Notizie FilmDisney rompe il silenzio sul disegno di legge "Non...

Disney rompe il silenzio sul disegno di legge “Non dire gay” e giura di aiutarlo ad abrogarlo

-


Dopo lo sciopero dei dipendenti e conflitti interni, la Disney ha finalmente rotto il silenzio riguardo allo stato della Florida’s Parental Rights in Education Bill, ampiamente noto come Bill “Don’t Say Gay”. La società è stata recentemente oggetto di controversia, grazie sia alla sua posizione ambigua sul disegno di legge che alla faida ampiamente pubblicizzata tra i suoi attuali e precedenti CEO, Bob Chapek e Bob Iger. Ora, quando il disegno di legge diventa legge, la Disney sembra aver cambiato la sua posizione aziendale e ha scelto di denunciare attivamente HB 1557.

Il disegno di legge “Don’t Say Gay” è progettato per impedire l’insegnamento di argomenti relativi alla LGBT nelle scuole ai bambini tra la scuola materna e la terza elementare e oltre tali classi in qualsiasi modo non “adeguato all’età”. Lunedì è stato firmato in legge dal governatore della Florida Ron DeSantis. Il precedente silenzio della Disney sul disegno di legge nonostante il suo aperto impegno per i diritti e la rappresentanza LGBT è stato condannato, non solo perché la società è fortemente intrecciata con l’industria del turismo della Florida a causa del suo funzionamento del Walt Disney World Resort di Orlando, ma anche perché ha donato a diversi legislatori che hanno votato a favore del disegno di legge.

In una dichiarazione rilasciata lunedì sul suo sito web, la Disney ha affermato il suo impegno come azienda per i diritti LGBTQ+ e ha espressamente condannato l’approvazione del disegno di legge. Andando oltre una denuncia del disegno di legge, tuttavia, il comunicato dichiarava anche che la società intendeva lavorare attivamente per la sua abrogazione o blocco all’interno dei tribunali. L’annuncio non è attribuito a Chapek in modo specifico, ma piuttosto a “un portavoce” dell’azienda. La dichiarazione ufficiale della Disney è la seguente:

L’HB 1557 della Florida, noto anche come disegno di legge “Don’t Say Gay”, non avrebbe mai dovuto essere approvato e non avrebbe mai dovuto essere convertito in legge. Il nostro obiettivo come azienda è che questa legge venga abrogata dal legislatore o soppressa nei tribunali e rimaniamo impegnati a sostenere le organizzazioni nazionali e statali che lavorano per raggiungere questo obiettivo. Ci impegniamo a difendere i diritti e la sicurezza dei membri LGBTQ+ della famiglia Disney, nonché della comunità LGBTQ+ in Florida e in tutto il paese.

Sebbene Chapek avesse rilasciato in precedenza una dichiarazione su “Don’t Say Gay”, è arrivata solo dopo un lungo periodo di silenzio ed ha evitato di condannare espressamente i legislatori coinvolti. Numerose star Disney hanno criticato la posizione ambigua della compagnia riguardo al conto anche dopo questa dichiarazione, incluso Oscar Isaac di Moon Knight. La controversia che circonda il disegno di legge ha anche portato a rinnovate critiche alla posizione più ampia della Disney nei confronti dei diritti LGBT, con i critici che affermano che gran parte della rappresentazione LGBT della Disney è stata nella migliore delle ipotesi simbolica e di solito abbastanza sottile da consentire ai censori di rimuovere del tutto il contenuto nei mercati più conservatori senza sostanzialmente modificando la versione. I membri dello staff della Pixar hanno persino accusato la compagnia di averli costretti a rimuovere i contenuti LGBT durante il processo di produzione, di cui la controversia circostante alla fine ha portato al ripristino di un bacio tra persone dello stesso sesso nel film in uscita, Lightyear.

La dichiarazione della società segna un decisivo cambio di direzione per l’atteggiamento pubblico della Disney nei confronti del disegno di legge. Sebbene la precedente dichiarazione di Chapek abbia confermato l’impegno dichiarato della società nei confronti dei diritti LGBT, la Disney non si è ancora impegnata a condannare definitivamente il disegno di legge come società, potenzialmente per non far arrabbiare i legislatori della Florida a cui la società ha donato. Il nuovo approccio della Disney sarà probabilmente una gradita notizia per i membri dello staff che hanno messo in scena scioperi e le star che hanno criticato l’azienda, ma in questa fase, ovviamente, è solo una dichiarazione. Resta da vedere se la Disney manterrà davvero la sua promessa di combattere il conto.

Fonte: The Walt Disney Company

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }

Ultime News

Tutto ciò che non è nel gioco nel trailer di The Last Of Us

The Last of Us di HBO promette un'altissima fedeltà al gioco, sebbene il trailer ufficiale includa ancora molti...

Doctor Who Stagione 14 sta già evitando 3 enormi problemi dell’era moderna

La stagione 14 di Doctor Who sta già evitando tre enormi problemi con la serie moderna. Sfortunatamente,...

Garcia interroga un sospetto in New Criminal Minds: Evolution Images

Penelope Garcia di Kirsten Vangsness prende il comando dell'interrogatorio di un sospettato chiave in una serie di immagini...

I sequel di Avatar di James Cameron porteranno i Na’vi sulla Terra

I piani di James Cameron per i sequel di Avatar includono portare i Na'vi sulla Terra in Avatar...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te