Asiatica Film Mediale

Disney+ introduce il livello supportato dalla pubblicità entro la fine dell’anno

Disney+ introduce il livello supportato dalla pubblicità entro la fine dell’anno
Erica

Di Erica

04 Marzo 2022, 17:24


Disney+ si prepara a introdurre un nuovo livello supportato dalla pubblicità prima della fine del 2022. Il servizio di streaming, che presenta una raccolta di titoli delle cineteche Disney e del 20° secolo insieme a National Geographic, Pixar, Marvel e Star Wars, ha debuttato in Novembre 2019. È diventato rapidamente uno dei nuovi servizi di streaming più in voga, superando peer come HBO Max e Paramount+ e generando numeri che lo mettono in concorrenza con alcune delle piattaforme più grandi. In effetti, Disney+ potrebbe battere Netflix per abbonati totali entro il 2026.

Sebbene il servizio abbia subito alcuni ritardi nel far decollare i propri contenuti originali, soprattutto all’inizio della pandemia, ha ampliato notevolmente il proprio marchio nel 2021 e all’inizio del 2022. Nella sezione Star Wars, Il libro di Boba Fett e i primi due le stagioni di The Mandalorian hanno portato grandi numeri e ci sono almeno una mezza dozzina di altri spettacoli in sviluppo da quell’universo. Tra i loro spettacoli più performanti ci sono quelli che si svolgono nel Marvel Cinematic Universe, dall’acclamato WandaVision al successo natalizio Hawkeye. La loro prossima serie di Oscar Isaac, Moon Knight, darà il via al primo nuovo personaggio solista della piattaforma e il brusio iniziale sembra estremamente buono.

Ora, Disney+ ha annunciato che introdurrà un livello supportato da pubblicità negli Stati Uniti più avanti nel 2022. Sebbene non abbiano annunciato uno schema di prezzi o una data di lancio specifici, il nuovo livello dovrebbe essere più economico dell’attuale livello senza pubblicità . Questa mossa fa parte della spinta del servizio di streaming per raggiungere 230-260 milioni di abbonati.

Disney+ sta dando la priorità ai contenuti originali nella loro prossima lista, anche al di fuori dei loro due principali marchi. Il nuovo film Pixar Turning Red, in cui una giovane ragazza scopre di trasformarsi in un panda rosso quando si arrabbia, sarà trasmesso in streaming esclusivamente sulla piattaforma senza andare al cinema. Inoltre, la Disney resusciterà molte IP classiche, tra cui un remake di Cheaper by the Dozen con Neil Patrick Harris e Gabrielle Union, e il misto live-action Chip ‘n Dale: Rescue Rangers.

Questa mossa da Disney+ potrebbe effettivamente attirare più abbonati che sono spaventati dal prezzo. Tuttavia, potrebbe rendere più ombrosi molti dei loro attuali abbonati. Le piattaforme di streaming basate su pubblicità sono soggette a molti reclami perché molti membri del pubblico si aspettano che qualcosa per cui pagano sia intrinsecamente privo di pubblicità, il che è un frequente reclamo sui social media su Hulu e altri streamer simili. Allo stesso modo, le differenze di tempistica tra i livelli senza pubblicità e quelli supportati da pubblicità possono creare una svolta nel loro programma Watch Party, causando problemi alle persone di livelli diversi che desiderano guardare programmi o film insieme. Si spera che Disney+ possa risolvere questi nodi prima del lancio, ma resta certamente da vedere se questa mossa sarà davvero allettante per i nuovi abbonati o meno.

Fonte: Disney+

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Matt Reeves ha scritto la sceneggiatura di Batman pensando a Robert Pattinson
Matt Reeves ha scritto la sceneggiatura di Batman pensando a Robert Pattinson

Matt Reeves rivela di aver iniziato a scrivere The Batman pensando a Robert Pattinson prima di sapere che l’attore era interessato. L’ultimo film del regista americano è il primo a presentare Pattinson nel ruolo del Crociato Incappucciato, che riprende il personaggio nel suo secondo anno di lotta al crimine. Dopo un lungo periodo di produzione, […]

L’impostazione del film prequel di Predator consente grandi sbalzi creativi, afferma Exec
L’impostazione del film prequel di Predator consente grandi sbalzi creativi, afferma Exec

Il presidente della 20th Century Studios, Steve Asbell, anticipa che il film prequel di Predator, Prey, sarà una grande svolta creativa per il franchise d’azione fantascientifico. La quinta puntata della serie sposta l’attenzione di 300 anni nel passato al 1719 e si concentra su Naru, un guerriero Comanche che vive nelle Grandi Pianure. Quando la […]