IntervisteGene Roddenberry a 100 anni: il creatore di 'Star...

Gene Roddenberry a 100 anni: il creatore di ‘Star Trek’ ha immaginato un futuro glorioso – e il nostro fragile presente

-

- Advertisment -spot_img


In occasione del 100° compleanno di Roddenberry, suo figlio Rod pensa che le idee di suo padre siano “altrettanto significative oggi – forse di più”.

Il 23° secolo sembra più lontano che mai.

Se sei un fan di “Star Trek”, il futuro che presenta è sempre stato parte del suo fascino: che l’umanità si unisca come un tutt’uno pur celebrando le nostre differenze, che si lasci alle spalle la guerra e l’odio e la discriminazione e la povertà, e che dedichi le nostre vite a migliorare noi stessi attraverso la scoperta tra le stelle. Questo non è mai stato solo un altro franchise di fantascienza. “Star Trek” è venuto con la sua propria filosofia, e il suo particolare ottimismo in questo momento può sembrare meno adatto alla fantascienza che al fantasy.

Ma Gene Roddenberry, il defunto creatore di “Star Trek”, nato 100 anni fa il 19 agosto, immaginava anche il nostro terribile presente. Prima di morire nel 1991 all’età di 70 anni, è andato a diagnosticare i mali della vita contemporanea con un candore non comune per i costruttori di franchise di Hollywood, di solito avversi alla polemica.

“‘Star Trek’ dimostra che il tanto denigrato uomo comune e la donna comune sono ora pronti per il 23° secolo”, disse una volta Roddenberry. “E sono anni luce avanti ai loro governi meschini e ai loro leader senza visione”.

Via con lo spavento dell’ufficio delle pubbliche relazioni. Ma quell’iconoclastia è ciò che Rod Roddenberry, il figlio di Gene, celebra nel corso di quest’anno con la sua nuova iniziativa thinkTREK, che mira a ispirare le persone a incorporare la filosofia di suo padre nella loro vita. Rod ama così tanto questa particolare citazione che la finisce per me testualmente quando inizio a consegnarla al telefono. E ogni giorno, sui social media, presenta una celebrità diversa – Ming-Na Wen, Rosario Dawson, Whoopi Goldberg – recitando una delle citazioni di suo padre.

Eccone una: “Credo nell’umanità. Siamo una specie incredibile. Siamo ancora una creatura infantile, siamo ancora cattivi gli uni con gli altri. E tutti i bambini attraversano queste fasi. Stiamo crescendo, stiamo entrando nell’adolescenza ora. Quando saremo cresciuti – amico, saremo qualcosa!”.

A volte, sembra che la nostra specie sia fatta interamente di Peter Pan: non vogliamo mai crescere. Per Roddenberry, credere in ciò che l’umanità può essere non significava essere ingenui su ciò che l’umanità spesso è, e immaginare un futuro migliore significa affrontare gli errori del presente.

STAR TREK IV, Majel Barrett, Gene Roddenberry, 1986

Majel Barrett Roddenberry, che ha interpretato l’infermiera Chapel in “The Original Series” e Lwaxana Troi in “The Next Generation”, con suo marito

Per gentile concessione della Collezione Everett

“Anche venendo dalla famiglia Roddenberry ottimista, a volte, guardandosi intorno, è difficile vedere l’ottimismo”, ha detto Rod. “La gente vuole che il mondo sia un posto migliore, ma purtroppo, che si tratti del governo o della grande industria, la gente non guarda al futuro. Stanno cercando come trarre beneficio proprio ora”.

Infatti, prima del glorioso futuro di Kirk, Picard, della Flotta Stellare e della Federazione, il padre di Rod ha immaginato un XXI secolo assolutamente orribile, uno persino peggiore del nostro, almeno finora: Culmina con la terza guerra mondiale nel 2026, cancellando 600 milioni di vite in un cataclisma nucleare. L’ordine globale si trasforma in un mosaico di signori della guerra che fanno giustizia rapidamente in tribunali canguro. Un pazzo genocida, un certo Col. Green – un personaggio creato da Gene per “The Original Series” nel 1969 – è deciso a uccidere tutti coloro che soffrono di avvelenamento da radiazioni in seguito al fallout. Su “The Next Generation”, Picard dice addirittura che la Terra è rimasta nel caos fino all’inizio del 22° secolo. Per come stanno andando le cose nel nostro mondo, sembra proprio così.

