Notizie Serie TVErrori con la spada laser sul set hanno reso...

Errori con la spada laser sul set hanno reso le scene di combattimento oscuro di Obi-Wan irrisolvibili

-


Obi-Wan Kenobi ha apportato una modifica al modo in cui vengono realizzate le scene con la spada laser di Star Wars e potrebbe aver reso il filmato irrisolvibile. Mentre molti spettatori hanno notato quanto fossero più luminose le spade laser rispetto ad altri progetti di Star Wars dal vivo, la tecnologia utilizzata per creare quell’effetto potrebbe essersi ritorta contro.

I film di Star Wars sotto George Lucas hanno girato i loro combattimenti con la spada laser con sciabole acrobatiche spente. Mentre le lame di luce colorate sono state aggiunte in post-produzione, dal momento che le spade di scena non producevano naturalmente alcuna luce propria, la spada laser non forniva luce agli attori o all’ambiente circostante, a parte alcune circostanze in cui altre luci sul set sono state utilizzate per simulare l’effetto. La trilogia del sequel ha aggiornato il processo creando oggetti di scena per spade laser più colorati con tubi luminosi sul set, creando un effetto di illuminazione più interattivo.

Gli spettacoli di Star Wars su Disney+ utilizzano un processo simile per creare l’effetto della spada laser sul set, anche se, nel caso di Obi-Wan Kenobi, il blu brillante della spada laser di Obi-Wan non ha funzionato bene con la tecnologia della fotocamera, danneggiando il immagine in un modo che potrebbe essere irreversibile.

Che cos’è il Chroma Clipping e come lo causano le luci a LED colorate?

Gli occhi umani funzionano utilizzando “barre” per ricevere segnali chiari e scuri per aiutare la visione in condizioni di scarsa illuminazione e visione periferica, e “coni” rossi, verdi e blu interpretano il colore della luce che si riflette sugli oggetti nel mondo che ci circonda. Sebbene la luce a spettro completo, come la luce del sole, appaia bianca, è composta da varie lunghezze d’onda nell’intero spettro dei colori. La stragrande maggioranza di queste lunghezze d’onda sono invisibili all’occhio umano (come la luce infrarossa o ultravioletta), ma le lunghezze d’onda visibili all’occhio umano sono captate da coni, il 64% dei quali è dedicato alla rilevazione del rosso, il 32% al rilevamento del verde e solo il 2% dedicato al rilevamento del blu. In modo simile, i sensori delle fotocamere digitali rilevano la sensibilità alla luce, filtrando la luce nei canali “RGB” rosso, verde e blu per ciascun pixel. La proporzione di ciascun canale RGB per un dato pixel determina il colore, mentre il livello generale determina la luminosità. Sono progettati per riprodurre le immagini nel modo in cui le vedono gli occhi umani, ma possono comunque ricevere segnali dall’esterno dello spettro visibili agli esseri umani, che sono ancora misurati con lo stesso sistema RGB.

La tecnologia della luce a LED è in circolazione da un po’ di tempo, ma solo negli ultimi anni è stata utilizzata nella fotografia perché, sebbene le luci a LED possano combinare segnali rossi, verdi e blu per simulare la luce bianca, non è la stessa luce bianca a spettro completo fornita da altre sorgenti luminose. Gli occhi umani non possono sempre distinguere tra la luce bianca naturale e la luce bianca simulata dai LED, i sensori della fotocamera digitale possono, il che può comportare un comportamento dell’immagine peculiare in determinate condizioni, specialmente con gli spettri di luce blu, che i sensori della fotocamera possono essere molto di più sensibile all’occhio umano. Fotocamere, LED e software di gestione del colore si sono evoluti per migliorare la nostra capacità di raccogliere e interpretare le lunghezze d’onda RGB, ma non è ancora una scienza perfetta.

In condizioni di luce zero, quando tutti i canali RGB sono al minimo, i sensori della fotocamera digitale rilevano un’immagine nera, ma all’aumentare della luce, i sensori della fotocamera espongono più dettagli dell’immagine a causa delle variazioni di luminosità misurate dai canali RGB finché la luce non diventa sufficientemente forte che sovraespone e i dettagli si riducono poiché l’immagine diventa completamente bianca quando tutti i canali RGB raggiungono la loro massima capacità. Quando la luce ad ampio spettro viene filtrata in base a un colore particolare, contiene ancora numerose frequenze misurate a livelli su tutti e tre i canali RGB per mantenere i dettagli dell’immagine, ma quando una fotocamera cattura la luce dai LED colorati (soprattutto dai LED più economici), la luce contiene una luce molto più stretta lunghezze d’onda del colore rispetto alla luce a spettro completo, il che significa che è molto più satura, facendo sì che gruppi di pixel massimizzino un dato canale RGB con conseguente perdita totale di dettagli simile alla sovraesposizione, ma invece del bianco, l’area soffiata è completamente saturata in il colore del canale soffiato. Questo fenomeno è noto come chroma clipping.

