RecensioniEssere The Ricardos Recensione: I Love Lucy Movie di...

Essere The Ricardos Recensione: I Love Lucy Movie di Aaron Sorkin Underwhelms

-


Scritto e diretto da Aaron Sorkin, Being the Ricardos si concentra su Lucille Ball e Desi Arnaz, gli attori che hanno interpretato Lucy e Ricky Ricardo nella sitcom di successo degli anni ’50 I Love Lucy. Ambientato negli anni ’50, Sorkin attraversa uno dei periodi più tumultuosi della vita della coppia, affrontando i problemi del loro matrimonio e i fattori esterni che avrebbero potuto far deragliare entrambe le loro carriere all’apice della popolarità della loro sitcom. Essere i Ricardos è veloce e sostenuto da prestazioni abbastanza buone, ma gli manca la vitalità per andare avanti. Sebbene il film raggiunga occasionalmente il suo potenziale narrativo dopo una messa a punto intrigante, non si eleva mai completamente al di sopra di certi battiti deludenti.

Essere i Ricardos si apre introducendo immediatamente i suoi due conflitti. Lucille Ball (Nicole Kidman) e il marito Desi Arnaz (Javier Bardem) sono nel bel mezzo di una discussione su una storia scandalistica riguardante Desi che viene vista con un’altra donna. Stanno anche diventando caldi e pesanti fuori dallo schermo, il che pone immediatamente le basi per il loro matrimonio appassionato ma controverso. Dopo aver ascoltato alla radio una storia dirompente su Lucy che è stata iscritta al Partito Comunista negli anni ’30, la coppia deve fare i conti con le conseguenze di ciò che la notizia pubblica potrebbe significare per il futuro di I Love Lucy, incluso il modo in cui influisce sulla loro co – gli attori Vivian Vance (Nina Arianda) e William Frawley (JK Simmons), gli sceneggiatori dello show (Alia Shawkat e Jake Lacy) e lo studio. La crescente tensione tocca tutti in modi diversi mentre continuano a produrre lo spettacolo, il tutto mentre Lucy si muove a spirale seguendo le accuse di infedeltà di Desi.

Javier Bardem e Nicole Kidman in Essere i Ricardos

I dialoghi scattanti di Sorkin e il ritmo veloce assicurano che la storia non cada mai in una pausa, ma l’ultimo terzo di Essere i Ricardos fa quasi deragliare gran parte dell’impostazione e della buona volontà che esistevano nella prima metà del film. E mentre la scrittura di Sorkin è tipicamente vivace, la sua regia qui non lo è. Essendo il Ricardos non ha abbastanza carburante per andare avanti e lo slancio di cui aveva bisogno per costruire verso il suo intenso momento finale manca molto prima di arrivarci. Ciò è principalmente dovuto al fatto che il film mira a legare tutte le sue estremità in sospeso in un modo pulito e anonimo, che alla fine risucchia l’aria dalla storia e appiattisce gran parte dell’energia con cui è iniziata. Il film è imperniato sul fatto che il pubblico non sappia molto dei suoi personaggi principali, ma c’è una mancanza di suspense per coloro che conoscono già l’essenza di ciò che accade e come vanno le cose. A tal fine, Sorkin fa affidamento sulla tensione di Lucy come potenziale comunista quando questo è l’aspetto meno interessante del film.

Nonostante tutto, Sorkin riesce a bilanciare il dramma interpersonale, una storia passata che minaccia di annullare la carriera di Lucy e il processo di realizzazione di uno spettacolo. Con quest’ultimo, Sorkin cosparge momenti che mettono in risalto quanto fosse un genio comico Lucille Ball. Mentre tutti intorno a lei stanno cercando di superare la settimana di tensione, la Lucille di Kidman è in piedi, il viso contorto nella concentrazione mentre lavora per migliorare la commedia fisica della scena nonostante le proteste che provengono da quasi tutti i livelli della produzione. Tranquillamente, Sorkin mostra come il tempismo comico dell’attrice defunta fosse tutto nei dettagli mentre immagina non quale sia la scena, ma come potrebbe essere. La Kidman è particolarmente brava in questi momenti, anche se non sempre riesce a inchiodare l’incredibile talento di Ball per la commedia fisica. La Kidman è più contenuta nel suo linguaggio del corpo ed è difficile essere completamente coinvolta nella sua performance a causa di ciò.

