Asiatica Film Mediale

Awkwafina affronta la controversia sull’appropriazione culturale

Awkwafina affronta la controversia sull’appropriazione culturale
Erica

Di Erica

06 Febbraio 2022, 06:35


La star di Shang-Chi e de La leggenda dei dieci anelli, Awkwafina, si è rivolta ai social media, dove ha affrontato le critiche sulla convinzione in corso di essersi appropriata della cultura nera nel suo lavoro. L’attrice, vero nome Nora Lum, è diventata famosa a Hollywood dopo il suo ruolo nel 2018 in Crazy Rich Asians ed è nata da padre cinese-americano e madre coreana. È cresciuta nel Queens, New York, e all’età di 15 anni ha adottato il nome d’arte Awkwafina.

Awkwafina è apparso in famosi titoli in franchising come Jumanji: The Next Level con Dwayne Johnson e Ocean’s Eight con Sandra Bullock. Per il suo ruolo nel film del 2019 L’addio, ha vinto un Golden Globe come migliore attrice in un film – commedia o musical. Nel frattempo, Awkwafina è stata anche sfidata sul suo uso dell’inglese vernacolare afroamericano (AAVE) e dei “blacants” in alcuni dei suoi ruoli dalle comunità online. Ma fino ad ora, l’attrice non ha mai discusso le preoccupazioni in pubblico.

Ora, in una lunga dichiarazione, Awkwafina ha utilizzato la sua pagina Twitter ufficiale come piattaforma per affrontare formalmente la controversia di vecchia data e commentare apertamente la questione. Ciò arriva dopo un’assenza di due anni dal pubblicare post sulla piattaforma dei social media. Prima di riconoscere direttamente le preoccupazioni, l’attrice ha preceduto la sua dichiarazione descrivendo “la comunità afroamericana” come “sproporzionatamente influenzata dalle politiche istituzionalizzate e dalle politiche delle forze dell’ordine”. Ha poi approfondito questi pensieri descrivendo la correlazione tra questi problemi e le arti. Più avanti nella dichiarazione, l’attrice ha affermato che non è nella sua natura deridere o sminuire gli altri.

pic.twitter.com/pxSLXZD2J0

— nora (@awkwafina) 5 febbraio 2022

Clicca qui per vedere il tweet originale

Dopo aver pubblicato la dichiarazione approfondita, Awkwafina si è scusata poco dopo con i suoi fan per non essere all’altezza. Apparentemente ha anche salutato gli utenti su Twitter, citando il suo terapeuta come un’influenza sulla sua decisione di prendersi un congedo “dall’unghia incarnita che è Twitter”. La comica ha anche chiarito che sarà ancora su altre piattaforme di social media e non si ritirerà da nient’altro.

Solo poche settimane fa, i membri della comunità online avevano espresso un problema con la nomina di Awkwafina per un premio NAACP Image. L’organizzazione, che sta per National Association for the Advancement of People of Color, aveva nominato l’attrice per la sua interpretazione fuori campo del personaggio eccezionale per il suo ruolo in Raya e l’ultimo drago. Sebbene la NAACP non nomini esclusivamente attori o musicisti neri, molti utenti di Twitter hanno espresso la loro disapprovazione per la nomina di Awkwafina, in particolare alla luce delle critiche che ha ricevuto nel corso degli anni. Non è chiaro se l’attrice amplierà o meno i suoi precedenti commenti su Twitter o affronterà ulteriormente le critiche. Tuttavia, ciò che è chiaro è che Awkwafina ha apparentemente compiuto passi positivi per affrontare le preoccupazioni che sono state sollevate e discutere l’importanza delle questioni in questione.

Fonte: Awkwafina

.item-num::after { contenuto: “https://www.asiaticafilmmediale.it/”; }




Potrebbe interessarti

The Batman Concept Art mostra Bruce che torreggia su una Gotham City grintosa
The Batman Concept Art mostra Bruce che torreggia su una Gotham City grintosa

The Art of The Batman, un libro illustrato tie-in che accompagna The Batman di Matt Reeves, mostra il concept art di Bruce Wayne che torreggia su Gotham City. Il reboot di Reeves con protagonista Il crociato incappucciato di Robert Pattinson è uno dei film più attesi del 2022. Seguendo le orme della trilogia pre-DCEU di […]

Le acrobazie di Jackass Forever spingono la PETA a chiamare per un’indagine penale
Le acrobazie di Jackass Forever spingono la PETA a chiamare per un’indagine penale

People for the Ethical Treatment of Animals (PETA) chiede un’indagine penale su Jackass Forever, sostenendo che il trattamento degli animali da parte della produzione sul set è stato disumano. Il quarto film del franchise di Jackass, Forever si sta rivelando un successo di pubblico ed è sulla buona strada per conquistare il primo posto al […]