Recensioni'Dexter: New Blood' non riesce a superare la delusione...

‘Dexter: New Blood’ non riesce a superare la delusione del passato: Recensione TV

-

- Advertisment -spot_img


Nel pantheon degli show noti per avere il “peggior finale di serie” di tutti i tempi, “Dexter” della Showtime è proprio in cima. Da quando l’episodio intitolato “Remember the Monsters?” è andato in onda otto anni fa, l’antieroe serial killer Dexter Morgan che finge la propria morte e si trasforma in un boscaiolo è stato il simbolo di ciò che uno show non dovrebbe fare quando finisce, anche se finisce al top o alle sue condizioni. E mentre “Dexter” è rimasto un successo per Showtime – durando 96 episodi in otto stagioni – un sacco di argomenti sono stati fatti da fan e critici che la serie avrebbe dovuto finire con la sua quarta stagione, la tanto amata stagione di Trinity Killer (John Lithgow). Questa sarebbe stata anche la stagione finale con lo showrunner della serie originale Clyde Phillips – che è tornato come showrunner per “Dexter: New Blood” – prima che lo scrittore della serie Scott Buck prendesse le redini.

Quindi, in termini di risposta alla domanda che apparentemente arriva con tutti i revival – “Perché lo riporteresti indietro?” – la risposta è ovvia. Al di là dei soldi, dà ai giocatori chiave la possibilità di rivisitare quel finale. Il protagonista della serie Michael C. Hall l’ha riconosciuto al San Diego Comic-Con di quest’anno, riferendosi al finale della serie originale “mistificante al massimo per la gente”.

Sfortunatamente, mentre “Dexter: New Blood” aiuta a rimpiazzare il cattivo gusto del finale della serie originale, al di fuori di alcuni componenti esterni, non fa molto per ridefinire molto di “Dexter”. Anche se si può sostenere che è meglio degli anni di Scott Buck, questo non cambia il fatto che anche gli anni di Clyde Phillips erano tutt’altro che perfetti.

Quando “Dexter: New Blood” inizia, è passato un decennio e l’antieroe titolare si è liberato della sua identità, assumendo il nome di James “Jim” Lindsay (un suggerimento a Jeff Lindsay, autore della serie di romanzi “Darkly Dreaming Dexter” da cui lo show è stato adattato) e lavorando in un negozio di forniture per esterni nella piccola città fittizia di Iron Lake, N.Y. Jim/Dexter si astiene dall’uccidere, sia che si tratti di esseri umani o anche di animali – Iron Lake è una grande città di caccia – ed è amato dai suoi concittadini. A differenza dell’ambientazione della serie originale di Miami, Iron Lake è il tipo di posto dove tutti conoscono tutti e gli affari degli altri, quindi le identità segrete sono difficili da mantenere. Ma, nel vero stile di “Dexter”, questo non impedisce che ci sia un altro serial killer nella città. Sempre nella vera moda di “Dexter”: il breve periodo di tempo in cui si cerca di rendere l’identità dell’altro serial killer un mistero non lo fa poi così bene.

Dopo anni di astinenza – con Deb (Jennifer Carpenter) che ora agisce come sua “coscienza” come faceva Harry (James Remar) nella serie originale – il ricco ragazzo privilegiato Matt Caldwell (Steve M. Robertson) entra nella pelle di Dexter abbastanza da fargli prendere in considerazione di ascoltare ancora una volta il suo Passeggero Oscuro. (Clancy Brown e i suoi occhi molto caratteristici – che sono un punto chiave della stagione – interpreta Kurt Caldwell, il padre benestante di Matt e magnate dei camionisti). La ragazza di Dexter, Angela (Julia Jones), è il capo della polizia locale, il che diventa sia conveniente che scomodo per gli scopi di questa storia.

Suo figlio Harrison (Jack Alcott), abbandonato da Dexter con la sua ragazza di allora (Yvonne Strahovski) nel finale, ritorna nel mondo di suo padre, e mentre il revival progredisce, Dexter lotta con la possibilità che Harrison non sia affatto come lui – un adolescente ben inserito che non ha le stesse “tendenze oscure” che ha avuto, così come la possibilità che forse Harrison lo fa. Nella serie originale, il piccolo Harrison non aveva una personalità a cui aggrapparsi, quindi la serie ha una tela bianca su cui lavorare. Sfortunatamente, quella tela bianca significa che una buona parte di “Dexter: New Blood” è un dramma adolescenziale e angoscia, due cose che hanno il loro posto ma forse non nel ritorno di questo show. Anche con il potenziale per Harrison di nascondere un Passeggero Oscuro e forse meglio di quanto Dexter sia mai stato – presentandosi come una persona emotivamente disponibile invece di uno che deve lavorarci su – questo non rende le sue scene al liceo più interessanti. Il che è deludente, perché non è che Alcott non stia dando una performance convincente; è che la natura convincente va fuori dalla finestra quando si tratta di affrontare i bulli degli atleti o la sua potenziale storia d’amore con Audrey (Johnny Sequoyah), la figlia di Angela.

Con il cambio di ambientazione, il tono dello show è cambiato. I doppi sensi nelle conversazioni ricordano al pubblico che Dexter era/è un serial killer, il che è sempre stato parte del fascino della serie, anche se alla fine confina con un umorismo morboso di tipo paterno. Ma la genuina freddezza della location (è stata girata nel Massachusetts occidentale) sembra aver tolto molta energia alla serie. Allo stesso tempo, l’ambientazione e la sua sgradevolezza sembrano anche stranamente necessarie per Dexter nella sua sfida di astensione.

Come ai vecchi tempi, la performance di Hall è sorprendentemente buona – è sembrato a lungo che potesse inchiodare il personaggio di Dexter nel sonno – anche quando le cose possono essere prevedibili. Ma Jennifer Carpenter dà probabilmente la performance più convincente della serie, in qualche modo ancora più vivace come Deb nella morte, pur essendo ancora riconoscibile. (Il turno di Jamie Chung come podcaster di true-crime porta anche la vivacità in un modo molto necessario alla serie). Forse la scelta migliore di “Dexter: New Blood” ha fatto è avere Deb in grado di ritornare in questa versione, dato che la chimica tra la Carpenter e la Hall sullo schermo non è diminuita negli ultimi otto anni, né l’abilità della Carpenter di imprecare con frustrazione.

“Dexter: New Blood” non può disfare ciò che il finale della serie originale ha fatto. Segue il nuovo ordine mondiale che ha stabilito, ma non segue la strada del boscaiolo. “Dexter: New Blood” è ancora “Dexter”, però, quindi tutti i punti di forza sono lì così come tutte le debolezze. (Ci sono anche sorprendentemente più cadute di aghi qui che nella serie originale). È possibile che questa sia la stagione di riscatto di cui la serie aveva bisogno – e anche quella che i fan volevano – ma non cambia la lunga e disordinata strada che ha preso per arrivare qui.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you