Asiatica Film Mediale

Champions Review: Woody Harrelson dirige un film sportivo prevedibile ma piacevole

Champions Review: Woody Harrelson dirige un film sportivo prevedibile ma piacevole
Marco

Di Marco

07 Marzo 2023, 22:21


Basata sull’omonimo film spagnolo del 2018, la versione americana di Champions è meno potente perché non prende spunto dalla squadra della vita reale che ha ispirato il film originale. Tuttavia, Champions riesce ad avere abbastanza momenti di benessere e buone dinamiche di carattere per essere divertente. Diretto da Bobby Farrelly da una sceneggiatura di Mark Rizzo, il film inizia lentamente ma prende slancio a metà strada, arrivando a un finale dolce e commovente. Champions è abbastanza prevedibile e, sebbene ci sia poca tensione, il cast è affascinante insieme e la storia ha molto cuore e calore.

Marcus (Woody Harrelson) è un assistente allenatore di basket della G-League con il sogno di lavorare con la NBA, ma il cui cattivo umore e le azioni passate hanno offuscato la sua reputazione. Dopo che un incidente di guida in stato di ebbrezza lo ha messo nei guai legali, Marcus riceve un servizio comunitario ordinato dal tribunale come allenatore di una squadra di basket con disabilità intellettive. Marcus all’inizio non la prende sul serio, ma si ritrova a scaldarsi all’idea mentre conosce i membri della squadra di basket, affettuosamente chiamata “The Friends”, mentre li allena per competere alle Olimpiadi speciali.

Champions ha una premessa semplice e funziona perché sa esattamente che tipo di film sta cercando di essere. È un piacevole film sportivo sull’incontro. L’NBA potrebbe essere il sogno di Marcus, ma Champions è un promemoria del bene che si può fare nella propria comunità. È un lavoro importante e i legami che si creano in questo particolare spazio sono unici e commoventi. Marcus che lavora con The Friends fornisce il tipo di soddisfazione che non avrebbe mai avuto nell’NBA, nonostante fosse di alto profilo. A volte più piccolo è meglio, e Champions lo capisce, e la sceneggiatura di Rizzo è intrisa di molto cuore in risposta.

Il film è elevato dal cast dell’ensemble. L’indole aspra e scontenta di Harrelson nei panni di Marcus è ben giustapposta alla visione più ottimista e ottimista della vita di The Friends. Di The Friends, Kevin Iannucci nei panni di Johnny e Madison Tevlin nei panni di Consentino, che è una forza da non sottovalutare, spiccano. I campioni brillano di più grazie alla loro presenza accanto al resto della squadra. Marcus potrebbe imparare una o due cose da The Friends, ma le loro storie individuali non sono del tutto trascurate a favore di centrare Marcus, che in realtà non sarebbe niente senza di loro.

Champions impiega un po’ di tempo per andare avanti, e in poco più di due ore, avrebbe potuto essere modificato un po’ per stringere la sceneggiatura. L’impostazione della storia di Marcus all’inizio avrebbe potuto essere scambiata per dare più tempo sullo schermo a The Friends e ai loro retroscena. Ciò avrebbe aggiunto più profondità al resto dei personaggi, aiutandoli a dare corpo e le varie dinamiche che hanno l’uno con l’altro. Detto questo, la partenza lenta non fa deragliare del tutto la Champions. Una volta che si mette in movimento, mantiene il suo slancio e permette alla sua energia esuberante di portarlo fino alla fine. L’umorismo non sempre arriva, ma c’è abbastanza carisma nonostante il tempismo comico occasionalmente piatto.

La chimica del cast eleva questo film e rende alcuni momenti ancora più piacevoli. Tutti si stanno chiaramente divertendo e si vede in ogni scena. Anche se il film probabilmente non sarà ricordato dopo che il pubblico avrà lasciato il cinema, Champions è un film sportivo spensierato e piacevole che fa esattamente ciò che si propone di realizzare. Non fa nulla fuori dalla norma, ma è uno sforzo solido di Farrelly e Rizzo che migliorerà sicuramente l’umore dopo aver visto.

Champions uscirà nelle sale nazionali il 10 marzo. Il film dura 123 minuti ed è classificato PG-13 per il linguaggio forte e il riferimento crudo/sessuale.


Potrebbe interessarti

Recensione di palme e linee elettriche: l’indie magnetico ti terrà con il fiato sospeso
Recensione di palme e linee elettriche: l’indie magnetico ti terrà con il fiato sospeso

Palm Trees and Power Lines è tanto ben fatto quanto terrificante. Jamie Dack (Horizon Diner) ha il pieno controllo del suo cortometraggio del 2018 e lo adatta con una velocità senza pretese che manterrà uno con il fiato sospeso. La recitazione è universalmente fantastica, ma la nuova arrivata Lily Mclnerny è sbalorditiva e il suo […]

Recensione di Scream VI: Ghostface non sta giocando in un sequel brutale, sanguinante e divertente
Recensione di Scream VI: Ghostface non sta giocando in un sequel brutale, sanguinante e divertente

“A chi frega un cazzo dei film?” chiede Ghostface all’inizio di Scream VI, la sesta voce dell’amato franchise slasher di riferimento che è stato riavviato con il 2022 sfortunatamente chiamato ma per lo più ben fatto Scream. Come i sequel legacy (o “requel” come li chiama il film) che Scream VI infilza, il quinto episodio […]