Asiatica Film Mediale

Bridgerton: cosa c’era di sbagliato in King George (e perché è nascosto)

Bridgerton: cosa c’era di sbagliato in King George (e perché è nascosto)
Debora

Di Debora

21 Maggio 2022, 09:55


Nelle stagioni 1 e 2 di Bridgerton, Re Giorgio III appare solo brevemente ed è menzionato di rado, in parte perché non è destinato a essere un personaggio importante e in parte perché, a quel punto, era semplicemente troppo malato per apparire pubblicamente. Interpretato in Bridgerton da James Fleet, il re Giorgio III non fu in grado di continuare a governare come monarca quando raggiunse la mezza età. Ma anche dopo che suo figlio, Giorgio IV, assunse le funzioni del re, l’incoerenza e l’instabilità di Giorgio III lo resero anche un volto povero per la famiglia reale, e fu tenuto fuori dagli occhi del pubblico per proteggere l’immagine della monarchia. La regina Carlotta divenne il nuovo volto della famiglia reale e continuò a sostenere suo marito, anche quando le divenne troppo difficile vederlo.

Negli ultimi anni di re Giorgio III, fu tenuto confinato e fuori dalla vista, proprio come lo è a Bridgerton. Tuttavia, a differenza di Bridgerton, la regina Charlotte avrebbe smesso di cenare con George. Dormiva in una camera da letto separata da George e si rifiutò di stare da sola con lui dal 1804 in poi. Nel 1813, quando si svolge Bridgerton, si ritiene che la regina Carlotta avesse smesso del tutto di vedere George. Ma soprattutto, King George non è pensato per essere un personaggio importante di Bridgerton.

Le tre apparizioni di Giorgio III a Bridgerton sono rilevanti solo per ciò che rivelano sulla regina Charlotte. La breve scena della cena con la regina Carlotta e re Giorgio III nella prima stagione fornisce una spiegazione in qualche modo realistica dell’interesse della regina Carlotta per l’immaginaria Lady Whistledown. Non appena vediamo quanto sia diventato torturato re Giorgio III e quanto questo disturbi sua moglie, diventa perfettamente chiaro che Charlotte ha bisogno di una distrazione e Lady Whistledown fornisce un diversivo così perfettamente avvolgente e delizioso che, a volte, la regina Charlotte sembra per dimenticare la cattiva salute del marito.

La malattia di re Giorgio III a Bridgerton

Mentre il re Giorgio III è menzionato in Bridgerton, interpreta per lo più un ruolo fuori campo, ma la sua malattia è molto basata sui resoconti storici del monarca. Secondo questi resoconti, la malattia di re Giorgio III includeva sintomi come convulsioni, schiuma alla bocca, divagazioni incoerenti, attacchi di depressione e, più tardi nella sua vita, perdita dell’udito, della vista, della memoria e della capacità di camminare. Dopo la morte della principessa Amelia, George sprofondò in una profonda depressione e non si riprese più dalla perdita della sua figlia prediletta. Nel 1811, il re Giorgio III promulgò il Regency Act, che consentiva a suo figlio di fungere da reggente. La regina Carlotta divenne la tutrice legale di Giorgio e la salute mentale e fisica del re continuò a deteriorarsi fino alla sua morte nel 1820.

La causa esatta della “follia” di re Giorgio III è oggetto di dibattito tra storici e medici. Fino a poco tempo, la teoria prevalente era che il re Giorgio III avesse la porfiria (una rara malattia del fegato) e che la sua esposizione all’arsenico contribuisse al peggioramento dei sintomi. Sebbene le prove che re Giorgio III abbia la porfiria siano ben documentate e la teoria sia ancora ampiamente accettata, negli ultimi anni sono emerse teorie contrastanti. Nell’ultimo decennio circa, scienziati, medici e storici hanno ipotizzato che il re Giorgio III, in effetti, non avesse la porfiria, ma avesse invece una combinazione di disturbo bipolare, mania cronica e demenza. Il dottor Peter Garrard di St George’s, Università di Londra è arrivato al punto di dire: “La teoria della porfiria è completamente morta nell’acqua. Questa era una malattia psichiatrica” [via BBC].

La serie prequel ci mostrerà un re Giorgio III più giovane

L’attesissimo prequel di Bridgerton seguirà la giovane regina Charlotte (che nella vita reale aveva solo 17 anni quando sposò re Giorgio III) e la sua eventuale ascesa al trono. Conterrà anche una giovane Lady Danbury e un re Giorgio III più sano, che è “misterioso ma carismatico e … apparentemente sarà costretto ad affrontare alcuni demoni nascosti sulla scia del matrimonio con Charlotte” (tramite MyLondon). Dopotutto, la sua storia d’amore con quella di Charlotte è una parte essenziale della sua storia. Nella seconda stagione, re Giorgio III interrompe una conversazione tra la regina Charlotte ed Edwina, che avrebbe dovuto sposarsi con la famiglia Bridgerton. George crede che sia il matrimonio suo e di Charlotte e la sua insistenza ammorbidisce il temperamento di Charlotte e mostra come resiste il suo amore, nonostante la sua malattia. Il prequel sarebbe una meravigliosa opportunità per esplorare le basi di questa relazione e l’importante occasione che George sta rivivendo nella seconda stagione di Bridgerton.

Piuttosto che centrare un famigerato re che è stato reincarnato e parodiato in varie opere di fantasia, Bridgerton ha intenzionalmente reso la regina Charlotte il personaggio più potente nella sua versione di Londra. La regina Charlotte svolge un ruolo importante come prestanome per una società ossessionata da regole, tradizioni, gerarchia sociale e scandali. Sebbene il re Giorgio III sia francamente irrilevante per la storia di Bridgerton, il suo personaggio potrebbe benissimo avere una narrazione più significativa nel prequel.

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Obi-Wan Kenobi EP su ciò che lo distingue dalle altre serie di Star Wars
Obi-Wan Kenobi EP su ciò che lo distingue dalle altre serie di Star Wars

La produttrice esecutiva e regista di Obi-Wan Kenobi, Deborah Chow, parla di ciò che distingue la miniserie in uscita dagli altri spettacoli di Star Wars. La serie sarà presentata in anteprima il 30 maggio su Disney+ con una serie di sei episodi pianificata e Chow dirigerà ogni episodio. Chow aveva già diretto due episodi della […]

HSMTMTS rinnovato per la stagione 4 a Disney+ prima della premiere della stagione 3
HSMTMTS rinnovato per la stagione 4 a Disney+ prima della premiere della stagione 3

High School: The Musical: The Series stagione 4 si rinnova su Disney+ prima della premiere della stagione 3. Dal suo debutto nel novembre 2019, lo spin-off del franchise di High School Musical ha continuato a crescere oltre il suo omonimo. Dopo essersi concentrato su una ricreazione abbastanza meta del primo film di High School Musical […]