Il chroma clipping può essere particolarmente un problema con la luce blu. La luce LED blu (in particolare dai LED più economici) comprende una lunghezza d’onda molto più stretta rispetto ai LED rossi o verdi già stretti, quindi ha il potenziale per massimizzare il canale RGB blu a livelli di luminosità inferiori rispetto ad altri colori. Inoltre, poiché i coni blu costituiscono solo il 2% della capacità di ricezione del colore dell’occhio umano, qualcosa illuminato con una luce LED blu potrebbe sembrare a posto a occhio nudo quando in realtà viene colpito da intense lunghezze d’onda blu che non possiamo rilevare, ma un sensore della fotocamera può. Sebbene il “ritaglio blu” sia simile nel concetto a una sovraesposizione, non è coerente con il modo in cui gli occhi umani interpretano la luce, facendola apparire molto innaturale, specialmente sulla pelle e sui volti.

Perché la luce blu della spada laser in Obi-Wan Kenobi sembra così innaturale

Una delle maggiori differenze tecniche tra Obi-Wan Kenobi e la trilogia del sequel è che la trilogia del sequel è stata per lo più girata su pellicola, che non cattura la luce allo stesso modo di un sensore digitale, sebbene ci siano state anche modifiche alla tecnologia della spada laser che le rende più luminoso di qualsiasi altro progetto di Star Wars dal vivo. Sia la spada laser rossa che quella blu producono un livello di saturazione che si traduce in un’enorme perdita di dettagli quando si illuminano sui volti dei personaggi. Inoltre, la luce LED colorata a spettro stretto produce un bagliore densamente saturo sui personaggi così spesso da assomigliare quasi a un’ombra più che a una luce illuminante poiché i nuclei bianchi della lama al plasma aggiunti sopra le sciabole in post-produzione, creando un una sorta di misteriosa valle di luce.

Sulla base delle condizioni di illuminazione più scure delle scene del duello con la spada laser, è possibile che l’intenzione fosse quella di aumentare la luminosità degli oggetti di scena della spada laser in modo che potessero fungere da fonte di luce principale nella scena. L’idea di un intero duello nel buio pieno di vorticose lame rosse e blu che proiettano ombre intorno all’arena suona come un’idea davvero creativa e visivamente avvincente, ma senza sciabole appositamente progettate con il tipo di LED ad ampio spettro che possono essere fotografati a quella luminosità e fungere da illuminazione fissa, il concetto era destinato a produrre un comportamento della luce innaturale e un forte ritaglio dei colori.

Un’altra potenziale conseguenza del ritaglio blu è la gradazione cromatica più confusa dei duelli di Obi-Wan con Vader. Mentre una scena scura illuminata principalmente da spade laser dovrebbe normalmente avere un contrasto maggiore per migliorare la visibilità e accentuare il tocco stilistico, le scene in questione non erano solo scure, ma apparentemente avevano un contrasto inferiore, risultando in un’illuminazione generalmente scarsa e fangosa. Quando il ritaglio blu si verifica in modo così evidente, specialmente sul viso di un personaggio, l’unico modo per nasconderlo davvero è mantenere bassi i livelli di luminosità e picco di luce. Anche lievi aumenti di luminosità su molti degli scatti rivelano immediatamente pozze di pixel saturi di blu al 100% sulle aree che riflettono la luce LED più blu.

Inondare Ewan McGregor con una luce blu altamente saturata non è il modo migliore per illuminare l’attore in primo luogo, ma la durezza della luce LED blu è particolarmente evidente rispetto al bagliore blu molto più tenue della sciabola blu usata da Daisy Ridley per le scene con la spada laser di Rey nella trilogia del sequel. L’aggiunta dell’illuminazione interattiva con la spada laser è una delle cose più interessanti introdotte in Star Wars nell’era Disney, ma la densa saturazione e i problemi di ritaglio blu in Obi-Wan Kenobi mostrano quanto possa essere difficile introdurre una nuova tecnologia nel processo di realizzazione del film, che si spera che illumini quanto siano stati incredibili i risultati visivi e di budget di George Lucas nei suoi sei film di Star Wars.

