Notizie FilmCambiamento climatico: Il villaggio del Bangladesh in 'Salt in...

Cambiamento climatico: Il villaggio del Bangladesh in ‘Salt in Our Waters’ scompare

-

- Advertisment -spot_img


La selezione 2020 di Londra e Busan del regista del Bangladesh Rezwan Shahriar Sumit, “The Salt in Our Waters”, che sarà proiettato alla Conferenza delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici COP26 a Glasgow l’8 novembre, è un crudo promemoria delle questioni che l’evento sta cercando di evidenziare.

Sumit ha girato il film durante il monsone del 2018 nella frazione di Gangamatir Char, che ospita 20 famiglie di pescatori, nel distretto di Patuakhali, situato nella punta più meridionale del Bangladesh.

Ma, Gangamatir Char non esiste più.

Sumit non ha potuto tornare sul posto per un anno e mezzo a causa della pandemia e finalmente è riuscito a visitarlo nel luglio di quest’anno.

“Quando sono tornato in quell’amato luogo, da quelle amate persone, tutto ciò che ho trovato sono stati alcuni rami d’albero spezzati e la marea crescente”, racconta Sumit Varietà. “Ho imparato che il livello del mare in questa zona è aumentato drammaticamente negli ultimi due o tre anni. L’alta marea sta erodendo la terra, e il ciclone Amphan l’anno scorso ha portato scompiglio”.

Le famiglie situate nella frazione sono state costrette a trasferirsi nei villaggi vicini e molti di loro hanno dovuto trovare professioni alternative poiché il tempo irregolare ha colpito la fornitura del pesce Hilsa, apprezzato in Bangladesh, India orientale e Myanmar.

“Il Bangladesh è spesso indicato come un ground zero per il cambiamento climatico”, dice Sumit. “Siamo testimoni di un conflitto primordiale, elementare, tra terra e mare, uomo e natura, passato e futuro. I nostri piccoli pescatori costieri sono in prima linea in questa battaglia. Le loro famiglie hanno disperatamente bisogno di strumenti per adattarsi agli impatti peggiori, i loro habitat naturali e gli ecosistemi hanno bisogno di protezione e ripristino immediati”.

“Dopo aver trascorso molti mesi in loro compagnia, ho capito che sono un popolo afflitto dalle perturbazioni ma non definito da esse. Sono incredibilmente coraggiosi, resilienti, pieni di risorse, colorati, pieni di idee, speranza e potenziale. Queste sfumature mancano spesso nelle immagini che vediamo sui media internazionali. Pertanto, mi sono preso la responsabilità di presentare al mondo un ritratto non filtrato, coinvolgente e ispirato di questa comunità, ed è nato ‘The Salt in Our Waters'”.

Durante la sua visita di luglio, Sumit ha incontrato diversi membri della comunità di pescatori che appaiono nel film. “Ho scoperto che la terribile realtà delle loro vite è molto più grave della storia del mio film”, dice Sumit. “Voglio raccontare al mondo la sofferenza di queste persone, ed è per questo che ho fatto domanda per la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima COP26. Vorrei esprimere la mia gratitudine agli organizzatori per aver permesso al mio film di mettere in evidenza il racconto della comunità della pesca artigianale. ‘The Salt in Our Waters’ si è rivelato essere una storia epica dalla prima linea della lotta contro il cambiamento climatico”.

Film Republic sta gestendo le vendite internazionali del film e lo ha venduto alla HBO per l’Europa centrale. Il British Film Institute ha acquistato i diritti di streaming del Regno Unito per il suo BFI Player.

Il film sarà distribuito nelle sale del Bangladesh da Star Cineplex, leader nel settore delle sale locali, il 26 novembre e altre uscite globali nelle sale potrebbero essere possibili grazie al Torino Film Lab’s Audience Design Grant.

Le prime persone in Bangladesh a vedere il film, prima della sua uscita, saranno le comunità di pescatori colpite. Sumit sta anche pianificando proiezioni localizzate attraverso la rete di centri comunitari della Shilpokola Academy in tutto il Bangladesh.

“Tutti gli occhi sono puntati sulla COP26”, dice Sumit. “C’è molta pressione sui colloqui per ottenere impegni significativi e, naturalmente, finanziamenti reali per le nazioni vulnerabili. Credo fermamente che i film narrativi con un punto di vista interno come il mio possano aiutare a creare una vera empatia per i frontliner del clima in questi eventi mondiali”.

Immagine caricata pigramente

Gangamatir Char: Prima
Mypixelstory

Immagine caricata pigramente

Gangamatir Char: Dopo



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you