RecensioniFlee Review: documentario animato straziante tra i migliori film...

Flee Review: documentario animato straziante tra i migliori film del 2021

-


In parti uguali schietto e serio, Flee è un esame straziante del trauma persistente di una vita in fuga. Il film documentario d’animazione è stato coprodotto a livello internazionale, ma si concentra su un unico soggetto: Amin, uno studioso di successo che, da bambino, è fuggito dall’Afghanistan con la sua famiglia, trascorrendo anni nascondendosi all’interno dei confini russi fino a diventare un rifugiato in Danimarca. Molto tempo dopo che la minaccia di violenza e persecuzione si è placata, Amin si sente ancora minacciato, paranoico e solo. È una storia sulla famiglia e sulla conservazione, ma più di questo, Flee è una testimonianza dei sistemi sociali infranti che consentono alle famiglie di cadere attraverso le crepe, lasciandole disperate e, come risultato di quella disperazione, vulnerabili.

Flee è un film d’animazione del 2021 diretto da Jonas Poher Rasmussen. Il documentario si presenta come una serie di conversazioni tra il regista e il suo amico Amin, che sta per sposare suo marito Kasper e vuole condividere per la prima volta la sua storia personale. Amin è diventato un rifugiato in Danimarca da giovane e per anni ha vissuto nella menzogna che tutta la sua famiglia fosse morta. Ora un accademico di successo con una solida carriera, Amin si sta aprendo per la prima volta sulla sua dolorosa storia.

Flee è un documentario visivamente distinto e avvincente che fa il miglior uso del mezzo. Nonostante un approccio in gran parte minimalista, ma realistico, i minimi dettagli sono sparsi in tutto il film d’animazione, aggiungendo un senso di riconoscibilità alle scene. I residui di cibo e le briciole sul bancone della cucina nella casa d’infanzia di Amin danno allo spazio un’atmosfera vissuta e familiare, mentre le macchie nere scure e scolorite sui muri del loro claustrofobico appartamento russo evocano un senso di squallore. Per i ricordi più vaghi – gli eventi traumatici che Amin ha probabilmente cercato di bloccare, così come gli eventi accaduti quando era molto giovane – sono raffigurati in uno stile viscerale di grafite, come disegni a carboncino pieni di angoscia, macchiati in un modo molto personale taccuino. L’effetto è indimenticabile, incidendo nella mente del pubblico immagini che non dimenticheranno presto.

Ciò che rende Flee un tale trionfo, tuttavia, sono i momenti di gentilezza umana e comunità. Sebbene un senso di diaspora e desiderio sia un filo chiaro e ovvio, probabilmente il vero nucleo emotivo del film è l’amore familiare. La principale motivazione di Amin nella vita è quella di essere all’altezza dei sacrifici che la sua famiglia ha fatto per lui; La fuga dall’Afghanistan ha comportato un grande costo per la famiglia, ma era il modo migliore per garantire la loro sicurezza e per evitare che lui e suo fratello dovessero combattere in un modo da cui difficilmente sarebbero tornati. Ma più che sopravvivere, c’è la sensazione che la famiglia desideri prosperare. Amin è in grado di farlo in Danimarca e tratta le sue opportunità come un dovere.

La situazione di Amin a Flee è tragica. Da bambino, ha vissuto grandi orrori che nessun essere umano, figuriamoci un bambino, dovrebbe affrontare. La sua giovinezza è stata sprecata nel nascondersi e tutta la sua famiglia è sparsa in tutta Europa. Tuttavia, il film è attento a presentare Amin come un caso eccezionale; potrebbe essere morto più volte, con l’implicazione che molti altri bambini nella sua posizione hanno avuto la peggio: uccisi dai talebani, aggrediti da funzionari corrotti o semplicemente bloccati negli alloggi inadeguati di un campo profughi, lasciati a (come Amin mettiamola) “marcire” in attesa di un sollievo che non arriva mai. Mentre si sarebbe tentati di ritrarre il viaggio di Amin come un trionfo della volontà, raccontando la sua storia come quella della perseveranza di un individuo, Flee ricorda invece al pubblico che Amin è stato semplicemente fortunato che nessuno è stato ucciso e che il giovane è solo scappato da una vita di oppressione e sofferenza da un mix di fortuna e sacrifici dei suoi familiari.

Anche se questo potrebbe sembrare cupo, c’è una corrente sotterranea stranamente ottimista nella storia di Amin. Sì, lui e la sua famiglia hanno sofferto molto, ma è uscito. Inoltre, la storia è, nel suo nucleo, una storia d’amore. L’amore di Amin per la sua famiglia colora i suoi ricordi e le scene della famiglia che stanno insieme in momenti di tranquillità – anche se sono solo loro seduti al buio a guardare le soap opera messicane – rendono tollerabile il contenuto inquietante del film senza mai cadere nello sfruttamento del “turismo della miseria”. .” Flee è una presentazione sublime di una storia profondamente personale che è anche incredibilmente significativa dal punto di vista politico; La storia di Amin è solo una degli innumerevoli bambini che affrontano difficoltà impossibili e circostanze terribili. E a meno che non venga fatto qualcosa su scala globale, purtroppo, versioni molto peggiori di questa tragica storia sono destinate a continuare nel lontano futuro.

Flee uscirà nelle sale il 3 dicembre 2021. Dura 90 minuti ed è classificato PG-13 per contenuti tematici, immagini inquietanti e linguaggio forte.

Date di rilascio principali Flee (2021)Data di rilascio: 03 dicembre 2021

Latest news

Andrew Garfield ammette di aver mentito a Emma Stone sul ruolo di No Way Home

Andrew Garfield ammette di aver mentito a Emma Stone sul suo ruolo in Spider-Man: No Way Home e...

Il poster di Danny Trejo Boba Fett è il più vicino a Machete nello spazio

Un nuovo poster di The Book of Boba Fett presenta Danny Trejo nei panni dell'allenatore del rancore, che...

Bradley Cooper ha dovuto rimanere nudo per 6 ore sul set di Nightmare Alley

Bradley Cooper rivela che, durante le riprese di una scena in Nightmare Alley, ha dovuto rimanere nudo per...

Yellowjackets Writer & Star Address Question of Cannibalism In The Show

Contiene spoiler per Yellowjackets Stagione 1. La prima stagione di Yellowjackets ha preso in giro il cannibalismo senza mai...

La figlia del regista di Don’t Look Up ha scritto la battuta migliore di Ariana Grande

Il regista di Don't Look Up, Adam McKay, rivela che sua figlia e la sua amica hanno scritto...

Aggiornamento Happy Death Day 3 offerto da Blumhouse Head

Il produttore Jason Blum conferma che Happy Death Day 3 è ancora in fase di sviluppo e anticipa...

Must read

You might also likeRELATED
Recommended to you