Asiatica Film Mediale

Film di guerra vincitore dell’Oscar del 1978 non riesce a impressionare lo storico: “Non penso che sia nel campo delle possibilità”

Film di guerra vincitore dell’Oscar del 1978 non riesce a impressionare lo storico: “Non penso che sia nel campo delle possibilità”
Erica

Di Erica

07 Febbraio 2024, 18:38


Sommario

  • Allison, storico militare, afferma che la rappresentazione della guerra del Vietnam in The Deer Hunter non è del tutto accurata, valutando il film tre su dieci.
  • Allison critica la rappresentazione nel film di come i prigionieri di guerra americani sono stati trattati durante la guerra, in particolare le scene in cui venivano costretti a giocare alla roulette russa.
  • The Deer Hunter presenta una potente trama su come le vite di tre amici sono state influenzate dalla guerra, ma alcuni aspetti della rappresentazione del conflitto non sono invecchiati bene.

Come è stato accolto The Deer Hunter?

E cosa ne pensiamo oggi del film sulla guerra del Vietnam?

Le scene sulla guerra del Vietnam in The Deer Hunter vengono analizzate dall’esperto militare Bill Allison, il quale giudica il film carente in termini di accuratezza storica. Uscito nel 1978, il film commovente sulla guerra del Vietnam è diretto da Michael Cimino e ha Robert De Niro nel ruolo di Michael. Il film segue un gruppo di amici provenienti da una piccola cittadina in Pennsylvania che si arruolano nella guerra e che ne vengono per sempre cambiati, con Christopher Walken, John Savage e Meryl Streep anche nel cast. The Deer Hunter è stato nominato per nove Premi Oscar e ne ha vinti cinque, incluso quello per il Miglior Film.

In un recente video per Insider, Allison analizza alcune scene di The Deer Hunter, scoprendo che non sono del tutto accurate.

Le scene prese in esame riguardano principalmente il trattamento dei prigionieri di guerra americani da parte dei Viet Cong, in particolare il famoso gioco della roulette russa. Ecco alcuni commenti di Allison, insieme al suo voto per il film su dieci:

“Gli americani sono stati maltrattati. Non è stata una bella cosa. Ma sia il Nord Vietnam che i Viet Cong nel Sud, il Fronte di Liberazione Nazionale (FLN), i loro leader riconoscevano il valore propagandistico dei prigionieri di guerra americani. Quindi non si dovevano maltrattare troppo… Per questa scena, questi ragazzi sono fuori controllo. Non avrebbero apprezzato i leader, mettiamola così.

“Questo particolare episodio si discosta un po’… Questa scena in cui i prigionieri di guerra vengono costretti a giocare alla roulette russa non ha alcuna prova storica. E ovviamente il modo in cui i Viet Cong vengono raffigurati è molto brutale, barbaro, incredibilmente razzista. Perché? Beh, stiamo parlando dei tardi anni ’70, la guerra è ancora molto recente. Vogliamo ancora descriverla come se loro fossero un nemico disonorevole.

“Per quanto riguarda la realtà, molto basso. Direi tre o quattro [su dieci]. Non credo sia possibile.”

Il Deer Hunter: 6 controversie causate dal rilascio del film

The Deer Hunter è stato ampiamente elogiato come uno dei migliori film sulla guerra del Vietnam mai realizzati, ma ha anche avuto la sua parte di controversie.

Realizzato con un budget di 15 milioni di dollari, The Deer Hunter ha incassato 49 milioni di dollari al box office, ottenendo un grande successo. Il film è stato generalmente ben accolto dalla critica dell’epoca, con particolare apprezzamento per le potenti interpretazioni di De Niro, Walken e Streep. Oltre al Miglior Film, The Deer Hunter ha vinto gli Oscar per il Migliore Regista, il Migliore Attore non Protagonista, il Miglior Montaggio e il Miglior Sonoro.

Non si può negare, tuttavia, che The Deer Hunter sia un prodotto del suo tempo. Se si trovano delle lacune, è che il film è molto unilaterale nella sua rappresentazione della guerra del Vietnam. Uscito solo tre anni dopo la fine del conflitto, il film fa poco per umanizzare i Viet Cong. Successivi film, quando la guerra non era così recente, si sono concentrati maggiormente nel raffigurare le forze Viet Cong come esseri umani. Ad esempio, We Were Soldiers del 2002, nonostante i suoi difetti, offre una visione più equilibrata del conflitto.

The Deer Hunter non è attualmente disponibile su nessun servizio di streaming, ma può essere noleggiato o acquistato su tutte le principali piattaforme VOD.

A parte il suo passo più lento e la durata di oltre tre ore, alcuni aspetti di The Deer Hunter resistono ancora oggi. Se esaminato dal punto di vista dei personaggi, la storia di tre amici e di come il loro legame venga influenzato dalla guerra rimane potente, così come ci sono momenti davvero toccanti. Anche il finale di The Deer Hunter è molto commovente. Tuttavia, è evidente che il film ha delle lacune quando si tratta di rappresentare in modo accurato la guerra del Vietnam.

Fonte: Insider

The Deer Hunter è un film drammatico di guerra del 1978 diretto da Michael Cimino che ruota attorno a tre uomini in una piccola città siderurgica in Pennsylvania durante la guerra del Vietnam. Il film esplora gli effetti della guerra sui lavoratori delle piccole città, con il trio di amici russo-americani che si uniscono per un’ultima battuta di caccia. Conservando la speranza di riportare a casa gloria militare per i loro amici e famiglie, la loro realtà crolla rapidamente quando vivono in prima persona la guerra in Vietnam.

Data di uscita: 23 febbraio 1979
Regista: Michael Cimino
Cast: Robert De Niro, John Cazale, John Savage, Meryl Streep, Christopher Walken, George Dzundza
Durata: 184 minuti
Sceneggiatori: Deric Washburn, Michael Cimino, Louis Garfinkle, Quinn K. Redeker
Studio: EMI Films
Distributore: Universal Pictures


Potrebbe interessarti

Varianti di Deadpool rompono il Multiverso dell’MCU in un geniale poster fan di Deadpool 3
Varianti di Deadpool rompono il Multiverso dell’MCU in un geniale poster fan di Deadpool 3

Sommario Un poster fan-made per Deadpool 3 immagina diverse versioni di Deadpool provenienti da universi diversi che si uniscono. Le foto dal set confermano l’esistenza di almeno due versioni alternative di Deadpool in Deadpool 3. L’introduzione di varianti di Deadpool suggerisce la possibilità della comparsa del Deadpool Corps nella Fase 5 della MCU. Sommario Un […]

“Hardly Remember Filming That”: Perché Masters Of The Air è stata un’esperienza così difficile per Austin Butler
“Hardly Remember Filming That”: Perché Masters Of The Air è stata un’esperienza così difficile per Austin Butler

Summary Austin Butler ha affrontato delle sfide nel passaggio dal suo iconico ruolo come Elvis al suo ruolo in Masters of the Air. Turner elogia Butler per la sua capacità di passare da una mentalità all’altra e di offrire una performance fantastica nel drama storico. Butler ha faticato a separarsi dalla voce di Elvis, anche […]