Asiatica Film Mediale

Avatar: La lunga durata di The Way of Water ha causato tensione, afferma Cameron

Avatar: La lunga durata di The Way of Water ha causato tensione, afferma Cameron
Erica

Di Erica

19 Dicembre 2022, 04:12


Il regista di Avatar: The Way of Water, James Cameron, afferma che il tempo di esecuzione ha causato tensioni all’interno dello studio. Avatar: The Way of Water dura 3 ore e 12 minuti. Questo batte il tempo di esecuzione di altri epici film d’azione degli ultimi anni, tra cui Black Panther: Wakanda Forever (2 ore e 41 minuti), Avengers: Infinity War (2 ore e 29 minuti) e il sequel di successo di quest’anno Top Gun: Maverick, che ha funzionato per 2 ore e 10 minuti relativamente minuscoli. Prima dell’uscita di Avatar: The Way of Water, Cameron ha fatto una crepa nel tempo di esecuzione, rispondendo alla domanda su quando il pubblico dovrebbe andare in bagno durante il tempo di esecuzione esteso del sequel, in cui ha consigliato ai fan che potevano prendere un pausa bagno “ogni volta che vogliono” perché potrebbero “vedere la scena che si sono persi quando tornano a vederla di nuovo”.

Nonostante le battute di Cameron sulla durata di Avatar 2, il regista ha parlato della sua lotta per mantenere Avatar: The Way of Water alla sua durata di tre ore. Secondo Entertainment Weekly, Cameron aveva inizialmente presentato Avatar 2 alla 21st Century Fox come un film di tre ore. Quando la Disney ha acquistato Fox nel 2017, Cameron si è sentito “moralmente obbligato” a preservare la sua intenzione originale di un sequel di tre ore, che secondo quanto riferito ha causato “molta tensione”, con lo studio e Cameron che lottano allo stesso modo per trovare il perfetto equilibrio tra ” mantenere l’impegno” e “preservare la bellezza”. Guarda la citazione completa di Cameron qui sotto:

Penso che ci fosse molta tensione sulla lunghezza. E poiché è una narrazione lineare complicata, che è lo scenario peggiore per cercare di accorciare, hai una storia complessa al servizio di molti personaggi, ed è come la caduta del domino: questo deve accadere perché accada. Non stai seguendo un mucchio di trame parallele in un modo che potresti tirare fuori molto. La cosa più difficile quando si cerca di accorciare un film è aggrapparsi alle cose che non fanno avanzare la trama, che sono belle o spaventose o piene di suspense fine a se stesse. Le cose sono venute fuori, e poi se ho sentito che il ritmo era sbagliato, abbiamo rimesso le cose.

Ne è valsa la pena l’autonomia di oltre 3 ore di Avatar 2?

Dopo il suo rilascio, il runtime di Avatar: The Way of Water ha suscitato molto scalpore nelle sue recensioni critiche. Il filo conduttore di queste recensioni è che, nonostante il grandioso spettacolo visivo del sequel di Avatar, il film è troppo lungo, con una trama sottile che non merita l’epico tempo di esecuzione. Certo, Cameron dedica una discreta quantità di tempo sullo schermo a “preservare la bellezza” rispetto agli eventi della trama. Che si tratti del ritorno del tulkun o della prima esperienza sott’acqua di Kiri, il pubblico di Avatar: The Way of Water passa molti minuti a guardare le persone blu e le creature che li circondano nuotare.

Ciò che queste critiche ignorano, tuttavia, è l’immensa quantità di sviluppo del personaggio presente in Avatar: The Way of Water. Mentre è vero che il terzo medio del film vede poche sequenze d’azione e l’avanzamento di una trama guidata dagli eventi, quella sezione dedica più di un’ora alla creazione di personaggi complessi con dinamiche che si mescolano in modo idiosincratico. Stabilisce Lo’ak, il fratello emarginato che desidera ardentemente il legame con il suo ambiente, e Kiri, l’adottato Na’vi che cerca un legame con coloro che l’hanno annoiata. La trama potrebbe non procedere con scontri a fuoco e pericoli, ma il lungo secondo atto di Avatar: The Way of Water lo fa sicuramente “[keep] Fidanzamento.” Rispetto ad Avatar del 2009, The Way of Water segue un numero molto maggiore di personaggi, ognuno dei quali ha una profondità maggiore rispetto al protagonista Jake Sully nella prima puntata.

I sequel di Avatar 2 rimarranno simili?

Con altri tre sequel sul registro, Cameron ora deve affrontare una serie di decisioni di runtime mentre delinea i suoi piani per Avatar 3, Avatar 4 e Avatar 5. Avatar: The Way of Water è già arrivato a 30 minuti in più rispetto al suo predecessore, quindi è molto probabile che Cameron continui questa tendenza e si schieri verso queste narrazioni più lunghe ed estese. I primi rapporti dei membri del team creativo di Avatar hanno indicato che le sceneggiature di Avatar continuano a migliorare, anche se la domanda tra il pubblico è se migliore significhi più tempo per i sequel. Il tempo ci dirà mentre Avatar 3 continua il suo sviluppo che porta alla sua uscita nel dicembre 2024.

Fonte: EW

Date di rilascio principali

  • Avatar 3 Data di rilascio: 20/12/2024
  • Avatar 4 Data di rilascio: 2026-12-18
  • Avatar 5 Data di rilascio: 2028-12-22


Potrebbe interessarti

Arrowverse Superman conforta Henry Cavill dopo l’uscita dalla DC in una dolce fan art
Arrowverse Superman conforta Henry Cavill dopo l’uscita dalla DC in una dolce fan art

Dopo la notizia dell’uscita di Superman di Henry Cavill nell’Universo DC, una nuova fan art vede Man of Steel dell’Arrowverse confortare la sua controparte cinematografica. Nonostante abbia ripreso il ruolo di Superman nella scena post-credit di Black Adam, il tempo di Cavill come Man of Steel sta volgendo al termine dopo quello che sembrava un […]

Il thriller noir diretto da Michael Keaton rivela Al Pacino e il cast
Il thriller noir diretto da Michael Keaton rivela Al Pacino e il cast

Dopo essersi trovato nel mezzo del continuo tumulto dei contenuti alla Warner Bros. Discovery e DC, Michael Keaton ha spostato la sua attenzione sul suo prossimo thriller noir Knox Goes Away, che ha rivelato gli attori premio Oscar Al Pacino e Marcia Gay Harden e la star di Westworld James Marsden come membri del suo […]