Asiatica Film Mediale

Cat Person Review: Emilia Jones è eccezionale nell’adattamento deludente [Sundance]

Cat Person Review: Emilia Jones è eccezionale nell’adattamento deludente [Sundance]
Marco

Di Marco

26 Gennaio 2023, 00:29


Diretto da Susanna Fogel da una sceneggiatura di Michelle Ashford, Cat Person, basato sul racconto di Kristen Roupenian, ha buone intenzioni, ma non è all’altezza della sua premessa o del suo materiale originale. Emilia Jones di CODA recita in un dramma/thriller scadente che è disordinato nell’esecuzione. Cat Person non è così avvincente come forse mira a essere e, sebbene ci siano momenti fantastici – e persino scomodi – nel film, non giustifica i suoi cambiamenti di tono o la sua lunghezza del lungometraggio.

Margot (Jones) è una studentessa del secondo anno del college che lavora in un teatro d’essai locale e passa molto tempo a studiare un’ape regina e una colonia di formiche nel laboratorio del suo professore. Quando Robert (Nicholas Braun), mecenate del teatro, le chiede il suo numero, Margot dice di sì. Cominciano a scambiarsi molti messaggi, costruendo un rapporto che esiste solo attraverso i loro telefoni, con sgomento della coinquilina di Margot, Taylor (Geraldine Viswanathan). Quando finalmente vanno al loro primo appuntamento, l’esperienza di Margot non è esattamente quella che si aspettava, e Robert non è affatto come la persona che è attraverso il messaggio.

Cat Person esplora le dinamiche di genere degli appuntamenti: le cose che uomini e donne potrebbero dire o fare quando iniziano a frequentarsi per la prima volta. Ci sono un sacco di cose che non vengono dette, o di cui Margot non è sicura perché non conosce bene Robert. Continua a immaginare lo scenario peggiore in ogni situazione. Margot mente per mantenere le apparenze o per non far star male Robert. La sua fiducia gli dà fiducia, ma in qualche modo è tutto fuori luogo, e la loro comunicazione si basa principalmente su presupposti e percezioni, le loro stesse insicurezze o ruoli di genere precondizionati che suggeriscono come ci si dovrebbe comportare quando si esce insieme. Anche l’inganno degli appuntamenti è cosparso dappertutto. Margot pensa che Robert sia “una specie di” un bravo ragazzo, almeno prima che lui vada in spirale e la chiami puttana dopo che lei ha interrotto le cose (qualcosa che non riusciva a fare da sola).

Geraldine Viswanathan ed Emilia Jones in Cat Person

Il racconto di Roupenian espone abilmente tutte queste dinamiche – sia nelle parole, nelle azioni o nei pensieri di Margot – mentre il film vira nel territorio del thriller/horror e si prende libertà creative che non si adattano particolarmente alla narrativa generale. L’atto finale non è necessario e non aggiunge nulla alla storia del film. Certo, aggiunge intensità, ma mina il punto della premessa della storia trasformandola in un thriller stereotipato che sfugge di mano, la sua morale perde per lo spettatore. Cat Person è dappertutto in termini di ciò che sta cercando di dire. E sebbene mantenga gran parte dei dialoghi del racconto, non riesce a realizzare il suo messaggio in modo significativo.

Le cose tra Robert e Margot dovrebbero essere più imbarazzanti di quello che sono, ma la sceneggiatura non è uniforme nella rappresentazione della loro relazione. L’esecuzione è piuttosto piatta e il tono del film cambia costantemente. In un momento, il pubblico è sull’orlo dei propri posti, ma la tensione si esaurisce così rapidamente che non è efficace. È troppo preso tra l’essere una commedia drammatica e un thriller con elementi horror. Detto questo, il film può essere piuttosto divertente, specialmente nella sua goffaggine o negli scambi tra Jones e Viswanathan, che qui è decisamente eccezionale come femminista che gestisce un subreddit e sta cercando di eliminare i bugiardi.

A due ore, però, Cat Person rimane oltre il suo benvenuto, atterrando con un tonfo alla fine. L’atto finale, che include un alterco fisico tra Margot e Robert, è prolungato inutilmente e avrebbe potuto essere tagliato del tutto. Il film non avrebbe perso nulla del suo slancio e avrebbe mantenuto una sceneggiatura più serrata e fluida. Jones è bravissima nel suo ruolo, e anche Braun lo è, anche se è sbagliato. C’era un bel film qui da qualche parte, ma Cat Person è stato trascinato in troppe direzioni per attaccare correttamente l’atterraggio.

Cat Person è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival del 2023 il 21 gennaio. Il film dura 120 minuti e non è ancora stato valutato.


Potrebbe interessarti

Girl Review: il sincero debutto di Onashile in Trauma & Parenthood è tenero [Sundance]
Girl Review: il sincero debutto di Onashile in Trauma & Parenthood è tenero [Sundance]

Il film d’esordio di Adura Onashile, Girl, incentrato sulla dinamica di una madre iperprotettiva e di una figlia curiosa, è un delicato racconto del trauma e del raggiungimento della maggiore età. Con temi così pesanti, è impressionante che il regista esordiente li gestisca con tanta passione e precisione. Ma lo fa con tale grazia e […]

Recensione di Flora e figlio: l’ultima di Carney è deliziosa e commovente [Sundance]
Recensione di Flora e figlio: l’ultima di Carney è deliziosa e commovente [Sundance]

Flora and Son è un delizioso piacere per la folla. Le vite dei suoi personaggi sono ben sviluppate e, sebbene abbiano la loro giusta serie di problemi, l’ultimo lungometraggio di John Carney è leggero e commovente. La performance di Eve Hewson è di prim’ordine e la musica è divertente e vivace. Carney sa come creare […]