Javier Bardem, JK Simmons, Nina Arianda e Nicole Kidman in Essere i Ricardos

Javier Bardem è incredibilmente affascinante nei panni di Desi Arnaz, ma entrambe le interpretazioni dei protagonisti sembrano smorzate, qualcosa che riflette la sceneggiatura intrigante ma deludente. Tuttavia, sono JK Simmons e Nina Arianda che si distinguono nonostante gli sia stato dato molto meno materiale con cui lavorare. Lo sguardo pieno di sentimento di Arianda e la performance complessiva sfumata dipingono chiaramente le lotte di Vivian; è un’amica di Lucy, ma è spesso trascurata e messa da parte. Scambi accesi con William di Simmons riescono ad accendere la scintilla che in qualche modo manca tra Bardem e Kidman. Vivian cerca di nascondere il suo dolore, ma è scritto chiaramente sul suo viso per chiunque stia prestando attenzione. Sorkin sembra vagamente interessato all’amicizia che Lucy e Vivian condividono, una che è stratificata e piena di rispetto e tensione, anche se non ce n’è abbastanza.

Essere i Ricardo stuzzica la domanda: Desi amava davvero Lucy? Ma il film non produce necessariamente una risposta, trattando spesso Arnaz come uno stereotipo piuttosto che come una persona pienamente realizzata. Sorkin mostra quanto sia capace e intelligente (Desi funge da produttore in I Love Lucy, ma non gli viene dato il merito), ma ci sono più scene dedicate alle persone che parlano di lui di quante ce ne siano di lui che parla da solo. Lucy combatte per suo marito e lui combatte per lei, ma mentre è chiaro che ha investito nell’aspetto romantico della loro relazione e nel mantenimento della sua carriera, Sorkin non ha la stessa comprensione su chi sia Desi al confronto. Ciò che il film fa davvero bene, tuttavia, è rivelare, strato dopo strato, la costante turbolenza presente nel matrimonio di Lucy e Desi. Si distingue in netto contrasto con la relazione perfetta che i loro personaggi hanno sullo schermo. È in questi momenti che la sceneggiatura di Sorkin trova il suo fondamento, scavando un po’ più a fondo prima di tornare rapidamente in aria.

È un peccato che Essere i Ricardo non diventi mai così interessante come le persone su cui è incentrato. Il film offre abbastanza drammi interpersonali per mantenere il pubblico a guardare e incuriosire, ma mentre la sceneggiatura di Sorkin si muove costantemente verso la fine, la storia cala e non crea mai abbastanza slancio per impressionare veramente.

Essendo i Ricardos uscirà in sale limitate venerdì 10 dicembre e sarà disponibile per lo streaming su Amazon Prime Video il 21 dicembre. Il film dura 125 minuti ed è classificato R per il linguaggio.

.item-num::after { googletag.cmd.push(function() { googletag.display(‘div-gpt-ad-1535570269372-ccr-REPEAT7’); });

Latest news

Il video del set di Batgirl rivela un nuovo look al costume di Barbara Gordon

Il costume di Barbara Gordon viene visto in azione per la prima volta in un nuovissimo video dal...

Il personaggio di Peacemaker apparirà nel prossimo film DCEU, afferma James Gunn

Secondo James Gunn, un personaggio di Peacemaker apparirà in un altro progetto DCEU. La serie spin-off di...

Sonic The Hedgehog 2 è molto più epico del primo film di Star

La star Ben Schwartz prende in giro che Sonic the Hedgehog 2 è molto più epico nella sua...

Yellowjackets Stagione 2 introdurrà più sopravvissuti adulti

AVVISO SPOILER: spoiler della prima stagione di Yellowjackets di seguito. Il co-creatore di Yellowjackets anticipa che altri sopravvissuti all'incidente...

Andrew Garfield vuole interpretare Spider-Man contro il veleno di Tom Hardy

Attenzione: spoiler in arrivo per Spider-Man: No Way Home. Andrew Garfield rivela che sarebbe disposto a interpretare nuovamente l'Uomo...

La prima sceneggiatura di Original Scream ha ucciso Dewey, rivela Courteney Cox

Avviso spoiler: questo articolo include punti della trama di Scream (2022) Courteney Cox rivela che Dewey di David Arquette...

Must read

You might also likeRELATED
Recommended to you