RecensioniCorsage Review: Vicky Krieps dà il dito medio alle...

Corsage Review: Vicky Krieps dà il dito medio alle convenzioni biopic

-


“Mi spaventa così tanto”, dice una cameriera mentre Corsage inizia e taglia su una donna immersa nell’acqua sporca. Lei è l’imperatrice Elisabetta d’Austria e, quando si alza, le due cameriere accanto al bagno le danno resoconti contrastanti su quanto esattamente è riuscita a trattenere il respiro. La verità non ha importanza per Elisabeth (Sissi in breve), così come non ha importanza per la sceneggiatrice-regista Marie Kreutzer. Corsage è basato sull’imperatrice austriaca nella vita reale, ma al di là dei personaggi del film, poco altro sembra essere basato sulla realtà, e ciò che è si fonde perfettamente con ciò che non lo è in quello che sembra uno sforzo deliberato per far interrogare il pubblico come vengono raccontate queste storie. In parte storia revisionista, in parte studio del personaggio non convenzionale, Corsage è accompagnato dalla brillante interpretazione di Vicky Krieps e dalla sua volontà di infrangere le convenzioni di genere a favore di una fiaba oscura e sognante.

Corsage inizia nel dicembre 1877 e traccia un anno nella vita di Elisabeth, due decenni prima del suo eventuale assassinio nel 1898. Separata dal marito, Francesco Giuseppe I (Florian Teichtmeister), Elisabeth sembra preoccupata solo per sua figlia Valerie (Rosa Hajjaj) e stessa. È la vigilia del suo quarantesimo compleanno, ed è chiaramente turbata dal fatto di invecchiare, trovando piccole interruzioni dove può. Durante una celebrazione nei momenti iniziali del film, Elisabeth finge uno svenimento davanti al comitato di arrivo. Flirta con il suo stalliere e stringe un’amicizia (presumibilmente fittizia) con Louis Le Prince (Finnegan Oldfield), che è considerato il padre della cinematografia. Tutto questo, e altro ancora, è una piccola ribellione contro l’invecchiamento, contro la vita opprimente che è costretta a vivere, anche se la storia stessa cerca di raggiungerla.

Vicky Krieps in Corpetto.

Krieps, la cui svolta da star in Phantom Thread avrebbe dovuto davvero portare a un Oscar, ha scelto una serie di progetti idiosincratici invece di quelli tipici dopo un ruolo rivoluzionario. Dalla stranezza di M. Night Shyamalan Old a Bergman Island di Mia Hanson-Løve, Krieps ha mostrato un talento incredibile per i personaggi. Lo continua qui, abitando Elisabeth in un modo che sembra tornare indietro nella storia pur essendo decisamente moderno. Ruoli come questi hanno permesso a Krieps di esibirsi alle sue condizioni, una qualità che condivide così chiaramente con l’imperatrice, anche se con risultati diversi.

Il resto del cast segue diligentemente l’esempio di Krieps, da Franz I di Florian Teichtmeister ad Aaron Friesz nei panni del principe ereditario Rodolfo. Il fatto che loro, né gli altri personaggi secondari, non abbiano molto tempo sullo schermo è intenzionale, anche se sembra che ci perdiamo una parte fondamentale del motivo per cui Elisabeth è così com’è. Alcune delle sue interazioni con Franz funzionano per rimediare a questo, ma è la libertà che sente così chiaramente con persone come Louis Le Prince o Bay Middleton (Colin Morgan) che mostra il lato che Kreutzer ritiene che il pubblico dovrebbe conoscere. Il fatto che il figlio di Elisabeth intralci queste relazioni per lealtà a una monarchia che sa essere in declino è solo una sfortunata circostanza dello status di Elisabeth.

Vicky Krieps in Corpetto.

La fine di Corsage è il suo elemento più divisivo, se non altro perché si appoggia così drasticamente alla storia alternativa che descrive. Elisabeth potrebbe finalmente ottenere la libertà che desidera, ma la sua connessione con ciò che viene prima sembra tenue. È difficile dire se il declino dell’Imperatrice sia intenzionale da parte sua o un sintomo di un problema più ampio, il risultato di alcune scene diverse che virerebbero nel territorio dello spoiler se rivelate qui. L’ambiguità sembra intenzionale, ma non funziona esattamente quando l’idea dell’agenzia di Elisabeth è stata giocata con Corsage.

Per le poche cose che non funzionano, però, c’è una buona quantità di Corsage che funziona. È un pezzo d’epoca realizzato in modo impeccabile che si sente in affinità con Maria Antonietta di Sofia Coppola. Krieps è in grado di comunicare una complessa interiorità in Elisabeth con questi piccoli sguardi (e ancora meno parole), una testimonianza della scrittura e della regia di Kreutz, così come dell’abilità dell’attrice, che sembra avere molto di più da dire. In questo modo, Corsage sembra un inizio sia per Krieps che per Elisabeth, nonostante il fatto che Krieps abbia svolto un lavoro costantemente eccellente per mezzo decennio ed Elisabeth se ne sia andata da tempo.

Corsage è uscito nelle sale il 6 gennaio. Il film dura 113 minuti e attualmente non è classificato.

Ultime News

Perché il finale del film Teen Wolf di Derek Hale è stato così brutale

Attenzione: questo articolo contiene spoiler per Teen Wolf: il film. Teen Wolf: The Movie risolve molti fili...

Il ragazzo incontra l’attore mondiale ha smesso di recitare dopo essere quasi morto per abuso di sostanze

L'attore di Boy Meets World Blake Sennett ha rivelato perché ha smesso di recitare e in che modo...

La concept art di House Of The Dragon Vhagar esplora in dettaglio il più grande drago dello show

Questo articolo contiene alcuni dettagli spoiler dal libro Fire & Blood, su cui si basa House of the...

Il trailer dello spin-off di Money Heist Berlin rivela il furto di gioielli ad alto rischio

Un nuovo teaser per Berlin, l'imminente spin-off di Netflix Money Heist, accenna a una nuova trama che coinvolge...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te