Asiatica Film Mediale

Chris Evans si apre su come supera la sua ansia

Chris Evans si apre su come supera la sua ansia
Erica

Di Erica

20 Giugno 2022, 12:27


L’attore Chris Evans condivide il modo in cui affronta la sua ansia. Evans ha un curriculum diversificato grazie ai suoi molti anni di recitazione, ma è forse meglio conosciuto per il suo ruolo di Capitan America del Marvel Cinematic Universe. Dopo un periodo di 10 anni come uno dei volti più riconoscibili nei media, si è finalmente separato dalla Marvel nel 2019. Da allora l’attore ha intrapreso diversi progetti, con il suo ruolo più recente di Buzz Lightyear nell’attesissimo Lightyear, un prequel del franchise di Toy Story della Pixar.

Evans ha precedentemente parlato delle sue lotte con l’ansia, in particolare riguardo al suo lavoro con la Marvel. Nel 2018, l’attore ha rivelato di aver inizialmente rifiutato il suo ruolo in Capitan America. Dopo essere entrato per la prima volta nel MCU, Evans era preoccupato per il contratto di sei film, poiché stava prendendo una decisione che avrebbe determinato la sua vita per il decennio successivo. Era anche una preoccupazione che avrebbe cambiato la sua vita in modo permanente, poiché il successo di Capitan America avrebbe significato la perdita dell’anonimato di Evans.

In una recente intervista con MTV News, Evans condivide dettagli sulla sua ansia e sui suoi metodi per affrontarla. Con oltre 10 anni sotto i riflettori della Marvel, attribuisce alla sua fama il merito di aver aiutato la sua ansia, poiché è stato costretto ad affrontare le sue paure. L’attore ha passato molto tempo a preoccuparsi di ciò che potrebbe potenzialmente accadere, ma il tempo passato sotto i riflettori lo ha aiutato a rendersi conto che quelle paure spesso non si avverano. Questo non vuol dire che tutto vada sempre a favore di Evans, ma cerca di prendere le distanze dai pensieri angoscianti. Dai un’occhiata alla sua risposta di seguito:

Come la maggior parte della nostra ansia nella vita, riguarda queste paure su ciò che accadrà. Sai, quando riesci a calmare la tua mente ed essere presente nel tuo corpo, quelle paure si dissolvono. L’ansia in generale si basa sul vivere al di fuori del momento, sai, analizzare il passato e preoccuparsi del futuro. Quindi, in dieci anni passati a girare questi film, ed essere costretto a fare cose del genere sul grande palcoscenico, ti rendi conto che molte delle paure che non avevi mai realmente si realizzano e, anche se lo fanno, ne ho avute alcune le cose che non sono sempre andate come avrei voluto, quando scegli di non soffermarti su di esse, di cercarle, di leggerle o di assorbirle, scompaiono. Sai, hai l’opportunità ogni giorno di costruire la realtà di fronte a te e questo inizia con l’essere presente e nella tua mente e capire come impedire alla tua mente di fare rumore. Quindi, in un modo strano, lo è [Marvel] stata la mia classe Sai, questo panorama della recitazione ti ha in qualche modo costretto ad affinare alcune abilità in termini di calmare la mente. E a tua volta ti rendi conto che gran parte della paura che genera ansia, non accade mai davvero, ed è una tua creazione.

Andrà sempre tutto bene, sempre comunque, sempre comunque. […] Riguarda sempre il livello di prospettiva da cui lo guardi. Da 10.000 piedi in su, voglio dire, spara, non per essere in qualche modo morboso o cinico, ma alla fine anche questo mondo andrà via. … Questa idea di una sorta di permanenza nella tua storia è un errore. C’è questo grande idioma o storia, proverbio, come vuoi chiamarlo, se prendessi un bicchiere d’acqua e ci mettessi una manciata di sale e ne bevessi un sorso, avrebbe un sapore terribile, ma se prendessi quella stessa manciata di sale e mettete in un lago e sorseggiate il lago, il sale non lo sentireste affatto. Il sale è il tuo dolore, la tua paura, la tua tristezza. Sii il lago, capisci cosa intendo? A seconda di come guardi il mondo, se rendi il tuo mondo piccolo, il tuo dolore può sembrare forte e grande. Ma se riconosci di essere senza tempo, e che i tuoi pensieri non sono te, e che sei più grande di tutto questo, il dolore si scioglie.

Anche se persone come Evans parlano delle loro esperienze, purtroppo c’è ancora uno stigma che circonda cose come l’ansia e la scarsa rappresentazione dei media contribuisce purtroppo a diffondere disinformazione. Recentemente, c’è stata una spinta a includere rappresentazioni più accurate di problemi di salute mentale e disturbi neurologici e il pubblico sta iniziando a vedere una migliore rappresentazione. Uno degli esempi più recenti è la trama di Moon Knight DID, la cui star della serie Oscar Isaac ha affermato che ha ottenuto risposte positive da persone con il disturbo, che è stato storicamente descritto in modo molto sfruttatore.

Coloro che soffrono di ansia spesso si sentono isolati nelle loro esperienze, quindi Evans è aperto sulle proprie lotte potrebbe aiutare a far sentire qualcun altro un po’ meno solo. Per quanto possa essere scoraggiante, parlare di problemi di salute mentale, come fa Evans nella citazione sopra, aiuta a rimuovere lo stigma incorporato in questi argomenti. Per molti, lavorare per superare la paura e l’ansia è una battaglia in salita costante, quindi è un’impresa straordinaria che Evans abbia trovato una tecnica che funziona per ridurre la propria.

Fonte: MTV News

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Il regista di Encanto rivela nuovi fantastici dettagli sui doni dei madrigali
Il regista di Encanto rivela nuovi fantastici dettagli sui doni dei madrigali

Il regista di Encanto Jared Bush rivela un nuovo dettaglio sulla mitologia dei doni della famiglia, dicendo che sono tutti influenzati dalle emozioni in una certa misura. Encanto è uscito nelle sale il 24 novembre, ma è diventato un fenomeno culturale dopo la sua prima su Disney+ il mese successivo, accumulando un’ampia popolarità in tutto […]

Benedict Cumberbatch è stato sorpreso dal ruolo del dottor Strange nel MCU
Benedict Cumberbatch è stato sorpreso dal ruolo del dottor Strange nel MCU

Benedict Cumberbatch si apre su come il ruolo del MCU di Doctor Strange si sia evoluto in modi che lo hanno sorpreso. Il principale stregone del MCU è fresco del suo secondo film da solista in Doctor Strange in the Multiverse of Madness. Il film diretto da Sam Raimi crea un futuro interessante per Doctor […]