Asiatica Film Mediale

George RR Martin afferma che le scene di morte dovrebbero essere difficili per il pubblico

George RR Martin afferma che le scene di morte dovrebbero essere difficili per il pubblico
Debora

Di Debora

30 Maggio 2022, 19:53


L’autore di Game of Thrones, George RR Martin, discute la rappresentazione della morte nell’intrattenimento, dicendo che in realtà dovrebbe essere difficile per il pubblico. A partire dal 1996 con A Game of Thrones, la serie fantasy ultra popolare e di successo di Martin Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco ha avuto finora cinque puntate, il più recente è stato A Dance With Dragons nel 2011. Gli ultimi due libri, The Winds of Winter e A Dream of Spring, sono ancora in arrivo.

Nel frattempo, l’altrettanto popolare adattamento della HBO, Il Trono di Spade, è stato presentato per la prima volta nel 2011 e terminato nel 2019. Il franchise è ora destinato ad espandersi sul piccolo schermo con la serie prequel, La casa del drago, che debutterà il 21 agosto. Basata sul romanzo di Martin del 2018 Fire & Blood, la serie è ambientata 200 anni prima degli eventi de Il Trono di Spade e racconta l’inizio della fine per la Casa Targaryen, inclusa la guerra civile conosciuta come la “Danza dei draghi”. Martin è creatore e produttore esecutivo di House of the Dragon, che fa parte del redditizio accordo quinquennale dell’autore per lo sviluppo di 6 serie spin-off de Il Trono di Spade per HBO.

Durante una nuova intervista con The Independent, lo scriba delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco ha discusso la sua filosofia personale sulla morte nell’intrattenimento. Martin crede che la morte nei libri, nei film e nei programmi TV dovrebbe essere difficile da scrivere sia per un autore che per il pubblico, usando il famigerato Red Wedding come esempio. “È un capitolo orribile e sconvolge le persone. Fa arrabbiare le persone, rende le persone tristi”, dice Martin, che secondo lui dovrebbe essere l’effetto desiderato quando viene raffigurata la morte. Leggi la sua citazione completa di seguito:

È un capitolo orribile e sconvolge le persone. Fa arrabbiare le persone, rende le persone tristi. Le persone lanciano il libro contro il muro o nel camino. Quando era in TV, ha avuto lo stesso effetto su decine di migliaia, se non milioni, di persone. A mio avviso, va bene. Stiamo parlando di morte qui!

Tutti noi nella nostra vita reale abbiamo sperimentato la morte. I tuoi genitori muoiono. Il tuo migliore amico muore. A volte, in una situazione davvero tragica, i tuoi figli muoiono o muoiono tua moglie o tuo marito. È terribile. Ti colpisce. Ti fa arrabbiare, ti rende triste. Nel nostro intrattenimento, televisione, film, libri, nel corso dei secoli, come si è evoluta, la morte è spesso trattata in modo molto disinvolto. Qualcuno è morto, abbiamo un mistero e il detective deve scoprire chi è stato. Non consideriamo mai chi è il cadavere, o com’era la sua vita… come sarà senza di lui. Se ho intenzione di scrivere una scena di morte, in particolare per i personaggi principali, voglio farla sentire al lettore. Questo è ciò che le Nozze Rosse, credo, siano riuscite con successo. La gente ha sentito quella morte.

Forse nessun altro autore contemporaneo è più famoso per aver ucciso inaspettatamente gli amati personaggi principali in modi così drammatici e brutali. Durante l’intervista, Martin discute di come crede che la morte sia spesso banalizzata nell’intrattenimento e “trattata in modo molto disinvolto”. I misteri di omicidio sono uno dei principali colpevoli secondo Martin, anche se cita anche A New Hope come uno dei principali criminali per aver fatto saltare in aria l’intero pianeta di Alderaan. Tuttavia, quelle morti hanno un impatto minimo o nullo sul pubblico poiché, in quel momento nella saga di Star Wars, non avevano conosciuto persone reali su Alderaan. “Nel primo film di Star Wars fanno saltare in aria l’intero pianeta di Alderaan, che ha circa 20 miliardi di persone su di esso, e sono tutti morti. Ma sai una cosa? A nessuno importa”, ha detto Martin.

Martin ha assolutamente ragione a denunciare la rappresentazione spassionata della morte nell’intrattenimento. L’argomento è, ovviamente, molto serio che quasi tutti hanno sperimentato e dal quale sono stati toccati in modo profondo. Pertanto, la morte dovrebbe essere trattata con uguale gravità nelle forme di intrattenimento, in particolare nel teatro. Il trattamento della morte da parte di Game of Thrones è uno dei tanti motivi per cui i libri e lo spettacolo hanno un successo così sfrenato, e forse altri scrittori dovrebbero seguire il consiglio di Martin se desiderano creare un fenomeno culturale simile.

Fonte: L’Indipendente

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

L’immagine di Obi-Wan Kenobi unisce i giovani attori Luke e Leia di Star Wars Show
L’immagine di Obi-Wan Kenobi unisce i giovani attori Luke e Leia di Star Wars Show

Avvertimento! SPOILER per gli episodi 1 e 2 di Obi-Wan Kenobi in arrivo. Una nuova immagine del dietro le quinte del Obi-Wan Kenobi Il set unisce i giovani attori Luke e Leia. Obi-Wan Kenobi è stato recentemente presentato in anteprima su Disney+ e verrà trasmesso settimanalmente sulla piattaforma come una miniserie di sei episodi. Grant […]

La signora Marvel Show Billboard fa riferimento abilmente ai fumetti originali
La signora Marvel Show Billboard fa riferimento abilmente ai fumetti originali

La Marvel sta diventando creativa con il suo marketing con un nuovo cartellone pubblicitario di Ms. Marvel che fa riferimento abilmente alla storia dei fumetti del personaggio. Iman Vellani guida il cast della nuova serie Marvel Cinematic Universe nei panni di Kamala Khan, una fangirl pachistana-americana dei Vendicatori che acquisisce abilità sovrumane di sfruttare l’energia […]