RecensioniDopo la recensione di Yang: il dramma di fantascienza...

Dopo la recensione di Yang: il dramma di fantascienza deludente offre Little Heart [Sundance]

-


Nel suo secondo lungometraggio, After Yang, lo sceneggiatore e regista Kogonada, lavorando su un racconto di Alexander Weinstein, esplora il futuro e il ruolo dell’intelligenza artificiale in esso. Justin H. Min (The Umbrella Academy) interpreta Yang, ma il film non è mai all’altezza della forza della sua interpretazione. Dopo Yang ha momenti di bellezza e un bel messaggio centrale, ma è troppo lento e distaccato dalla sua stessa storia per raggiungere pienamente il suo potenziale.

Jake (Colin Farrell) e Kyra (Jodie Turner-Smith) si sono affidati a Yang (Min), un techno-sapien che la coppia ha comprato per insegnare alla loro figlia adottiva, Mika (Malea Emma Tjandrawidjaja), la sua eredità cinese. Dopo la rottura, la famiglia deve fare i conti con la vita senza di lui e affrontare gli stessi problemi che hanno nascosto sotto il tappeto per così tanto tempo. Jake e Kyra si chiedono se abbiano fatto troppo affidamento su Yang nel corso degli anni, pur non passando abbastanza tempo con Mika. Mentre Jake lavora per aggiustare Yang o decide di portarlo al museo techno-sapien gestito da Cleo (Sarita Choudhury), inizia a guardare i ricordi immagazzinati che Yang ha acquisito nel corso della sua vita.

Dopo Yang non sembra mai un mondo completamente realizzato. Il più grande svantaggio è che il pubblico sperimenta la vita di Yang solo dopo che se n’è andato. È un disservizio per il personaggio, soprattutto considerando che i suoi ricordi sono visti solo attraverso Jake. Inoltre, il conflitto tra Jake e Kyra è crudo e i loro sentimenti per avere Yang intorno, così come qualsiasi potenziale attaccamento a lui, non vengono mai veramente ampliati. Il film ha certamente qualcosa da dire sull’adozione di un bambino di un’altra cultura e su quanto sia cruciale avere qualcuno che possa relazionarsi con loro in quel modo, ma alla fine rimane molto superficiale nella sua esplorazione.

Detto questo, il film trova il suo centro emotivo quando Jake inizia ad attraversare i ricordi di Yang: alcuni secondi registrati ogni giorno che hanno significato qualcosa per l’IA personalmente. È ironico che il techno-sapien sia quello a infondere in After Yang così tanto cuore e sentimentalismo mentre gli umani sembrano aver dimenticato come mostrarne qualcuno, freddi e distanti come sono l’uno dall’altro in molti modi. Attraverso Yang, Kogonada mette in mostra la bellezza della vita quotidiana, le piccole cose che così spesso vengono dimenticate ma che costituiscono in gran parte l’esperienza umana.

In questi ricordi, Yang osserva Ada (Haley Lu Richardson), un clone che lo stava vedendo ballare, un’espressione di felicità che le illuminava il viso; beve il tè e si chiede come sarebbe avere ricordi di essere davvero un uomo di origini cinesi invece di conoscere solo curiosità sulla cultura; risponde alle curiose domande di Mika con pazienza e gentilezza. Yang si guarda allo specchio come se fosse perfettamente consapevole di chi è, mentre brama di essere qualcosa di più. Queste scene sono le più coinvolgenti che il film abbia mai avuto. A tal fine, Min cattura magnificamente i sentimenti di Yang in questi ricordi e infonde al personaggio così tanta umanità e cura gentile che è difficile non piangere la sua scomparsa.

Guardare la vita attraverso i pochi secondi che ha registrato è l’emozione più grande che Kogonada offre in questo mondo un po’ rigido e futuristico. L’apparente disagio di Jake per i progressi tecnologici e scientifici – non gli piacciono i cloni – inizia ad attenuarsi man mano che il film va avanti, ma non c’è abbastanza profondità per compensare la caratterizzazione calma, intensamente distaccata e disinteressata di questo mondo. Questo vale anche per quasi tutti gli altri personaggi. C’è qualcosa da dire sull’umanità di Yang come intelligenza artificiale e sull’effetto che ha avuto su coloro che lo circondano, soprattutto perché tutti gli altri hanno apparentemente dimenticato come godersi la vita. È quindi commovente ed emozionante vedere la vita di Yang giocare, ma alla fine il film si prende il suo tempo per arrivarci. Con un accumulo così lento e vuoto, After Yang si sente spesso disconnesso come la maggior parte di tutti nel film.

Dopo che Yang è stato proiettato al Sundance Film Festival del 2022. Il film dura 101 minuti ed è classificato PG per alcuni elementi tematici e linguaggio.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

La nostra valutazione:

2,5 su 5 (abbastanza buono)

Ultime News

Da vecchio a waifu, l’isekai Reborn to Master the Blade rivela un nuovo trailer

Sul sito ufficiale dell'adattamento anime delle light novel scritte da hayaken e illustrato da Nagu, Rinato per dominare...

Recensione di Decibel: Lee Jongsuk e Cha Eunwoo brillano in un thriller d’azione teso

Decibel può essere commercializzato come un emozionante dramma d'azione, ma sotto le trappole del genere, esplora come il...

Apparentemente, Disillused Adventurers Will Save the World data di uscita con trailer

Sul sito ufficiale dell'adattamento anime delle light novel scritte da shintafuji e illustrato da Susumu Kuroi, Apparentemente, gli...

Barbie Movie Display consente ai fan di entrare nel suo mondo di plastica rosa

Un nuovo display del film Barbie consente ai fan e ai potenziali spettatori entusiasti di entrare nel mondo...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te