L’ottimismo che Gene Roddenberry aveva allora per come l’umanità potesse diventare, beh, più umana – almeno entro il 23° secolo – non era il prodotto di una vita protetta. Tutt’altro. Ha volato 89 missioni di combattimento come pilota di un bombardiere B-17 su Guadalcanal e le altre isole Salomone durante la seconda guerra mondiale. Come terzo ufficiale del volo Pan Am 121, in viaggio da Karachi a Istanbul, ha dovuto prendere il comando dopo che l’aereo si è schiantato nel deserto siriano, uccidendo 15 delle 36 persone a bordo. Con due costole rotte, ha aiutato ad estrarre i sopravvissuti dai rottami. L’ultimo è morto tra le sue braccia. Poi, seguendo le orme del padre, entrò nella polizia di Los Angeles – e si fece l’idea che scrivere poteva essere una carriera a tempo pieno. Vendendo storie di pattuglia ai programmi televisivi dell’epoca, come “Highway Patrol”, mise un piede nella porta di Hollywood.

“Penso che dimostri che qualcuno che ha viaggiato per il mondo, ha incontrato altre culture, ha combattuto in guerre, ha avuto a che fare con l’autorità e la catena di comando, probabilmente significa che si è imbattuto in un sacco di problemi etici e situazioni in cui probabilmente non era d’accordo con quello che era costretto a fare”, dice Rod. I dilemmi morali e gli argomenti di “Star Trek” sono una naturale conseguenza di questa esperienza di vita. “Poi, è stato in grado di guardare al futuro e dire: ‘Sulla base di ciò che ho visto nella mia vita, so cosa possiamo essere e di cosa siamo capaci, quindi cerchiamo di immaginare un futuro in cui siamo quelle persone'”.

Rod Roddenberry ad una recente convention di “Star Trek”.

“Star Trek” è stato molte cose nel corso dei suoi 55 anni, ma rimane celebrato certamente per l’antirazzismo della sua “Serie Originale” dal 1966 al 1969, che ha presentato il primo bacio sulla televisione degli Stati Uniti tra un uomo bianco (William Shatner) e una donna nera (Nichelle Nichols). L’idea stessa che Uhura della Nichols fosse un ufficiale di ponte anziano sull’Enterprise era radicale nel 1966, e quando l’attrice pensò di lasciare lo show, Martin Luther King Jr. in persona le disse che il suo ruolo era una rappresentazione così preziosa che doveva rimanere.

“Penso che le idee presentate da mio padre negli anni ’60 fossero significative allora, e forse ancora più significative adesso”, ha detto Rod.

È un sentimento condiviso da milioni di fan di “Star Trek” – e che ha portato molti a discutere negli ultimi decenni se qualsiasi “Star Trek” sia stato realizzato in questo momento sia all’altezza della visione di Gene. Sappiamo che non gli piacevano i film realizzati, in gran parte fuori dal suo controllo, dopo “Star Trek: The Motion Picture” del 1979, che era il suo bambino. “Scriveva una lettera di biasimo ai produttori [of the subsequent films] e spiegava tutte le ragioni per cui si sbagliavano”, ha detto Rod, ma è sorpreso dalla storia in “The Fifty-Year Mission” di Edward Gross e Mark A. Altman che suo padre avrebbe odiato così tanto l’idea della morte di Spock in “The Wrath of Khan” da far trapelare la sceneggiatura del film. Rod non l’aveva mai sentito prima, ma “non posso dire con certezza che non l’abbia fatto”, ha detto. E, nonostante Patrick Stewart la pensi diversamente, Rod ritiene che suo padre si sia affezionato all’attore inglese nel ruolo del capitano Picard in “The Next Generation”, e che quella serie sia stata l’espressione più pura della sua visione di “Trek”. “Penso che Next Gen sia stata la sua occasione per farlo bene. Penso che sia stato il finale della vita di mio padre. Penso che quella era il suo ‘Star Trek’, a quel punto della sua vita”.

Rod riconosce che i film di “Star Trek” devono rivolgersi ad un pubblico più ampio ed essere più orientati all’azione. Ma condivide con suo padre la convinzione che “questi film potrebbero aver perso l’opportunità di parlare di questioni sociali o di scavare più a fondo in esse”, mentre nota che se avessero cercato di essere più orientati al tema “avrebbero fatto presa su un pubblico più ampio? È attento a dire che crede che “Star Trek” non dovrebbe mai diventare “Star Wars”, una space opera. Dovrebbe reggere uno specchio sul nostro mondo, tanto quanto esplora il 23° e 24° secolo e oltre. (Anche se a Rod piace “Star Wars” come cosa a sé stante, come a Gene, che comprava a suo figlio torte di compleanno di “Star Wars”).

