Asiatica Film Mediale

C’era una volta nell’epico finale di Hollywood ha avuto una grande sfida

C’era una volta nell’epico finale di Hollywood ha avuto una grande sfida
Erica

Di Erica

26 Febbraio 2023, 15:23


In una scena irta di vari pericoli, la stuntman Kimberly Shannon Murphy rivela che l’epico finale di C’era una volta a Hollywood ha avuto una grande sfida nel mettere insieme. Scritto e diretto da Quentin Tarantino, il dramma hollywoodiano ambientato negli anni ’60 era incentrato sull’attore in dissolvenza Rick Dalton e sulla sua controfigura Cliff Booth. Dopo aver finalmente trovato un nuovo successo con una serie di spaghetti western, i due si trovano attaccati da un gruppo di membri della famiglia Manson a casa di Rick, anche se prendono il sopravvento su di loro in modo feroce.

Durante l’ultimo episodio di “Stuntwomen React” sul canale YouTube di Corridor Crew, Kimberly Shannon Murphy ha riflettuto sul tempo trascorso lavorando a C’era una volta a Hollywood.

Mentre descriveva in dettaglio la realizzazione del finale dell’epopea hollywoodiana di Tarantino, come si vede nel video sopra, Murphy ha ricordato l’unica grande sfida che lei e la troupe hanno incontrato nella sua produzione, indicando il cane presente nella sequenza. La stuntman ha rivelato che lei e il suo team hanno provato la scena per tre mesi utilizzando anche tre cani diversi, facendosi strada gradualmente con ciascuno per gli attacchi più feroci. Guarda cosa ha ricordato Murphy di seguito:

Abbiamo provato questa scena per tre mesi. Il motivo era a causa dei cani. [I’ve] non [worked with] pitbull [before], in realtà abbiamo provato per tre mesi in questo spazio con i cani e avevamo un’idea di come sarebbe stata la scena, ma Quentin non aveva davvero deciso chi avrebbe fatto cosa. Quando è nella scena è quando in un certo senso decide cosa accadrà esattamente nella scena. Quindi, ci siamo allenati tutti con i cani, quindi ho morso e ho fatto tutte le cose che, se lui avesse detto: “Okay, in realtà, faremo andare il cane da Kim”, eravamo tutti pronti per quello. Abbiamo fatto piccoli passi, quindi per prima cosa abbiamo appena imparato a tirare con i cani con un giocattolo da tiro.

Quindi, avevamo tre pitbull, uno era di Brad con cui non abbiamo fatto nulla, perché era il suo cane con cui ha lavorato per tutto il film, quindi quel cane non avrebbe mai dovuto essere vicino ad attacchi, vedere attacchi o qualsiasi altra cosa per ragioni ovvie. Quel cane aveva un doppio che faceva piccoli attacchi non così violenti con cui iniziavamo a fare le cose. All’inizio c’è un morso all’inguine, quindi abbiamo usato il cane più addomesticato per iniziare a farlo, e poi Sir, che è il cane veramente violento con cui abbiamo fatto tutti gli attacchi, è quello che è in tutte queste scene. Alla fine l’abbiamo fatto solo con lui, ma è stato un processo graduale, motivo per cui l’abbiamo provato così a lungo. Mettevamo la musica, aggiungevamo tutti questi elementi alla scena, in modo che i cani si abituassero, e poi mettevamo una maschera, in modo che si abituassero a vederci con il sangue sulla faccia, e poi lo facevamo a luci spente.

