Notizie FilmDavid Oyelowo spiega come il successo in streaming di...

David Oyelowo spiega come il successo in streaming di ‘The Water Man’ ha dimostrato il fascino globale dei film neri

-

- Advertisment -spot_img


Quando David Oyelowo ha deciso di mettersi dietro la macchina da presa per dirigere il film d’avventura per famiglie “The Water Man”, l’attore e produttore nominato agli Emmy, ai BAFTA e ai Golden Globe aveva già superato diversi ostacoli solo per realizzare il film. Poi la pandemia ha colpito, costringendo il film nelle turbolente rapide del mutevole panorama della distribuzione cinematografica.

Ma “The Water Man” ha trovato il suo pubblico sotto forma di streaming.

Dal lancio del film su Netflix all’inizio di quest’estate, “The Water Man” è salito nella lista dei primi 10 paesi dello streamer, tra cui Filippine, Romania, Colombia, Spagna, Kenya, Nigeria, Portogallo, Polonia, Malesia, Francia, Israele, Kuwait, Thailandia, Sud Africa, Ecuador e Panama.

“Mi sento euforico e rivendicato, davvero”, ha detto Oyelowo Variety.

“L’uomo dell’acqua, come sceneggiatura, era uno di quei pezzi che, ovunque andassimo all’inizio, c’era un po’ di trepidazione intorno a questa frase piuttosto pigra, che è quella di ritenere il film un ‘tweener’. È per bambini? È per adulti?”. Ricorda. “Ho continuato a tornare a questi film che ho amato crescendo, e non so se la frase ‘tweener’ è esistita per [Steven] Spielberg dovesse navigare quando stava facendo ‘ET’ o ‘Incontri ravvicinati’. Penso che sia una lode esecutiva, che è un altro modo facile per loro di dire no”.

Quindi per il film che ha raggiunto decine di milioni di spettatori in tutto il mondo, secondo quanto gli ha detto Netflix, Oyelowo è al settimo cielo. “Ha dimostrato il fascino universale di una storia come questa”, dice. “Inoltre, il fatto che una famiglia di questa natura, esposta da me, Lonnie Chavis e Rosario Dawson, venga abbracciata così splendidamente in tutto il pianeta, è semplicemente meraviglioso”.

“The Water Man” ha come protagonista Chavis nei panni di un giovane ragazzo di nome Gunner, che parte alla ricerca di sua madre (Dawson) rintracciando una figura mitica chiamata The Water Man, che possiede i segreti dell’immortalità. Amiah Miller interpreta Jo, una ragazza locale che Gunner arruola per aiutarlo a rintracciare la misteriosa figura che vive nella foresta remota, mentre Oyelowo è il padre di Gunner, Amos, che parte per salvare suo figlio mentre il viaggio dei ragazzi diventa sempre più pericoloso. Scritto da Emma Needell, il film presenta anche Alfred Molina e Maria Bello.

Dopo aver debuttato con ottime recensioni al Toronto International Film Festival, RLJE ha distribuito “The Water Man” nelle sale e su PVOD a maggio, con Netflix che ha gestito la distribuzione globale in streaming a partire dal 9 luglio. Il film è stato lanciato su Netflix negli Stati Uniti e in Canada il 25 agosto.

Oyelowo dice che lo streamer è stato in grado di dargli una ripartizione di quante persone in tutto il mondo hanno visto il film, “e lo hanno guardato fino alla fine”, nota. “Il che mi è stato detto che è molto diverso dal cliccare solo per curiosità, ed è qualcosa che Netflix guarda davvero, in termini di appiccicosità”.

“Ciò che è così sorprendente dello streaming è che i dati sono dati concreti”, spiega Oyelowo. “Possono dirti quando qualcuno ha smesso di guardare. Mi hanno dato cifre a una sola cifra, di persone che hanno guardato questa cosa, e questo mi dà, come regista, diversi pezzi di informazione per il mio prossimo film”.

La forte risposta al film è stata anche un po’ un momento di “te l’avevo detto” per il regista, che ricorda vari streamer e studios che hanno rifiutato il progetto, prodotto dalla ShivHans Pictures di Shivani Rawat, dalla Harpo Films di Oprah Winfrey e dal banner Yoruba Saxon dello stesso Oyelowo.

