Asiatica Film Mediale

Damien Chazelle ha ragione: più film dovrebbero creare divisioni (come Babylon)

Damien Chazelle ha ragione: più film dovrebbero creare divisioni (come Babylon)
Erica

Di Erica

25 Gennaio 2023, 19:17


Con l’uscita del rauco epico epico Babylon di Damien Chazelle, sia il film che il suo regista hanno innegabilmente messo i loro soldi dove sono le loro bocche: affermando che i film grandi e polarizzanti appartengono ancora ai cinema. In recenti commenti durante un’intervista con Insider, Chazelle ha affermato: “È bello avere qualcosa che stimoli la conversazione e il dibattito e molte opinioni feroci da entrambe le parti. Sapevamo tutti che il film avrebbe arruffato alcune piume e fatto arrabbiare alcune persone, e Penso che sia un bene. Altri film dovrebbero farlo”. Nel corso della corsa alla stampa di Babylon, sembrerebbe che Chazelle sia più preoccupato che il suo film provochi una risposta notevole, un risultato che il pubblico farebbe bene a valutare a sua volta.

Osservabile nella colonna sonora quasi uniforme di Rotten Tomatoes di Babylon, l’ambizioso progetto di passione di lunga data di Chazelle è certamente all’altezza delle sue dichiarazioni. Nonostante una deludente corsa al botteghino, ha comunque guadagnato posti nelle prime dieci liste di fine anno di più critici, oltre a una quota di recensioni a zero stelle contemporaneamente. Tuttavia, come con una buona parte dei film che affrontano argomenti tonali, la difficoltà di elaborazione di Babylon è interamente progettata.

Perché la ricezione di Babylon è così polarizzante

C’è una buona ragione per cui Babylon è costruito per sfidare qualsiasi cosa tranne una reazione polarizzante, poiché trascorre l’intera durata di tre ore a rappresentare gli estremi. Ambientato nel “selvaggio west” in gran parte non regolamentato del cinema dell’inizio del XX secolo (mentre i film muti diventavano gradualmente “talkie”), Babylon è inflessibilemente esplicito nelle sue rappresentazioni delle brutali condizioni di lavoro sul set e della festa orgiastica che ne è seguita. Pertanto, l’esperienza di vedere Babylon è quella che infligge un costante colpo di frusta tra estasiata dissolutezza ed estenuanti pratiche industriali; gli alti di dare vita alle fantasie e i bassi dello sfruttamento sistemico che agita lo stomaco.

Come per preparare gli spettatori alla corsa disordinata che verrà, Babylon trasmette nelle sue primissime scene che le parti si riveleranno difficili da guardare, richiedendo uno stomaco forte. Entro i primi cinque minuti del film, i lavoratori di basso rango lottano per consegnare un elefante alla festa di un ricco produttore e vengono espulsi dall’animale pesante mentre, nel frattempo, un ricco partecipante a detta festa gode di una degradazione molto simile da un sesso lavoratore. Il film presenta immediatamente tali visioni non solo per avvertire gli schizzinosi di ciò che verrà, ma perché Babylon (fedele al titolo) intende rappresentare senza batter ciglio condizioni così contrastanti come inestricabili sia l’una dall’altra che il “mito” della stessa vecchia Hollywood.

Dovrebbe esserci sempre spazio per i film che dividono a Hollywood

La risposta selvaggiamente mista che Babylon sta attualmente ricevendo è tanto più indicativa della strada lunga e tragicamente difficile che i film intrinsecamente polarizzanti spesso devono intraprendere per essere approvati, prodotti e distribuiti in primo luogo. Come molti progetti altrettanto ambiziosi, Babylon è un’idea che Damien Chazelle ha dovuto coltivare per oltre un decennio, rilasciando gradualmente progetti più grandi e acclamati nel corso di tutti questi anni fino a quando non si è finalmente assicurato l’influenza e l’esperienza per darle vita. Sfortunatamente, è solo il tipo estremamente raro di regista con una filmografia coerente e compiuta come quella di Chazelle a cui di solito vengono concessi i mezzi e il margine di manovra per dirigere un film così divisivo su larga scala anche una volta.

Alla fine, c’è un chiaro intento sul motivo per cui così tanti registi fortunati e affermati hanno lavorato così a lungo per cogliere alla fine una tale possibilità: la convinzione che dovrebbe sempre esserci spazio per l’arte polarizzante nel panorama cinematografico di oggi. Con i teatri così costantemente pieni di contenuti in franchising e contendenti di premi spesso simili, l’arte che cerca di provocare sentimenti al di fuori di quello spettro confortevole dovrebbe rimanere accessibile. I film originali che esplorano un territorio più pericoloso e intendono suscitare un dibattito possono portare a investimenti più traballanti, ma l’incuria che spesso affrontano al momento del rilascio diventa una profezia che si autoavvera quando sono già tali valori anomali dall’inizio.

In che modo le opinioni divisive possono effettivamente aiutare i film

Come hanno dimostrato innumerevoli film di genere precedentemente divisivi, qualsiasi stampa può essere una buona stampa. Da The Shining a The Big Lebowski, molti classici ormai amati e “classici di culto” inizialmente emergono come film che il pubblico generale non è del tutto sicuro di come elaborare subito. Come minimo, le reazioni estreme attirano l’attenzione dello scettico e molto spesso può richiedere più tempo della corsa teatrale di un film perché il suo specifico pubblico previsto lo veda, figuriamoci innamorarsene.

Al giorno d’oggi, i film hanno più speranza che mai di vivere una fruttuosa “seconda vita” fuori dai cinema. Man mano che si diffondono chiacchiere polarizzate su Babylon, rimane una buona possibilità che i suoi futuri appassionati appassionati lo trovino tramite streaming, godendosi l’occasione per portare la festa depravata del film nei loro salotti. Indipendentemente dal fatto che l’epopea di Chazelle veda o meno un tale futuro, il pubblico collettivo dovrebbe tenere il cuore aperto al tipo di arte cinematografica che è destinata a influenzare una determinata persona in modo diverso, godendosi la ricchezza delle conversazioni che ne derivano.


Potrebbe interessarti

Attack The Block 2 rispetto a Terminator 2 e Aliens in Confident Update
Attack The Block 2 rispetto a Terminator 2 e Aliens in Confident Update

Attack The Block 2 viene paragonato ai classici sequel di fantascienza Terminator 2: Judgment Day e Aliens del regista di Attack The Block Joe Cornish. Sebbene Attack The Block non abbia funzionato commercialmente quando è stato rilasciato nel 2011, ha ricevuto ampi consensi dalla critica. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti, per non parlare del fatto che […]

La scena eliminata di Black Panther 2 sostanzialmente ripete il momento cruciale di Iron Man
La scena eliminata di Black Panther 2 sostanzialmente ripete il momento cruciale di Iron Man

Una scena cancellata in Black Panther: Wakanda Forever è fortemente parallela a un momento cruciale nel primo film di Iron Man, in cui Tony Stark (Robert Downey Jr.) costruisce un abito per liberarsi dalla prigionia. Black Panther: Wakanda Forever è stato presentato in anteprima l’11 novembre 2022 e ha visto il debutto ufficiale del Marvel […]