Quindi, era come se tutte queste piccole cose che stavamo facendo da aggiungere a una scena su base giornaliera in modo che quando ci siamo entrati, i cani non fossero sopraffatti o confusi o tutte queste altre cose. Abbiamo dovuto introdurre tutto questo presto in modo che non impazzissero, perché una volta che hanno iniziato ad attaccarti, se si sono distratti mentre si staccano da te, potrebbero andare da qualche altra parte. Avevamo un’altra protezione, ma principalmente sei protetto nell’area che stanno attaccando, quindi non vuoi mai che si stacchino e vadano in un’altra parte del tuo corpo o verso qualcun altro nella stanza. Se il cane si staccava da qualcuno, ci fermavamo tutti e non ci muovevamo e lasciavamo che gli addestratori entrassero e si occupassero di loro. Non c’era un problema. [Chuckles]

Il cane sta giocando, per quanto riguarda il cane, ma non vuoi mai essere morso da un pitbull, te lo dico subito. Avevamo cose simili al gesso che ci mettevamo sulle braccia, e tornavo ancora a casa con lividi, protuberanze e sangue, perché erano così forti, e ho letteralmente fatto trascinare il cane attraverso la stanza. Ma gli addestratori sono stati così bravi e sono riusciti a toglierci il cane di dosso in due secondi, ed è stato così ben fatto, provato e preparato, tutti hanno fatto un lavoro straordinario.

Come OUATIH è stato uno degli scatti più rischiosi di Tarantino

Murphy avrebbe continuato descrivendo in dettaglio il suo raddoppio del tempo per Madisen Beaty nell’epico finale di C’era una volta a Hollywood, che ha visto il suo personaggio di Katie brutalmente sconfitto da Cliff di Brad Pitt. Con l’aiuto di Pitt, della sua controfigura Zack Duhame e di un manichino, Murphy si è trovata gettata in un telefono rotante ridotto al minimo, che ha visto il suo supporto a parete sostituito con schiuma, un caminetto imbottito e un poster rivestito sia con vetro caramellato che con uno strato di pellicola. per evitare ulteriori tagli.

Questa non è stata l’unica sequenza rischiosa da produrre nel film vincitore dell’Oscar di Tarantino. Lo stuntman Mark Wagner ha recentemente rivelato che la scena del lanciafiamme nazista vicino all’apertura di C’era una volta a Hollywood è quasi andata storta quando l’esitazione di Leonardo DiCaprio durante una delle riprese ha portato lui e Travis Fienhage a ricevere una dose extra di fiamme, provocando un’ustione di secondo grado sul suo braccio.

C’era una volta a Hollywood non è stata l’unica volta in cui la dedizione di Tarantino alla realizzazione pratica di film ha portato a una sequenza di produzione rischiosa. Bastardi senza gloria, un’epopea che ha cambiato la storia in modo simile, ha visto gran parte del cast quasi incenerito, come rivelato dalla star Eli Roth, durante la scena dell’incendio al teatro, mentre Tarantino ha anche rivelato di aver strangolato lo stesso Diane Kruger durante la scena della morte del suo personaggio nella speranza di ottenere una reazione autentica dalla stella. Con Tarantino che ha almeno un altro film nella sua carriera, sarà interessante vedere se la sua spinta verso produzioni realistiche porterà a storie dietro le quinte più strazianti.

Fonte: Equipaggio del corridoio


Potrebbe interessarti

Suggerimenti per gli sceneggiatori di Avengers 5: Namor è il primo membro del nuovo team MCU
Suggerimenti per gli sceneggiatori di Avengers 5: Namor è il primo membro del nuovo team MCU

Lo sceneggiatore di Avengers: The Kang Dynasty suggerisce che Namor sia il primo membro del nuovo team del Marvel Cinematic Universe. Con la Fase 5 ora in corso, l’MCU si sta lentamente avvicinando ai prossimi due film degli Avengers. Come annunciato al San Diego Comic-Con 2022, i Marvel Studios hanno in programma due film nella […]

Dettagli di Tom Cruise Tearful Top Gun: Maverick Reunion con Val Kilmer
Dettagli di Tom Cruise Tearful Top Gun: Maverick Reunion con Val Kilmer

Top Gun: l’attore di Maverick Tom Cruise descrive in dettaglio la sua riunione emotiva con l’attore di Iceman Val Kilmer durante le riprese del sequel. Il sequel diretto da Joseph Kosinski di Top Gun del 1986 è stato un enorme successo al botteghino e ha ottenuto sei nomination ai 95esimi Academy Awards, inclusa quella per […]