E mentre Oyelowo e il team di “The Water Man” si sono fatti l’ultima risata, il regista ammette di essere stato sorpreso da alcuni dei paesi in cui il film ha sovraperformato.

“Quando scopro che il film è il numero uno – non solo al cinema, ma in tutta la piattaforma – in Ecuador e Panama, questi non sono posti che mi sono passati per la mente, se sono perfettamente onesto, quando stavo facendo il film”, spiega Oyelowo. “Ma è solo così convalidante come narratore, che sai che puoi prendere questo ragazzo di 11 anni e il suo viaggio di amore sacrificale per sua madre, e questo può risuonare”.

Immagine caricata pigramente

Lonnie Chavis, David Oyelowo e Rosario Dawson in “The Water Man”
Karen Ballard

Dall’uscita del film, Oyelowo è stato inondato di messaggi ed e-mail da persone che parlano di come il film abbia risuonato con loro emotivamente e abbia parlato delle loro esperienze.

“Soprattutto nel mezzo della pandemia, dove tutti noi sappiamo cosa significa affrontare le sfide o le potenziali sfide della perdita, delle sfide familiari, delle sfide della salute”, nota. “Quindi il film si è connesso con il pubblico in un modo che non avrei potuto prevedere”.

Ma l’informazione fornisce anche la convalida di alcune cose che Oyelowo credeva già essere vere: primo, che l’obiettivo del successo sta cambiando nel mondo del cinema; secondo, che c’è un pubblico per i film per famiglie a medio budget come quelli di Spielberg e John Hughes; e infine, che c’è un appeal globale per quei film con protagonisti persone di colore.

“È stato molto interessante perché sono cresciuto in questa industria, con metriche di successo molto chiare, come il box office e i premi, la dimensione del budget, la dimensione del tuo giorno di paga”, spiega. “Queste sono cose che sono le metriche compartimentate della tua traiettoria come regista, come il pubblico sta assorbendo il tuo contenuto. Ma molte di esse sono costruite su bugie che sono state pervase dai gatekeepers”.

“Sono scioccato dal fatto che il modello di vendita all’estero sia qualcosa con cui siamo ancora impegnati”, continua. “Perché, direi, fondamentalmente si basa sul lato del nostro business che è pieno di pregiudizi”.

Questi modelli, spiega, sono ostacolati dal fatto che sono una profezia che si autoavvera. Basando il successo di un attore, di un regista o di un progetto sui numeri del botteghino globale, perpetuando anche i miti razzisti e superati che “il nero non viaggia” o “le storie dirette o guidate da donne sono messe alla gogna come film per femminucce o di nicchia”, dice Oyelowo, “Allora, come diavolo può essere vera quella metrica, quando la stessa industria che sta creando la metrica sta anche attivamente marginalizzando, alcune delle persone che stanno cercando di far uscire le loro storie”.

I dati fanno anche molto per contestare la “saggezza convenzionale” razzista e superata che “i film neri – e le star – non viaggiano”.

“È una narrazione che stiamo vedendo erodere ogni giorno, ma mi piace essere parte dell’erosione di questa narrazione”, dice Oyelowo, indicando Will Smith come l’esempio più famoso di lotta contro i detrattori.

Proprio come Smith ha notoriamente viaggiato in tutto il mondo per dimostrare ai capi dello studio e ad altri guardiani di Hollywood che il pubblico voleva effettivamente vedere lui, i suoi film e altri film di persone di colore che gli assomigliavano, Oyelowo ha fiducia che i dati dello streaming faranno molto per dissolvere lo stigma.

“[Smith] lo ha fatto in parte per il successo di quei film, ma per dimostrare un punto”, dice. “È così estenuante sentire di doverlo dimostrare, ma lo faccio perché spero che significhi per me, per gli altri, per le grandi compagnie come ShivHans che hanno sostenuto uno come me, che la prossima volta sarà un po’ più facile”.

Oyelowo ha anche affrontato personalmente questo stigma, al di fuori di “The Water Man”. Quando il regista di “Nightingale”, Elliot Lester, si è recato a Cannes per ottenere finanziamenti per il film, gli è stato detto da un agente di vendita straniero: “Stai facendo un errore a mettere un attore nero in quel film, semplicemente non avrà successo”.

Alla fine, Oyelowo ha vinto il ruolo, ed è stato nominato agli Emmy e ai Golden Globe per la sua performance. “Quella persona aveva torto”, dice. “Ma se il mio regista non fosse stato abbastanza aperto, non avrei mai avuto quell’opportunità e il film non esisterebbe”.

