Asiatica Film Mediale

Doctor Who: Hugh Grant è già il dottore (nonostante le voci sfatate)

Doctor Who: Hugh Grant è già il dottore (nonostante le voci sfatate)
Debora

Di Debora

24 Marzo 2022, 20:45


Hugh Grant è l’ultimo di una lunga serie di attori che si dice sarà il prossimo Doctor Who, ma il ridimensionamento di queste voci non cambia il fatto che Hugh Grant è già stato il Dottore. È interessante notare che Russell T Davies aveva originariamente in mente Grant per interpretare il Nono Dottore quando ha resuscitato la serie nel 2005, ma ha rifiutato il ruolo. Negli anni successivi, Grant ha riflettuto sulla sua decisione, dicendo che si è pentito del suo rifiuto considerando l’enorme successo dello spettacolo rianimato.

Russell T. Davies sarebbe tornato al suo desiderio di lavorare con Hugh Grant, quando ha recitato nella drammatizzazione di Davies del complotto fallito del parlamentare britannico Jeremy Thorpe per far uccidere il suo amante. Diretto da Stephen Frears e interpretato da Ben Whishaw nei panni dell’amante di Thorpe, A Very English Scandal è stato un altro successo televisivo per l’acclamato sceneggiatore. È stato un ulteriore passo avanti nella rinascita di Grant come attore caratterista, allontanandosi dai ruoli romantici che aveva interpretato all’inizio della sua carriera. È facile vedere come questo scenario abbia portato a voci sul suo coinvolgimento nel 60° anniversario di Doctor Who.

Indipendentemente dal fatto che Hugh Grant stia dicendo la verità sul suo non coinvolgimento, l’attore ha già interpretato il Dottore per un altro showrunner del 21° secolo. Nel 1999, sei anni prima del ritorno della serie in TV, Grant ha interpretato il ruolo del Dottore in uno speciale di beneficenza per il telethon biennale Comic Relief. È stato scritto dal futuro showrunner di Doctor Who Steven Moffat ed è una curiosità affascinante che prevede molti dei principali cambiamenti che il 21° secolo porterebbe alla serie.

In onda il 12 marzo 1999 come episodi di 4 x 5 minuti, “The Curse Of The Fatal Death” era un’affettuosa parodia dei tropi di Doctor Who che per lo più interpretava direttamente. Presentava Jonathan Pryce come il Maestro, Rowan Atkinson come il Nono Dottore e i Dalek. Ha le battute, lo spirito acuto e la trama intelligente che avrebbero definito il lavoro successivo di Moffat sulla serie. Ad esempio, il Dottore e il Maestro si scontrano facendo avanti e indietro nel tempo per annullare i piani dell’altro. La relazione tra il Dottore e il Maestro non è distante un milione di miglia da quella di Peter Capaldi e Michelle Gomez nei panni del Dottore e Missy.

L’episodio finale dello speciale Doctor Who vede diversi incidenti di fantascienza che fanno sì che il dottore di Rowan Atkinson si rigeneri in Richard E Grant, Jim Broadbent e poi Hugh Grant. Grant è stato una grande star nel 1999, con Notting Hill uscito nello stesso anno, e quindi la sua apparizione in quel momento è il tipo di casting di stelle che solo un ente di beneficenza come Comic Relief e il suo frequente collaboratore Richard Curtis potevano comandare. Nel suo breve cameo, interpreta una versione affascinante e affascinante del Dottore che non è dissimile dal ritratto del personaggio di Paul McGann. Riesce persino a recitare la scena della “morte” del Dottore quando sembra che non gli siano più rimaste rigenerazioni. “Prenditi cura dell’universo per me, ci ho lavorato molto”, dice poco prima di rigenerarsi inaspettatamente in Joanna Lumley, la prima dottoressa donna.

Se le rivelazioni di Timeless Child nell’era dello spettacolo di Jodie Whittaker sono qualcosa su cui basarsi, allora è del tutto possibile che “La maledizione della morte fatale” di Steven Moffat faccia parte del canone stabilito. La nozione di dottori misteriosi multipli apre le porte a questa cavalcata di celebrità, dottori di beneficenza da canonizzare adeguatamente. Indipendentemente dal fatto che Hugh Grant stia mentendo o meno sull’apparire come il Dottore nel 60° anniversario di Doctor Who è irrilevante, poiché per una notte pazza nel 1999, era il Dodicesimo Dottore.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Bridgerton: Tutti e TRE gli attori che interpretano Lady Whistledown
Bridgerton: Tutti e TRE gli attori che interpretano Lady Whistledown

Le star di Bridgerton Nicola Coughlan e Claudia Jessie hanno rivelato che non ci sono due, ma in realtà tre attori che interpretano Lady Whistledown. In un video promozionale per la seconda stagione della serie Netflix di successo, Coughlan e Jessie, che interpretano rispettivamente Penelope Featherington ed Eloise Bridgerton, hanno dato uno sguardo dietro le […]

Tutto ciò che sappiamo sulle risorse umane Stagione 2
Tutto ciò che sappiamo sulle risorse umane Stagione 2

Avvertenza: quanto segue contiene SPOILER per la stagione 1 delle risorse umane. Human Resources, la serie spin-off di Big Mouth di Netflix, è arrivata sulla piattaforma di streaming, ed ecco tutto ciò che sappiamo sulla stagione 2 di Human Resources. Big Mouth ha precedentemente introdotto una pletora di mostri che stanno dietro l’esperienza umana. Mostri […]