Asiatica Film Mediale

Encanto: come la lotta per i poteri di Mirabel rispecchia una storia fantasy di 76 anni

Encanto: come la lotta per i poteri di Mirabel rispecchia una storia fantasy di 76 anni
Debora

Di Debora

31 Gennaio 2022, 00:01


Encanto è l’amata storia di una famiglia incantata con poteri soprannaturali, ma non è nuova; in realtà rispecchia una storia originariamente scritta 76 anni fa dal compianto autore dell’horror Ray Bradbury. Entrambi sono racconti senza tempo su cosa significhi essere umani in una famiglia straordinaria e sul dramma che affrontano di fronte al collasso. Sebbene Bradbury affermasse di non essere in grado di prevedere il futuro, in qualche modo lo rifletteva in modi che nemmeno i madrigali potevano prevedere.

Nel 1946 Ray Bradbury raccontò per la prima volta la storia della famiglia Elliott, un clan di creature gotiche che adottò un ragazzo umano di nome Timothy, che trovarono strano. Ispirato dalle esperienze di vita reale di Bradbury, ha scritto una raccolta di 50 anni di racconti raccolti in un unico racconto intitolato From the Dust Returned. Sebbene non sia riconosciuto come icone gotiche come La famiglia Addams, molti lo consideravano un romanzo meravigliosamente macabro e trovarono che la famiglia Elliott risuonava con loro.

Encanto della Disney si concentra su Mirabel Madrigal, l’unica persona a non ereditare poteri magici in una famiglia benedetta da una candela incantata. Coloro che hanno letto la storia di Bradbury noteranno probabilmente alcune somiglianze in termini di idee e trama. Sebbene ci siano differenze notevoli, non è sbagliato considerare From the Dust Returned una variazione gotica e forse anche l’antecedente del film d’animazione Disney. Dopotutto, sono entrambi drammi familiari soprannaturali di ispirazione culturale sulla prospettiva e sull’autostima.

In entrambe le storie, c’è un triste parallelo tra Timothy e Mirabel mentre cercano di ottenere l’accettazione dalle persone che li circondano. La famiglia Madrigal di Encanto è orgogliosa delle proprie capacità e di come le vede il loro villaggio. Nel frattempo, gli Elliott disprezzano Timothy, il ragazzo nato senza zanne, artigli o persino la capacità di digerire un calice di sangue. Entrambi i protagonisti imparano che l’autostima e l’accettazione non dovrebbero derivare da come gli altri li giudicano. Non diversamente dai madrigali, che perdono i loro poteri a causa di aspettative irrealistiche e di una facciata che hanno messo in scena per il loro villaggio, i personaggi di Bradbury svaniscono quando il resto del mondo non ha più un posto nelle loro vite per la mitologia. Il racconto “On the Orient North” stabilisce quanto gli Elliott dipendano dalla convalida del mondo circostante solo per esistere. C’è un messaggio potente da trovare in quanto potere danno le famiglie alla cura delle percezioni dei loro vicini e come influisce sulla loro dinamica in entrambi i racconti, diventando tossici per i normali personaggi umani.

Un altro tratto comune di entrambi i protagonisti è che c’è una differenza tra un dono e un superpotere. Encanto mostra che il miracolo del Madrigal non è che la famiglia di Mirabel abbia poteri straordinari, ma che hanno l’un l’altro e una seconda possibilità dopo essere sfuggiti alla guerra che ha attaccato il loro villaggio. Bradbury discute temi simili attraverso Timothy, che lotta per essere come la sua macabra famiglia. C’è una profonda conversazione tra Timothy e suo zio Einar dalle ali di pterodattilo su cosa significhi essere immortali. Einar spiega a Timoteo che il vero dono è la vita stessa e che, a differenza degli altri, quello di Timoteo “vale di più per grammo” perché è limitato. Può vivere la vita come nessun vampiro, fantasma o mummia può mai fare perché può apprezzare ogni piccolo momento. Per Mirabel e Timothy, c’è una bellissima lezione appresa da quelli che credono essere doni, una realizzazione che arriva alla fine dei loro viaggi.

Le storie di Encanto e Bradbury sono storie simili separate da quasi tre quarti di secolo. Tuttavia, è il viaggio dei loro protagonisti umani che si completano a vicenda e insegnano le loro più grandi lezioni sulla famiglia, il potere e i veri doni della vita. È strano come storie come queste siano così collegate nonostante il tempo che è passato tra di loro, sia senza tempo che le loro lezioni ancora attuali attraverso le generazioni.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

L’episodio Mandalorian di Boba Fett include design di gioco di Star Wars cancellati
L’episodio Mandalorian di Boba Fett include design di gioco di Star Wars cancellati

Le scene dell’episodio 5 di The Book of Boba Fett includono design creati per il gioco Star Wars: 1313, ora cancellato. Con il tema di The Mandalorian che prende in giro un crossover tra entrambi gli spettacoli alla fine dell’episodio 4 di The Book of Boba Fett, i fan sono rimasti scioccati nello scoprire che […]

L’episodio 6 di Peacemaker è il più selvaggio di sempre, afferma James Gunn
L’episodio 6 di Peacemaker è il più selvaggio di sempre, afferma James Gunn

Attenzione: contiene spoiler per l’episodio 5 di Peacemaker. Lo sceneggiatore/regista James Gunn anticipa che l’episodio 6 di Peacemaker, “Murn After Reading”, sarà la voce più selvaggia della serie. Dopo la serie R-rated The Suicide Squad della scorsa estate, la nuova serie spin-off di Gunn continua le disavventure DCEU del “cattivo Capitan America” ​​di John Cena […]