Quando Gene Roddenberry incontrò George Lucas alla convention del decimo anniversario di “Star Wars” nel weekend del Memorial Day del 1987 a Los Angeles.

Dan Madsen

Alcuni fan diranno che “Deep Space Nine”, ora un amato successo di culto all’interno del più ampio fandom di “Trek”, è una serie che sarebbe piaciuta a Roddenberry, perché non era interamente incentrata sull’esplorazione, presentava una guerra di più stagioni e presentava personaggi che si scontravano e si ispiravano a vicenda. Ma Rod è caritatevole sull’argomento.

“Ho quasi finito tutto ‘Deep Space Nine'”, dice. “Siamo esseri umani imperfetti. Perciò, quando Kira si accanisce perché ha combattuto in guerra e porta le sue emozioni ad un punto di ebollizione, la gente può identificarsi con questo. Il personaggio si redime e mostra la strada giusta e riconosce gli errori della sua strada, o qualsiasi altra cosa, e le persone si connettono con questo e sono in grado, forse, di perdonare se stessi quando si sono arrabbiati. Vedo il valore. Vedo sicuramente il valore”. Ma capisce anche quando i fan cavillano: “Lo stavo facendo un po’ con ‘Discovery’, finché la stagione 2 e la stagione 3 di quello show hanno davvero riportato ‘Star Trek’ a casa dove deve essere”.

Questo candore è impressionante, considerando che Rod è lui stesso un produttore esecutivo di “Discovery” e degli altri show attualmente in streaming su Paramount+: “Picard” e “Lower Decks”, così come i prossimi “Strange New Worlds” e “Prodigy”. Si affretta a dichiarare che non è uno scrittore e che il suo ruolo è in gran parte quello di servire come una luce guida per la serie, aiutando i team creativi a tenere in mente la filosofia originale di suo padre. Si schiera in difesa di questi spettacoli dalle accuse che si trovano in certi angoli del fandom online di essere “troppo politici” o “troppo svegli”: “Se dicono che Star Trek è “woke”, va bene. Ha bisogno di essere woke, perché hanno bisogno di metterti le cose in faccia in modo che ci sia una discussione”.

Coloro che declinano la nuova serie come troppo “woke” probabilmente saranno contrari ad alcune delle altre opinioni di Rod. “Nessuno lo sta facendo per scopi nefasti”, quindi è entusiasta che Elon Musk e Richard Branson aprano una nuova era di viaggi spaziali privatizzati – e pensa che anche suo padre lo sosterrebbe – ma “odia” il nome Space Force per l’ultima branca dell’esercito americano e si oppone “all’idea di militarizzare lo spazio”. Riconosce che il logo delta della Flotta Stellare è qualcosa che l’Air Force ha usato in passato e che suo padre lo ha probabilmente preso in prestito, ma sospetta che l’incorporazione di un delta molto simile a quello della Flotta Stellare nell’insegna della Space Force sia una punta di cappello a “Star Trek”. Vorrebbe anche che invece di Neil Armstrong e Buzz Aldrin che piantano la bandiera degli Stati Uniti sulla luna, “avessimo colto l’opportunità di mettere una bandiera che fosse più universale, per onorare tutta l’umanità”.

Questo è il tipo di spirito onnicomprensivo che ci si aspetta dal figlio di qualcuno che ha lanciato bombe sulle forze giapponesi durante la seconda guerra mondiale, poi ha sposato sua moglie (e attrice di “Star Trek”) Majel Barrett in una cerimonia scintoista in Giappone. Quali cose orribili aveva visto durante quella guerra? Quante vite aveva preso a causa delle sue azioni? Quanta morte aveva visto lui stesso?

La vita di Gene Roddenberry è la prova che si possono vivere eventi traumatizzanti e trovare comunque la capacità di sperare. Che in effetti l’ottimismo può essere il risultato della maturità che deriva dal vivere una vita come quella. Si può davvero essere un Peter Pan che cresce ma continua a dirigere la seconda stella a destra e dritto fino al mattino.

Speriamo che tutti noi possiamo fare lo stesso. Forse allora un mondo migliore ci aspetterà.

Iscriviti: Rimani in cima alle ultime notizie su film e TV! Iscriviti alla nostra newsletter via e-mail qui.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you