Notizie FilmEternals", "Spider-Man" e il futuro dei Marvel Studios

Eternals”, “Spider-Man” e il futuro dei Marvel Studios

-

- Advertisment -spot_img


AVVISO DI SPOILER: Questa storia include discussioni sul finale di “Eternals” dei Marvel Studios, attualmente al cinema.

“Eternals” è sempre stato destinato a scuotere le cose.

Quando Chloé Zhao ha incontrato per la prima volta i Marvel Studios riguardo alla possibilità di dirigere il film, le è stato detto fin dall’inizio dai dirigenti della società che “Eternals” era visto internamente come un pulsante di reset per il Marvel Cinematic Universe dopo gli eventi conclusivi di “Avengers: Endgame”. Sarebbe stato un modo per pulire il palato narrativo dello studio dalla Saga dell’Infinito, e impostare il prossimo decennio di possibilità narrative del MCU. Mentre i personaggi di “Eternals” menzionano altri luminari della Marvel (Thanos, Iron Man, Steve Rogers ecc.), nessuno dei precedenti 25 film del MCU fa un’apparizione – la prima volta che questo è successo nel MCU. (Anche “Doctor Strange” include Thor nella sua scena post-credits). È la cosa più vicina a una tabula rasa che un film del MCU abbia mai fatto.

“Questa era la speranza della Marvel, sai”, ha detto Zhao a Variety , il giorno dopo la prima mondiale del film a ottobre. “Fin dall’inizio, mi hanno detto che questo film esplorerà l’origine del MCU, ridefinendo quindi molte cose. Avrà delle ripercussioni sul futuro del MCU”.

Divisivo dal punto di vista critico e meno che stellare dal punto di vista commerciale, è giusto dire che “Eternals” ha effettivamente avuto un certo impatto per i Marvel Studios – se non proprio come la compagnia intendeva. Ma non esageriamo: Perché altrimenti la Marvel avrebbe assunto un regista con una visione creativa singolare come Zhao – per raccontare una storia che riscrive niente meno che le origini della civiltà umana e l’universo stesso – se non per scuotere ciò che un film Marvel potrebbe essere?

Ad un livello di base, “Eternals” pone le basi per un evento cataclismico per il MCU ad un certo punto nel suo futuro. Gli Eterni, guidati da Sersi (Gemma Chan), impediscono che un nuovo Celeste emerga all’interno della Terra e distrugga l’intero pianeta. Arishem (David Kaye), il principale Celestiale, appare successivamente incombente sulla Terra, trascina Sersi, Phastos (Brian Tyree Henry) e Kingo (Kumail Nanjiani) nello spazio, e annuncia che giudicherà il destino dell’intero pianeta sulle loro esperienze con l’umanità.

Ci si aspetterebbe che, diciamo, Bruce Banner, Doctor Strange e i leader del Wakanda abbiano qualche opinioni sul gigantesco, pietrificato cadavere di un Celestiale che spunta dall’Oceano Indiano, per non parlare di un dio di dimensioni planetarie che improvvisamente fa zapping in orbita e poi altrettanto improvvisamente fa zapping via. Non è chiaro se la minaccia di Arishem di distruggere la Terra sia stata sentita solo dagli Eterni o dall’intero pianeta, ma in ogni caso, questo è il tipo di narrazione ad alta posta in gioco su cui il MCU prospera.

Ma “Eternals” – come film e come parafulmine della critica e dei social media – pone una domanda ancora più intrigante ed esistenziale sul futuro del MCU: Come i suoi titoli racconteranno queste storie?

Fin dai suoi primi giorni, i Marvel Studios si sono guadagnati la reputazione, giusta o no, di aver levigato le voci singolari dei suoi registi per adattarle al suo universo cinematografico coesivo, caratterizzato dal pungiglione duraturo delle dichiarazioni di Martin Scorsese nel 2019 che i film Marvel non sono cinema. È vero che altri registi – specialmente James Gunn (con i due film di “Guardiani della Galassia”) e Taika Waititi (con “Thor: Ragnarok”) – hanno portato voci registiche più idiosincratiche al MCU. Ma “Eternals” sembra un rimprovero attivo contro l’immagine della Marvel come fabbrica di supereroi. Lo studio ha assunto Zhao appositamente per infondere in “Eternals” una sensibilità estetica e narrativa che si distingue dal resto della produzione dello studio fino ad oggi.

“È una specie di approccio alla National Geographic”, ha detto Zhao a Variety. “Non fa queste cose assurde. Ti mostra solo quello che è, e poi ti immergi”. Questa sembra essere stata una collaborazione felice; il capo dei Marvel Studios Kevin Feige ha persino fatto una mezza battuta a Variety in aprile che sperava di parlare di “Eternals” come un concorrente all’Oscar dopo le vittorie di Zhao come miglior film e regista per “Nomadland”.