I dati dello streaming forniranno delle vere e proprie munizioni contro questi tipi di pregiudizi consci e inconsci, perché Hollywood è tutta una questione di numeri. “Posso dire alle persone che hanno detto di no a [this movie] quanto si sbagliavano. Ora ho la versione algoritmica guidata dai dati del modello di vendita all’estero, che era un gioco di indovinelli”, dice Oyelowo.

“The Water Man” è stato anche considerato un “mega-hit” in Africa, sottolinea Oyelowo. Questo particolare punto di dati è particolarmente importante per la star nigeriano-britannica, perché ha dimostrato che i temi afrocentrici che ha lavorato per presentare in questo film sono stati tradotti al pubblico. La designazione conferma anche che l’Africa è un continente che Hollywood ha bisogno di rivolgere la sua attenzione verso quei miliardi di potenziali abbonati mentre il panorama della distribuzione si evolve.

“Guarda, io amo il cinema come chiunque altro. So che stiamo tutti cercando di capire come tornare al cinema, se quel lato del nostro business tornerà in auge”, aggiunge Oyelowo. “Ma la realtà è che lo streaming è ciò che ha dato l’opportunità a ‘The Water Man’ di raggiungere decine di milioni di persone ed essere nella top 10 in 38 paesi. Questo non esisterebbe con i modelli tradizionali”.

Immagine caricata pigramente

Lonnie Chavis e David Oyelowo in “The Water Man”
Karen Ballard

Oyelowo e il suo banner Yoruba Saxon – che l’attore ha fondato insieme a sua moglie Jessica – hanno prodotto film e progetti televisivi tra cui “Nightingale” (HBO), “Captive” (Parmaount), “A United Kingdom” (Fox Searchlight), “Five Nights in Maine” (FlimRise), il documentario “Ferguson Rises” (PBS) e “Solitary” (BRON). All’inizio di quest’anno, l’azienda ha siglato un accordo first-look con Walt Disney Pictures per i film, con la serie creata da Yvonne Orji “First Gen” in lavorazione per Disney Plus. Oyelowo dice che il motto della compagnia è di “normalizzare gli emarginati”.

“Stiamo cercando di rispondere al terreno che cambia”, spiega. “Se si fa l’errore di attenersi a ciò che funzionava per il pubblico, anche prima della pandemia, penso che si stia facendo un errore. Penso che quello che vedremo in futuro è che si tratterà meno della star che è in qualcosa e più di ciò di cui si tratta”.

Oyelowo prevede che il pubblico globale diventerà sempre più potente in quest’epoca di streaming, dimostrando questo potere “votando con i loro clic su ciò che vogliono vedere”. E con questo, spera di vedere “una normalizzazione della diversità – che è una frase che non riesco nemmeno a dire perché è diventata una parola d’ordine”.

Ecco perché Oyelowo ha una speranza in più per quello che il successo di “The Water Man” può creare – che Chavis ora abbia un percorso più facile attraverso Hollywood di quanto lui e i suoi coetanei e predecessori maschi neri abbiano avuto.

“Lonnie è un talento stupendo. E tradizionalmente, qualcuno come lui, non avrebbe avuto quel tipo di opportunità fino a quando non avesse avuto più di 20 anni. C’è un motivo per cui tutti noi ci grattiamo la testa dicendo ‘Perché non ho visto Morgan Freeman quando era più giovane? O Sam Jackson, o Denzel Washington, o Don Cheadle? Si danno da fare per decenni prima di avere una chance”, dice Oyelowo.

Così Yoruba Saxon si è concentrato sulla creazione di opportunità per giovani stelle nere come Chavis, Storm Reid (“Don’t Let Go”) e Jordan A. Nash, Keira Chansa e Reece Yates (“Come Away”).

“È intenzionale, è consapevole, e vorrei solo fare appello ad alcune di quelle persone che hanno rifiutato ‘The Water Man’, per pensare fuori dagli schemi”, dice Oyelowo. “Perché siamo qui fuori ogni giorno sentendo il bisogno di dimostrare qualcosa, che in realtà dovremmo essere al di là del dover dimostrare”.

“The Water Man” è ora in streaming su Netflix.

RELATED:



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you