Notizie FilmFrances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per...

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

-

- Advertisment -spot_img


A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull’adattamento di William Shakespeare de “La tragedia di Macbeth” di Joel Coen. Con il lancio del sito web di A24 per i premi, il loro intero roster è elencato per le corporazioni di settore e gli elettori da considerare in questa stagione dei premi. Lo studio che ha portato “Moonlight” di Barry Jenkins alla vittoria come miglior film e che ha reso Yuh-Jung Youn la seconda donna asiatica a vincere un Oscar di recitazione l’anno scorso con “Minari” ha un altro evento potenzialmente storico all’orizzonte dei premi.

Alla 93esima cerimonia degli Oscar dell’anno scorso, Frances McDormand è diventata la prima donna ad essere nominata per la recitazione e la produzione nello stesso anno (Barbra Streisand e Oprah Winfrey hanno ricevuto nomination per la recitazione e il film ma in anni diversi). Insieme a suo marito, Joel Coen, e Robert Graf, la McDormand è di nuovo in veste di produttrice, mettendosi in gioco per realizzare una storica impresa back-to-back. Se nominata per l’attrice e il film, non solo sarà la prima donna a farlo due volte, ma sarebbe la prima persona a farlo consecutivamente. Il suo co-protagonista di “Macbeth”, Denzel Washington, è anche in corsa come attore principale.

Ci sono state voci e chiacchiere tra i social media e gli esperti che la McDormand, che è fresca della sua terza e quarta vittoria agli Oscar per “Nomadland” come miglior attrice e miglior film, potrebbe passare alla categoria dei non protagonisti, ma è confermata e indicata come attrice protagonista. Inoltre, nessuna attrice che abbia interpretato il ruolo di Lady Macbeth in qualsiasi film, televisione o produzione teatrale importante è stata nominata (o presentata) per le categorie non protagonista.

Warren Beatty ha raggiunto l’impresa di ricevere nomination come attore e produttore nello stesso anno quattro volte nella sua carriera, per “Bonnie and Clyde” (1968), “Il cielo può attendere” (1978), “Reds” (1981) e “Bugsy” (1991). Bradley Cooper e Clint Eastwood lo hanno fatto entrambi due volte, il primo con “American Sniper” (2014) e “A Star is Born” (2018) e il secondo con due vincitori del miglior film, “Unforgiven” (1991) e “Million Dollar Baby” (2004).

Oltre a McDormand e Washington, gli altri in corsa per gli Oscar sia per il film che per la recitazione quest’anno includono Ben Affleck (“L’ultimo duello” e “Il tenero bar”), Mahershala Ali (“Swan Song”), Halle Berry (“Bruised”), Jessica Chastain (“Gli occhi di Tammy Faye”), Matt Damon (“L’ultimo duello” e “Stillwater”), Adam Driver (“Annette”, “L’ultimo duello” e “House of Gucci”) e, più probabilmente di tutti, Will Smith (“King Richard”).

Tragedia di Macbeth

Segnando la prima grande uscita cinematografica dei Coen senza suo fratello e frequente collaboratore Ethan, “La tragedia di Macbeth” ha aperto il New York Film Festival di quest’anno, dove ha ricevuto il plauso della critica. Dopo la sua proiezione, molti giornalisti ed esperti di premi hanno evidenziato la performance della contorsionista Kathryn Hunter nella sua interpretazione delle Streghe, facendo sperare in una nomination come miglior attrice non protagonista, pur riconoscendo che quella particolare categoria è la più competitiva delle quattro gare di recitazione di quest’anno. In una piccola ma breve apparizione come Lady Macduff, il candidato agli Emmy Moses Ingram (Netflix’s “The Queen’s Gambit”) è assolutamente toccante e, come minimo, merita di essere considerato.

Per gli uomini di supporto, la possibilità più fattibile è il Corey Hawkins, formatosi alla Julliard, nel ruolo di Macduff, anche se dovrà affrontare gli ostacoli di nomi più importanti con un tempo di proiezione più pronunciato. Anche i suoi co-protagonisti Bertie Carvel, Alex Hassell, Harry Melling e Brendan Gleeson, sono elencati nella pagina delle categorie.

Insieme a “Tragedy”, il roster di A24 include “C’mon C’mon” di Mike Mills, “The Green Knight” di David Lowery, “The Humans” di Stephen Karam, “Lamb” di Valdimar Jóhannsson, “Red Rocket” di Sean Baker, “Saint Maud” di Rose Glass, “The Souvenir Part II” di Joanna Hogg e “Zola” di Jacinta Bravo.

Visita THE AWARDS HUB per vedere la lista completa dei concorrenti per categoria.

Previsioni degli Academy Awards 2022



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you