Asiatica Film Mediale

Esattamente chi possiede i diritti di King Kong? Com’è la Disney a fare uno show televisivo?

Esattamente chi possiede i diritti di King Kong?  Com’è la Disney a fare uno show televisivo?
Debora

Di Debora

24 Agosto 2022, 19:29


La Disney ha annunciato che uno show televisivo di King Kong è in fase di sviluppo presso lo studio, sollevando la questione di chi possiede esattamente i diritti del classico mostro del film. Sotto la supervisione del regista di Aquaman James Wan, questa serie di King Kong debutterà su Disney+ e dovrebbe portare la scimmia gigante nell’era moderna. Dato che il progetto non è correlato al franchise cinematografico MonsterVerse di Legendary Entertainment, distribuito dalla Warner Bros., il pubblico potrebbe chiedersi come King Kong sia riuscito a finire in diversi film e programmi TV di più studi.

L’originale King Kong è stato distribuito dalla RKO Pictures nel 1933. Pieno di romanticismo, dramma, avventura e tecniche cinematografiche rivoluzionarie, oggi il film è uno dei tanti punti critici del genere kaiju e forse il migliore uscito dall’età d’oro di Hollywood. Un sequel meno ricordato è arrivato lo stesso anno, seguito da apparizioni nei film di mostri di Toho negli anni ’60, remake ufficiali di Paramount e Universal rispettivamente nel 1976 e nel 2005, e infine la sua riunione con Godzilla per alcuni film di MonsterVerse, incluso un sequel in arrivo a Godzilla contro Kong.

Con King Kong che continua a essere una parte importante del MonsterVerse, la serie Disney incentrata sul personaggio è sicuramente confusa. La risposta alla domanda su chi detiene i diritti è complicata perché sembra che i film di Kong non lo definiscano solo. Vari casi giudiziari hanno portato King Kong a essere etichettato come un punto fermo della cultura pop proveniente da libri, film e tutto il resto. A causa di termini nebulosi e complesse battaglie legali che determinano in cosa proiettano le stelle della scimmia gigante e come vengono adattate, il personaggio può ora apparire in diversi media di una varietà di aziende.

Spiegazione dei diritti cinematografici e televisivi di King Kong

Molti hanno affermato di possedere King Kong, con Merian C. Cooper tra i primi, poiché aveva creato il personaggio per il film del 1933. Negli anni ’60, quando i mostri giganti erano popolari e il primo incontro incrociato di King Kong e Godzilla entrò in produzione, Cooper tentò di stabilire che possedeva i diritti del primo. Citando lettere di RKO sulla licenza che non è riuscito a produrre, il regista ha portato la Universal in tribunale per la loro collaborazione con Toho in King Kong vs. Godzilla. Tuttavia, senza prove, a Cooper è stata concessa solo la proprietà dei diritti di pubblicazione sulla base del romanzo del film originale.

Quando arrivò il momento del remake del 1976, i tribunali dovettero decidere chi possedeva cosa. RKO, Universal e il figlio di Cooper furono tutti accolti con la decisione che King Kong fosse di pubblico dominio poiché il suo creatore non riuscì a rinnovare il copyright sul romanzo del film del 1933. La sentenza divenne nota come il “giudizio Cooper”, che permise alla Universal di procedere con il proprio remake liberamente ispirato al romanzo, e la RKO dovette pagare decenni di profitti delle licenze poiché la proprietà Cooper rivendicava gli elementi di base della classica storia di King Kong.

Dopo aver acquistato i diritti di proprietà della proprietà di Cooper, la Universal portò Nintendo in tribunale nel 1982 per elementi simili trovati nel videogioco Donkey Kong. Tuttavia, riflettendo sulla storia disordinata e sui termini vaghi della rappresentazione del personaggio, i tribunali hanno rafforzato il fatto che la proprietà non avesse un’origine singolare e quindi gran parte della mitologia di Kong era di dominio pubblico. A causa del precedente Nintendo, ad altre società sarebbe stato permesso di raccontare nuove storie su King Kong.

King Kong di Disney+ si collegherà al MonsterVerse?

Dalla sua apparizione nel film Kong: Skull Island, il MonsterVerse è sembrato essere la casa principale di King Kong nei media di intrattenimento. Ciò è stato ulteriormente ipotizzato con il ritorno del personaggio nel crossover basato sulla battaglia Godzilla vs. Kong, il suo prossimo sequel e vari piani di serie TV per il franchise. Tuttavia, è chiaro che lo spettacolo della Disney reggerà da solo, lavorando con un nuovo mito di King Kong sviluppato in collaborazione con la proprietà di Cooper e indipendentemente dal MonsterVerse. Destinato a concentrarsi su una moderna Skull Island e sul retroscena di Kong, è un’aggiunta curiosa ma promettente alla vasta collezione di storie classiche della Disney.


Potrebbe interessarti

Eddie Munson si unisce a House Of The Dragon in Stranger Things Crossover Art
Eddie Munson si unisce a House Of The Dragon in Stranger Things Crossover Art

La nuova impressionante grafica del crossover di Stranger Things vede Eddie Munson unirsi a House of the Dragon della HBO. Dopo essere stato rilasciato per la prima volta su Netflix nel 2016, Stranger Things è diventato da allora una delle offerte più popolari dello streamer. Lo spettacolo ha appena concluso la sua quarta e penultima […]

She-Hulk Episode 1 era originariamente l’episodio 8 di Marvel Show
She-Hulk Episode 1 era originariamente l’episodio 8 di Marvel Show

L’episodio 1 di She-Hulk: Attorney at Law era originariamente l’episodio 8 del nuovo spettacolo Marvel. La commedia di azione legale vede protagonista Tatiana Maslany nei panni di Jennifer Walters, un avvocato difensore incaricato di rappresentare i superumani in un tribunale. A seguito di un incidente d’auto, il sangue di Walters viene accidentalmente contaminato da quello […]