nessuna soluzione al suo problema. Nella sua dichiarazione, la donna ha dichiarato: “Questa volta mi hanno inviato materiale osceno di cui non avevo idea e mi ha spaventato. Era così grafico e malato che vorrei dimenticarlo, ma non posso.».

«Secondo la denuncia, la donna era stata assunta come dipendente a tempo pieno nel maggio 2015 ed era incaricata di progettare materiale pubblicitario. L’uomo accusato era allora un direttore delle vendite e aveva l’opportunità di lavorare quotidianamente con le donne nel design. In tre occasioni, tra gennaio e aprile 2020, ha inviato una lettera sigillata a una donna da un indirizzo aziendale. La prima comprendeva 16 fotografie indecenti, la seconda 30 fotografie indecenti e la terza 100 fotografie della natura».

«Il mittente era l’azienda stessa e includeva un messaggio che scriveva: “C’era una carenza di manodopera nel sondaggio di Capodanno per gli invii di ringraziamento. Vorremmo scusarci ancora e inviarti un regalo (gratuito) degli articoli allegati (foto e merce) in modo uniforme!” La donna si consultò e chiese sostegno alle autorità nel marzo dello stesso anno. Un’analisi calligrafica rivelò nel giugno dello stesso anno che il mittente era il capo del reparto vendite».

«Ad agosto, la sua casa è stata perquisita e ha ammesso di aver effettuato queste spedizioni quando è stato interrogato. La donna ha quindi iniziato a manifestare sintomi come insonnia e incapacità di concentrarsi sul proprio lavoro per paura di incontrare in ufficio il caposezione. Una volta individuato il mittente, la donna ha chiesto alla società di “separarla fisicamente dal caposezione”, ma l’amministrazione non è d’accordo, affermando che “non ha potuto agire finché non ha ricevuto istruzioni dalla polizia“. Inoltre, hanno notato che “non volevano sembrare agire troppo in fretta” e che il caposezione “li accusa di essere ingiusti”».

«Si difendeva anche il caposezione come se avesse potuto fare diversamente e non c’erano stati problemi, come “sembra che l’abbia fatto per sempre” e “anzi, lo ha fatto perché non lo scoprissero, oppure ha tagliato fuori le parole del giornale come rapitore”, e sulla donna si sono fatti commenti offensivi. In seguito, alla donna è stato detto che fintanto che avesse accettato le scuse del suo capo, il problema sarebbe stato risolto e poiché il caposezione non avrebbe nemmeno dovuto sottoporsi ad azioni disciplinari, la donna non si sentiva più al sicuro per continuare a lavorare. Pertanto, si è dimesso nel marzo 2021».

«(Omissione) Il boss era già stato accusato di aver violato la legge sul controllo delle molestie, ma il caso è stato archiviato nel novembre 2021. La ragione di ciò era che non soddisfaceva il requisito per essere considerato “molestia” che, secondo il giudice competente, doveva essere “per soddisfare sentimenti romantici o altri positivi nei confronti di una determinata persona, o risentimento per non aver soddisfatto questi sentimenti. Al riguardo la fonte ha consultato un legale che ha spiegato: “Il reato di distribuzione di materiale osceno nel codice penale (art. 175) disciplina l’atto di “distribuzione” e di “pubblica esposizione”, ma il requisito non è soddisfatto se il materiale è inviare individualmente. Inoltre, l’ordinanza metropolitana di Tokyo sulla prevenzione delle attività nocive richiede “soddisfare l’invidia, il risentimento o altri sentimenti maligni verso una persona specifica”, che in questo caso non è stato considerato un sentimento malizioso. Ciò potrebbe essere dovuto in parte a carenze della legge in Giappone».

Fonte: Notizie Bengoshi | Giappone

© Bengo4.com, Inc. 2005 – 2022


Potrebbe interessarti

Il manga Idolmaster Cinderella Girls U149 ottiene un adattamento anime
Il manga Idolmaster Cinderella Girls U149 ottiene un adattamento anime

Durante un concerto tenuto questa domenica per il franchise di L’Idolmaster: Ragazze Cenerentolaè stato annunciato che il manga scritto e disegnato da Kyowno, Le ragazze di Cenerentola Idolmaster U149Avrà un adattamento anime. Questa nuova serie fa parte del decimo anniversario del progetto Ragazze Cenerentola e sarà prodotto dagli studios Foto di Cygames. Kyownocreatore del manga, […]

Hataraku Maou-sama!  svela i dettagli della sua nuova apertura
Hataraku Maou-sama! svela i dettagli della sua nuova apertura

Sul sito ufficiale dell’adattamento anime dei romanzi scritti da Satoshi Wagahara e illustrato da 029, Hataraku Maou-sama! (Il diavolo è un part-time!), è stato annunciato che il cantante Minami Kuribayashi si occuperà di interpretare la sigla di apertura della seconda stagione del progetto, con il singolo intitolato “INSIEME A“. Kuribayashi sta tornando al progetto dopo […]