RecensioniBabylon Recensione: Robbie è seducente in Chazelle's Glitzy, Hollow...

Babylon Recensione: Robbie è seducente in Chazelle’s Glitzy, Hollow Ode To Hollywood

-


Babylon è decadente, bella da vedere, ma vuota. È un’ode a Hollywood che si perde nel suo disordine, priva di una sceneggiatura ben scritta che altrimenti avrebbe riunito tutto. Con una durata di oltre tre ore, Babylon – scritto e diretto da Damien Chazelle, che ha fatto ondate con La La Land – è del tutto troppo gonfio, caotico e vuoto per essere considerato buono. Ha un’energia ronzante e febbrile che si perde tra le fantasticherie e, sebbene abbia un cast eccezionale, ci vuole troppo tempo per fare un punto mentre serpeggia fino alla fine.

Ambientato nell’arco di due decenni che iniziano nel 1926, Babylon segue una pletora di personaggi mentre l’industria cinematografica passa dai film muti al sonoro. Nellie LaRoy (Margot Robbie) è un’aspirante attrice che sfonda come star del cinema muto, ma lotta mentre Hollywood cambia intorno a lei; Jack Conrad (Brad Pitt) è un famoso attore di film muti che sta arrivando alla fine della sua era e fa fatica a lasciarsi andare; Manny Torres (Diego Calva) è un assistente cinematografico che diventa un produttore cinematografico di successo; Elinor St. John (Jean Smart) è una rinomata editorialista di gossip che scrive degli alti e bassi dei personaggi più famosi di Hollywood; e Sidney Palmer (Jovan Adepo) è un trombettista jazz che sogna di fare di più che suonare alle feste. I personaggi affrontano la loro giusta dose di prove e tribolazioni mentre tutto ciò che conoscono inizia a cambiare.

Brad Pitt e Diego Calva in Babylon

Babylon è in definitiva il tipo di film che crede di fare qualcosa di profondo quando non lo è. È avvolto nello splendore, ma è dolorosamente superficiale nel suo nucleo. È facile essere distratti dallo sfarzo e dal glamour che compongono quasi ogni fotogramma, ma Chazelle è incapace di sviluppare adeguatamente i suoi personaggi al di là della scrittura sottile che compone i loro viaggi sullo schermo. Babylon delude nonostante il suo approccio abbagliante, che avrebbe potuto facilmente distrarre dalla storia sottilissima sottostante. La lunga durata del film non aiuta a mascherare una mancanza di coesione all’interno della storia, trascinando gli eventi a scapito del film.

C’è davvero qualcosa da dire sul modo in cui Hollywood può elevare la carriera di qualcuno prima di abbatterlo quando le cose cambiano, dimenticando che una di queste persone è esistita anche se il loro impatto rimane in qualche modo. Che l’industria cinematografica, mentre si evolve, produca arte che lascia per sempre un segno, anche se attori, produttori e registi vanno e vengono come onde su una spiaggia, è una valutazione ponderata, ma Babylon non scava abbastanza in profondità, non riuscendo a esplorare gli strati e le sfumature di una simile affermazione.

Margot Robbie e Diego Calve in Babylon

Il film di Chazelle è piuttosto esplosivo, sebbene contenga momenti significativi che superano la sua esecuzione esagerata. È certamente lo stile sulla sostanza qui, e Babylon non ha alcuna possibilità di salvare nessuna delle sue trame fragili, le vite interiori dei personaggi messe insieme troppo a casaccio per essere coese. La sequenza della festa di apertura di Babylon ha talento e un ingresso infernale da parte di Margot Robbie, ma il resto del film non raggiunge mai la promessa che la scena prepara per ciascuno dei suoi personaggi. Il cast si sforza di elevare i propri personaggi, aggiungendo loro un po’ più di profondità rispetto a quanto consentito dalla sceneggiatura.

Ciò è particolarmente vero per Margot Robbie e Diego Calva, ognuno dei quali offre qualche sfumatura nei propri ritratti. Robbie trasmette il sogno e lo slancio di Nellie, mostrando anche la paura e la frustrazione che iniziano a prendere il sopravvento mentre la sua carriera prende una svolta. Calva, nel frattempo, incarna l’entusiasta assistente di Manny che coglie ogni opportunità che gli viene offerta per costruire un’eredità che spera duri. C’è molto desiderio sottosviluppato nel personaggio di Calva, ma riesce a renderlo credibile anche se è sottoscritto.

Il resto del cast è solido, sebbene i personaggi siano tutti indeboliti a causa dell’attenzione di Babylon sulla grandezza sopra ogni altra cosa. C’è semplicemente troppa brillantezza e il film quasi vi annega. I personaggi sono in gran parte messi da parte in un film che è essenzialmente un vuoto abbagliante. La splendida cinematografia e i costumi non possono compensare il suo vuoto, sia in quello che sta cercando di dire sia nel modo in cui sta cercando di dirlo.

Babylon uscirà nelle sale venerdì 23 dicembre. Il film dura 188 minuti ed è classificato R per contenuti sessuali forti e crudi, nudità grafica, violenza sanguinaria, uso di droghe e linguaggio pervasivo.

Ultime News

John Travolta insegna a Kevin Hart a diventare un eroe d’azione nel trailer di Die Hart

Un nuovo trailer di Die Hart presenta John Travolta che insegna al comico Kevin Hart come diventare un...

Trailer di History Of The World 2: il sequel di Mel Brooks rivela un cast stellare

L'ultimo trailer della serie History of the World, Part II rivela l'ampio cast costellato di stelle del sequel....

Le figlie di Geordi in Picard onorano entrambi i ruoli di La Forge in TNG

Star Trek: Picard stagione 3 introduce le figlie del tenente comandante Geordi La Forge (LeVar Burton), e ogni...

The Flash Season 10 avrebbe ripagato la presa in giro della Justice League di Arrowverse

La stagione 10 di Flash avrebbe ripagato la presa in giro della Justice League di Crisis on Infinite...

Da Non Perdere

I 30 Migliori Film Horror Da Vedere Assolutamente!

I migliori film horror più spaventosi di tutti i...

Come Disattivare Now TV

Vuoi capire come disattivare Now TV? Potresti non aver...

Ultimi Quiz

Quale Personaggio Della Casa Di Carta Sei?

Uno dei punti di forza delle serie come La Casa di Carta è che mettono insieme un gruppo di...

Che Personaggio Di Stranger Things Sei?

Che Personaggio Di Stranger Things Sei? Sei stato anche tu uno di quelli che, guardando il primissimo episodio di...

Potrebbe anche interessarti...
Articoli selezionati per te