Asiatica Film Mediale

Bob Odenkirk aveva una regola prima di accettare di recitare in Better Call Saul

Bob Odenkirk aveva una regola prima di accettare di recitare in Better Call Saul
Debora

Di Debora

05 Marzo 2022, 22:41


La star di Better Call Saul, Bob Odenkirk, rivela la prima cosa che ha detto quando gli è stato chiesto di parlare dello spinoff. Il popolare seguito di Breaking Bad sta finalmente tornando su AMC con la sua sesta e ultima stagione. Composta da 13 episodi e divisa in due parti, la sesta stagione di Better Call Saul debutterà nella prima metà il 18 aprile. La restante metà seguirà l’11 luglio. È un arrivo tanto atteso per uno spettacolo che ha subito ritardi legati al COVID -19 e ha anche subito una battuta d’arresto dopo che Odenkirk ha subito un infarto ed è crollato sul set durante le riprese.

Odenkirk si è completamente ripreso dallo spavento per la salute e con l’arrivo della sesta stagione di Better Call Saul a poche settimane di distanza, l’attore sta guardando indietro probabilmente al suo personaggio più famoso e a come si è evoluto nel corso dello spinoff. Sebbene sia in gran parte un prequel, ad eccezione di alcuni flashforward in bianco e nero selezionati, lo spettacolo ha approfondito la comprensione del pubblico dell’avvocato titolare e ha introdotto nuovi personaggi indimenticabili come Kim Wexler di Rhea Seehorn. Tuttavia, Odenkirk ammette di non essere sempre stato così pazzo di Saul all’inizio.

Parlando con USA Today per promuovere il suo nuovo libro di memorie Comedy Comedy Comedy Drama, l’attore ha fatto luce sulle riserve iniziali che aveva su uno spin-off. Odenkirk ricorda che, quando è stato contattato per lo spinoff dai co-creatori Peter Gould e Vince Gilligan, ha avuto alcune riflessioni su come dovrebbe essere scritto il suo personaggio. Ma temeva che avrebbe offeso Gould e Gilligan. Leggi la citazione di Odenkirk di seguito.

“La prima cosa che ho detto a Peter e Vince è che devi renderlo simpatico se vuoi scrivere uno show su di lui perché non pensavo che fosse simpatico. Ho pensato che sarebbero stati insultati perché sapevo che gli piaceva il personaggio, ma non lo era. Hanno capito cosa intendevo. Mi è piaciuto molto di più rispetto a quando ho iniziato”.

Dato il modo in cui Saul è stato presentato in Breaking Bad come una sorta di lacchè per aiutare insieme ai piani di Walter White (Bryan Cranston), è comprensibile che a Odenkirk non piaccia molto quella versione del personaggio. Ma quello che Better Call Saul ha fatto così bene è dare vita alla persona che Saul era prima che incontrasse Walter. Jimmy McGill, che è il vero nome di Saul, ha la sua giusta dose di difetti. Ha anche una storia familiare complicata, un profondo amore per Kim e, almeno nelle prime stagioni dello spinoff, il personaggio sembra voler essere dalla parte giusta delle cose anche se i suoi metodi sono sospetti.

Quella sfumatura, che viene offerta a quasi tutti i personaggi, inclusi artisti del calibro di Howard (Patrick Fabian) e Nacho (Michael Mando), è parte del motivo per cui la serie è stata costantemente tra le più elogiate dalla critica e adorate dagli spettatori. Odenkirk non è il solo ad avere dubbi sulla fattibilità di continuare uno dei drammi di maggior impatto degli ultimi decenni. Tuttavia, con la sua fine vicina, è chiaro che Better Call Saul si distingue da solo come uno spettacolo straordinario.

Fonte: USA Today

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }


Potrebbe interessarti

La più grande domanda della sesta stagione di Ricky & Morty ha risposto a Adult Swim
La più grande domanda della sesta stagione di Ricky & Morty ha risposto a Adult Swim

Adult Swim ha finalmente risposto a una delle domande più pressanti dei fan sulla sesta stagione di Rick e Morty in un nuovissimo post sui social media. Creato da Dan Harmon e Justin Roiland, Rick and Morty è rimasto un appuntamento fisso della formazione Adult Swim sin dal suo debutto nel 2013. La stagione 5 […]

Valhalla Fact Check: i vichinghi hanno davvero inventato le tavole da surf?
Valhalla Fact Check: i vichinghi hanno davvero inventato le tavole da surf?

Il nuovo spinoff di Vikings, Vikings: Valhalla, raffigura i personaggi che usano le tavole da paddle per aiutarli durante la battaglia, ma è ragionevole mettere in dubbio l’accuratezza storica dei vichinghi che inventano le tavole da surf. La documentazione dell’era vichinga proviene da molte fonti, inclusi i nemici dei vichinghi, il che significa che gli […]