Asiatica Film Mediale

Come il film “The Nun 2” è stato modificato dalle proiezioni di prova spiegate dal regista: “Il pubblico è sempre in evoluzione”

Come il film “The Nun 2” è stato modificato dalle proiezioni di prova spiegate dal regista: “Il pubblico è sempre in evoluzione”
Erica

Di Erica

10 Settembre 2023, 03:16


Sommario

  • The Nun 2 ha subito dei cambiamenti dopo le proiezioni di prova, con il pubblico che chiedeva più violenza e gore, e quindi è stata inserita del metraggio aggiuntivo.
  • Il regista Michael Chaves ha spiegato che il montaggio originale del film già conteneva violenza e gore, ma l’hanno intensificato per soddisfare la richiesta del pubblico.
  • Le preferenze mutevoli del pubblico e i gusti in evoluzione hanno influenzato la decisione di includere più violenza in The Nun 2.

Un elemento de The Nun 2 è stato significativamente modificato a seguito di una serie di proiezioni di prova. Il film è il nono capitolo dell’Universo di The Conjuring e il sequel diretto di The Nun del 2018. Segue Sister Irene (Taissa Farmiga), che ora vive in un convento appartato, costretta a ritornare per affrontare il demone Valak, che di solito si nasconde dietro le spoglie di una suora malvagia (Bonnie Aarons), quando l’entità emerge dalla sua dimora nel corpo del suo ex guida Maurice (Jonas Bloquet) in una scuola per ragazzi francese.

Entertainment Weekly ha recentemente intervistato il regista Michael Chaves per discutere del nuovo film e di alcune delle scene più adatte ad un pubblico adulto di The Nun 2. Rivela che, anche se la versione originale del film era più violenta dei film di The Conjuring di solito, il pubblico voleva comunque di più. Ha riflettuto che “il pubblico è sempre in cambiamento, in evoluzione” e ha rivelato che hanno girato ulteriori scene violente per soddisfare la richiesta del pubblico. Qui di seguito il completo commento di Chaves:

C’era già un buon grado di violenza e gore nel film, ma la gente voleva di più. Quindi abbiamo fatto un po’ di riprese aggiuntive e l’abbiamo intensificato. Questo dimostra quanto il pubblico sia sempre in cambiamento, in evoluzione. Anche nella versione più antica, era più [violento] rispetto a quello che c’è di solito in un film di The Conjuring.

Il rapporto dell’horror con il gore è cambiato dal primo film di The Conjuring

L’apertura al botteghino di The Nun 2 di 32 milioni di dollari sembra confermare che Chaves ha fatto bene a soddisfare questa richiesta del pubblico. Tuttavia, un tempo l’Universo di The Conjuring era noto appositamente per l’assenza di materiale particolarmente violento. Infatti, la mancanza di gore veniva persino utilizzata come punto di vendita principale per il film originale The Conjuring del 2013. All’epoca, il produttore esecutivo Walter Hamada spiegò che il film aveva ottenuto un rating R perché “era così spaventoso”.

Questo era un punto di interesse per gli spettatori alla ricerca di emozioni, ma poteva anche essere un modo per suscitare l’interesse del pubblico dell’horror che era stanco dei film eccessivamente gore. La lunga saga di Saw e i suoi numerosi imitatori gore avevano appena cominciato a calare alla fine degli anni 2010, anche se Saw sarebbe poi stato ripreso nel 2017 e successivamente. A quel punto, il pendolo del genere horror stava generalmente oscillando verso una narrativa più soprannaturale, inclusa la serie di Paranormal Activity, così come The Conjuring e i suoi successivi sequel e spin-off.

Adesso che sono passati dieci anni dalla pubblicazione del primo The Conjuring, gli anni successivi hanno visto il ritorno di film più incentrati sul gore, tra cui Terrifier 2, There’s Someone Inside Your House, Evil Dead Rise, Scream del 2022 e Scream VI. Come per qualsiasi film inserito in una saga in corso, The Nun 2 ha dovuto adattarsi al cambiamento del panorama cinematografico, anche se resta da vedere se i futuri film di The Conjuring seguiranno la sua approccio più violento.

Fonte: EW


Potrebbe interessarti

Il creatore di Fight Club svela il suo più grande problema con il celebre film di Brad Pitt: “Ovviamente un cliché”
Il creatore di Fight Club svela il suo più grande problema con il celebre film di Brad Pitt: “Ovviamente un cliché”

Sommario Chuck Palahniuk, il creatore di Fight Club, ha espresso il suo dissenso per il countdown della bomba a orologeria presente nella scena finale del film. La scena finale del film differisce dal romanzo, in quanto rappresenta un confronto tra Il Narratore e Tyler, che porta alla sparatoria di Il Narratore su se stesso. I […]

“Bizzarro di fronte alla morte”: Come Shaun of the Dead ha ispirato la nuova commedia horror di Finn Wolfhard
“Bizzarro di fronte alla morte”: Come Shaun of the Dead ha ispirato la nuova commedia horror di Finn Wolfhard

Sommario Finn Wolfhard e Billy Bryk si sono ispirati a Shaun of the Dead per la loro nuova commedia horror, Hell of a Summer, concentrandosi sulle lotte personali affrontate insieme agli orrori che affrontano. L’approccio unico di Shaun of the Dead nel mescolare l’horror classico con la commedia incentrata sui personaggi ha influenzato Wolfhard e […]