Feige può probabilmente tenere il suo smoking in magazzino: Sia i fan che i critici hanno trovato “Eternals” un mix scomodo, persino fuori luogo – non proprio il MCU, non proprio Zhao – e non hanno avuto problemi ad esprimere il loro disappunto su internet. La reazione ha effettivamente chiamato fuori la Marvel per aver fatto la cosa che tutti sembravano voler fare: Dare ad un regista di serie A una maggiore libertà d’azione per fare un film del MCU a modo loro.

Quindi la Marvel lo farà di nuovo? La lista della compagnia è già programmata per i prossimi due anni, da “Thor: Love and Thunder” di Waititi (previsto per luglio 2022), che si è appena concluso, a “Ant-Man and the Wasp” di Peyton Reed: Quantumania” (previsto per luglio 2023) che è già in produzione. Quindi qualsiasi ricaduta di “Eternals” non sarà evidente fino all’autunno del 2023 – e a chiunque sia annunciato a dirigere la prossima serie di film della Marvel (ancora non annunciata).

Vale anche la pena sottolineare che, uno, Marvel voleva “Eternals” fosse diverso, e due, la Marvel ha scelto “Eternals” come film per essere diverso. Creato da Jack Kirby in una serie limitata negli anni ’70, “The Eternals” non è mai stato centrale nella grande narrazione dei fumetti Marvel. Certo, la storia di origine del titolo per l’universo si è riverberata in tutto il canone Marvel, ma come una narrazione limitata e ritagliata che molti fan dei fumetti erano liberi di ignorare completamente. E, di nuovo, Zhao lo sapeva.

“Possiamo davvero giocare e fare un film autonomo, che penso sia un omaggio a Jack Kirby”, ha detto in ottobre. “Se pensate alla run degli ‘Eternals’ di Jack Kirby, è stata creata molto alla periferia di questi personaggi davvero popolari. Stava raccontando storie su qualcosa di molto più grande attraverso questo piccolo gruppo di emarginati”.

Basta confrontare “Eternals” con il prossimo film del MCU: “Spider-Man: No Way Home”. Debuttando tra poco più di un mese, “No Way Home” è ampiamente previsto per essere il film di maggior incasso dell’anno, e la prima uscita dell’era pandemica ad aprire con più di 100 milioni di dollari in patria. Co-prodotto con Sony Pictures, “No Way Home” promette anche di rifare non solo il MCU, ma la crescente suite di adattamenti Marvel della Sony, scatenando i vincoli narrativi più sciolti del multiverso. Infatti, non importa come “Eternals” cambi il MCU, il multiverso – introdotto dalle recenti serie Disney Plus “Loki” e “What If…?” – lo ha già fatto, aprendo un numero infinito di possibili filoni da esplorare, e aprendo la strada a versioni del Peter Parker di Tom Holland che esistono all’interno del MCU e del Marvel-verse separato della Sony.

Inoltre, non per mettere un punto troppo sottile su questo, ma mentre Jon Watts ha dimostrato di essere un regista vivace dei film di Holland “Spider-Man”, la sua produzione precedente – tra cui i film indie “Clown” e “Cop Car,” e i corti video per la Onion – non lo aveva stabilito come una voce cinematografica unica. Semmai, Watts è molto più di quello a cui la maggior parte degli osservatori dei Marvel Studios pensano quando parlano dello “stile di casa” della Marvel: un artigiano molto efficace e competente che scompare nei suoi film.

Non a caso, fin dalla sua nascita nel 1962, Spider-Man ha vissuto al centro della Marvel, quindi sarebbe logico che la Marvel e la Sony non volessero fare un grosso e rischioso tentativo con un personaggio così prezioso.

Eppure, la Sony ha fatto proprio questo con “Spider-Man” del 2002, diretto da Sam Raimi. Un autore di horror con uno stile inconfondibile affinato negli anni come regista indie no-budget, Raimi ha portato la sua sensibilità in “Spider-Man” e nel suo sequel del 2004, che è ancora ampiamente considerato uno dei migliori film di fumetti mai realizzati. Con il gonfio “Spider-Man 3” del 2007, tuttavia, le richieste dello studio e le considerazioni commerciali avevano prosciugato gran parte della voce di Raimi. Il film ha fatto più soldi di qualsiasi altro film di Spidey prima di esso (895 milioni di dollari), ma è stato ampiamente deriso come un imbarazzo, e Raimi ha lasciato il franchise. Questo ha spinto il reboot con Andrew Garfield e il regista Marc Webb, che ha sofferto dello stesso senso di gonfiore e anonimato creativo, che alla fine ha spinto la Sony a una partnership senza precedenti per fare i film di Spider-Man con i Marvel Studios.

Nel frattempo, il seguito di “Spider-Man: No Way Home” dei Marvel Studios – “Doctor Strange in the Multiverse of Madness” – è diretto da, sì, Sam Raimi. Proprio come con Chloé Zhao, è difficile immaginare perché la Marvel dovrebbe assumere Raimi e non volere che faccia il suo cosa. Lo sapremo presto; il film è stato terminato e il suo debutto è attualmente previsto per maggio 2022.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you