Come Obi-Wan Kenobi avrebbe potuto correggere la luminosità della sua spada laser blu (e perché non l’hanno fatto)

Sebbene il chroma clipping si verifichi ancora di tanto in tanto, in particolare su film o TV a basso budget, una serie di miglioramenti tecnologici ne semplificano la prevenzione e il trattamento. La tecnologia LED sta migliorando rapidamente e un certo numero di luci LED ad ampio spettro di alta qualità sono state progettate specificamente per scopi fotografici, mentre molte fotocamere digitali di fascia alta calibrano i loro livelli RGB per ottenere un picco più naturale quando un canale è al massimo. Il modo più semplice è correggere il problema durante la produzione aggiungendo uno spettro di luce aggiuntivo, anche solo una debole luce bianca, per bilanciare meglio i canali. Modificare il bilanciamento del bianco o spingere ogni colore della luce in proporzione al di fuori dell’intervallo desiderato in modo che possa essere ripreso senza problemi e quindi regolato di nuovo sui colori target in post-produzione è un’altra possibile soluzione, ma il prodotto finale e la sfumatura del colore lo rendono meno evidente suggerisce che non erano a conoscenza del problema durante le riprese.

Inoltre, molte fotocamere di fascia alta possono raccogliere dettagli RGB più ampi, il che significa che il metraggio grezzo originale è utilizzabile, ma quando il metraggio viene convertito per lo streaming, viene compresso in un intervallo più ristretto, il che può costringere alcuni colori a ritagliarsi in modo simile ai livelli di nero schiacciati su compresso streaming video; tuttavia, circostanze come l’uso di LED blu e il fatto che un problema così importante non sia stato risolto prima del caricamento su Disney+ suggeriscono che il ritaglio blu potrebbe essere presente nel filmato grezzo, il che significa che è possibile che non ci sia una soluzione facile a meno di ricreare digitalmente i dati dell’immagine ritagliata e abbinandoli alle condizioni di illuminazione.

Il chroma clipping dei LED delle spade laser potrebbe non essere il peggiore dei problemi di Obi-Wan Kenobi, ma è indicativo di un livello di fallimento tecnico che si distingue per un franchise fondato su trucchi cinematografici a basso budget. Molti aspetti di ciò che rende Star Wars iconico sono il risultato di soluzioni creative a carenze tecniche. In una recente intervista con Collider, Ewan McGregor ha rivelato che ogni riga di dialogo in Star Wars: L’attacco dei cloni doveva essere ribattezzata con ADR perché il film è stato il primo lungometraggio girato con una fotocamera digitale, risultando in una serie di combinazioni inaspettate , come la fotocamera che rovina tutto l’audio sul set. Sebbene L’attacco dei cloni non sia esattamente considerato l’epitome del cinema, il fatto che il doppiaggio non sia ovvio è una testimonianza della magia del processo di post-produzione e della capacità di risoluzione dei problemi di Lucas.

Sebbene sia un peccato che scene così importanti della saga di Star Wars siano rovinate da un problema tecnico come il chroma clipping, si spera che Lucasfilm e Disney trovino alcune soluzioni creative per progetti futuri per far avanzare la tecnologia cinematografica. Chissà, con Ewan McGregor che stuzzica la possibilità di una seconda stagione, forse Obi-Wan Kenobi avrà un’altra possibilità di offrire una battaglia notturna con la spada laser adeguatamente illuminata nello stile del duello che avevano immaginato contro Vader nel finale.

Date di rilascio chiave

  • Rogue Squadron (2023) Data di uscita: 22 dicembre 2023

Ultime News

Il nuovo episodio di Star Trek per DS9 che evita Sisko è deludente

Avvertimento: SPOILER per Star Trek: Lower Decks Stagione 3, Episodio 6 - "Ascolta tutto, non fidarti di niente"...

Doctor Who: blocco! Ha portato al ritorno di David Tennant e Catherine Tate

Durante la pandemia, i fan di Doctor Who si sono incoraggiati a vicenda con vari Doctor Who: Lockdown!...

Spiegazione della scena dei titoli di coda di Hocus Pocus 2

AVVERTIMENTO! Questo post contiene SPOILER per Hocus Pocus 2.Hocus Pocus 2 ha due scene di titoli di...

Hocus Pocus 2: Tutti i film originali Easter Egg e riferimenti

AVVERTIMENTO! Questo articolo contiene SPOILER per Hocus Pocus 2! Hocus Pocus 2 ha molti richiami emozionanti al...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te