Asiatica Film Mediale

Boba Fett Star ha avuto un’obiezione sul suo personaggio di Star Wars

Boba Fett Star ha avuto un’obiezione sul suo personaggio di Star Wars
Debora

Di Debora

06 Febbraio 2022, 05:18


Nel novembre dello scorso anno, è stato annunciato che Beals si sarebbe unito anche al cast di The Book of Boba Fett, la seconda serie di Star Wars in onda su Disney+ e spin-off dell’acclamato The Mandalorian. Apparendo come un Twi’lek di nome Garsa Fwip, il personaggio regale di Beals presiede una famosa cantina e un locale per il gioco d’azzardo situato nella città Tatooine di Mos Espa. Incastrato tra le fazioni criminali in competizione sulla scia della morte di Jabba the Hutt, Garsa Fwip di Beal riesce a negoziare la protezione per il suo stabilimento, soprannominato The Sanctuary, rendendo omaggio a Boba Fett, che sta cercando di affermarsi come successore di Jabba e Bib Fortuna.

Sul retro del sesto episodio dello show, Beals ha parlato con Insider del suo tempo nel progetto, che ha descritto come “il gold standard” in termini di ambiente di lavoro rispettoso e aperto. Beals ha anche spiegato come è stata in grado di lavorare con i produttori esecutivi dello show, Jon Favreau e Dave Filoni, per rielaborare alcuni dei dialoghi dello show che ha trovato un po’ problematici. Rivelando che originariamente le sceneggiature prevedevano che lo staff di Fwip si riferisse a lei come “maestro”, Beals ha fatto appello a loro per “scegliere un linguaggio migliore”. Dai un’occhiata ai suoi commenti completi di seguito:

Nella sceneggiatura originale, i miei dipendenti mi chiamavano “maestro”, ho sentito che in questo mondo che sto creando nel mio stabilimento, The Sanctuary, dato che vengo da un popolo schiavo, forse possiamo scegliere un linguaggio migliore, qualcosa che era più in linea con la sua etica e la visione del suo posto. E hanno pensato che fosse una buona idea e l’hanno cambiata in “signora”. Ne ero davvero grato.

I riferimenti alla schiavitù nella tradizione di Star Wars hanno giocato a lungo un ruolo importante nel franchise, risalendo alla trilogia originale che raffigurava Twi’lek nei ruoli di schiavi costretti a ballare per il divertimento dell’abominevole signore del crimine Jabba. Mentre l’esistenza della tratta degli schiavi nell’universo di Star Wars, e sul pianeta Tatooine in particolare, continuerà ad essere esplorata in modo più dettagliato durante la trilogia prequel, recentemente è diventata oggetto di un acceso dibattito pubblico. Più di recente, la Disney è stata criticata da alcune parti del fandom per aver apparentemente tentato di allontanare il franchise dall’usare il nome originale per la nave di Boba Fett, Slave 1.

Eppure, piuttosto che cercare di ignorare l’esistenza della schiavitù in Star Wars, l’appello di Beals a modificare il linguaggio usato all’interno dell’establishment del suo personaggio è decisamente in linea con la sensibilità di una razza che aveva sperimentato tali abusi in prima persona. Mentre alcuni fan potrebbero inevitabilmente vedere questa decisione come i continui tentativi della Disney di allontanare il franchise da questioni potenzialmente problematiche e delicate, le obiezioni di Beals hanno perfettamente senso se prese nel contesto del personaggio e del tipo di ambiente che stava tentando di creare per se stessa e la sua gente. Con la fantascienza spesso usata per criticare ed esaminare le questioni sociali del mondo reale, la volontà di Favreau e Filoni di esaminare ed esplorare il potere e l’impatto del linguaggio usato all’interno del loro universo immaginario suggerisce un cambiamento molto più grande e continuo nella consapevolezza del mondo reale. Resta da vedere esattamente come questo continuerà a svolgersi nel futuro del franchise di Star Wars, ma i fan possono probabilmente essere tutti d’accordo sul fatto che The Book of Boba Fett avrà un impatto duraturo che continuerà a farsi sentire negli anni a venire.

Fonte: Insider

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

Reacher Stagione 1: dove trovare il cameo di Lee Child
Reacher Stagione 1: dove trovare il cameo di Lee Child

Attenzione: contiene spoiler per la stagione 1 di Reacher. Proprio come i precedenti adattamenti, il nuovo Reacher di Amazon La serie TV basata sui romanzi di Jack Reacher aveva un cameo dell’autore Lee Child. Lee Child (lo pseudonimo di James Dover Grant) è un autore britannico ed è l’uomo dietro le oltre due dozzine di […]

Il trailer dell’episodio 80 di Attack on Titan rivela grandi rivelazioni sulla storia di Titan
Il trailer dell’episodio 80 di Attack on Titan rivela grandi rivelazioni sulla storia di Titan

L’anteprima “La prossima volta” dell’episodio 80 di Attack on Titan, “Da te, 2000 anni fa” prende in giro le battaglie medievali, la famiglia Fritz e la storia di Titano. La seconda metà della quarta serie finale è andata in onda nel gennaio 2022. La serie anime di successo è basata sul manga dark fantasy di […]