Asiatica Film Mediale

American Cherry Review: un thriller psicologico pieno di segnali contrastanti

American Cherry Review: un thriller psicologico pieno di segnali contrastanti
Marco

Di Marco

17 Marzo 2023, 19:45


Regista di video musicali di lunga data diventata regista di lungometraggi, Marcella Cytrynowicz, debutta il suo thriller psicologico/romanticismo American Cherry il 17 marzo. Scritto anche dal regista, il copione affronta la salute mentale, i problemi di rabbia, la dipendenza e il dramma familiare tra due giovani adulti in difficoltà. . Hart Denton (Riverdale) e Sarah May Sommers (C’era una volta a Hollywood) recitano nei panni di Finn ed Eliza in questo profondo tuffo metodico sulle conseguenze dei bisogni non trattati. Spesso morde più di quanto possa masticare, ma American Cherry ha abbastanza per essere un degno e stimolante debutto.

La storia segue il misterioso e problematico giovane Finn (Hart Denton), che punta gli occhi sull’impressionabile ma volitiva Eliza (Sarah May Sommers). Dopo aver scoperto che entrambi soffrono di traumi familiari, si avvicinano come amici. La loro amicizia si trasforma rapidamente in una storia d’amore, in cui l’ossessione ha la meglio su Finn a causa di problemi di salute mentale che spesso deve combattere. Ma mentre cerca di proteggere Eliza dalla sua famiglia disfunzionale, spinge troppo oltre la sua ossessione, con conseguenze disastrose per tutti.

Hart Denton e Sarah May Sommers in American Cherry

Raccontato attraverso registrazioni di voci fuori campo fatte da Finn che sono spesso intrecciate con conversazioni in tempo reale, American Cherry svela in modo creativo una storia su problemi di salute mentale non trattati e codipendenza. Attraverso Finn, Cytrynowicz mette in mostra vari temi legati a traumi, abusi e problemi familiari. La sua narrazione artistica si presenta sotto forma di flashback, voci fuori campo e dialoghi metodici che certamente fanno capire il punto anche se non sempre funziona. Ma grazie alla sua sicurezza dietro la macchina da presa, il debutto intimo di Cytrynowicz è convincente, anche se eccessivamente sensazionalistico.

American Cherry funziona meglio quando non definisce una posizione sui personaggi che intende esaminare. Quasi ogni persona nel film ha una storia complicata con qualcun altro. Tuttavia, una colonna sonora romantica quando Finn ed Eliza sono sullo schermo, o preoccupante quando appare la madre alcolizzata di Eliza, Louise (Leonor Varela), tende a dire agli spettatori come pensare a questi personaggi. Tuttavia, e come impareranno gli spettatori, apprezzare o non apprezzare le persone in questa storia non è in bianco e nero. Certo, c’è un po’ troppa capacità di comportarsi male o addirittura una codipendenza costruita dal legame traumatico, ma questi fattori non definiscono i personaggi. La sceneggiatura sarebbe stata migliore se non avesse chiesto neanche al suo pubblico di farlo.

Hart Denton in American Cherry

Relazioni tossiche e azioni preoccupanti a parte, Cytrynowicz ha giocato le sue carte proprio quando si è trattato di mettere insieme una storia coerente, anche se intricata, sul conflitto morale. Il suo esame del comportamento umano quando certi atti vengono compiuti per amore fornisce un’esperienza di osservazione che nella maggior parte dei casi è dura, ma comunque coinvolgente. Ma l’unica cosa che ostacola la sua sceneggiatura è il semplice fatto che assume troppo in troppo poco tempo. Di conseguenza, gli attori non hanno il tempo di cui hanno bisogno per dare il massimo dal punto di vista emotivo, il che spesso porta a interpretazioni dure. Non è la cosa peggiore che possa capitare a un film di questo genere, ma i temi pesanti accennati meritano una mostra completa per la loro importanza e prevalenza nella società.

C’è una bella storia, forse anche fantastica, qui da qualche parte. Tuttavia, la sceneggiatura non si tuffa mai abbastanza in profondità nella sua pletora di temi che vuole così disperatamente esplorare. Forse questa è una buona lezione sulla moderazione; è uno che, stranamente, i personaggi di Cytrynowicz potrebbero imparare. American Cherry è il tipo di film che accenderebbe immediatamente la conversazione su ciò che si è appena visto a causa dei suoi temi seri che dovrebbero essere accompagnati da avvertimenti. E anche se tutto non funziona del tutto, è un film che vale la pena guardare, anche solo per ricordare a se stessi che la salute mentale è importante, e lasciare questi problemi non trattati potrebbe portare alla tragedia.

American Cherry è uscito su Amazon, Vudu e Cable VOD il 17 marzo. Il film dura 90 minuti e non è classificato.


Potrebbe interessarti

Flamin’ Hot Review: Eva Longoria offre un film biografico affascinante e commovente [SXSW]
Flamin’ Hot Review: Eva Longoria offre un film biografico affascinante e commovente [SXSW]

Flamin’ Hot è basato sulla vita di Richard Montañez, che afferma di aver avuto l’idea di Flamin’ Hot Cheetos — il film afferma di averlo fatto infondendo le stesse spezie e ingredienti che è cresciuto mangiando come messicano-americano (Frito- Lay nega questa affermazione). Diretto da Eva Longoria da una sceneggiatura di Linda Yvette Chávez e […]

The Magician’s Elephant Review: l’animazione ha un grande cuore nonostante la sceneggiatura fragile
The Magician’s Elephant Review: l’animazione ha un grande cuore nonostante la sceneggiatura fragile

Basato sull’omonimo romanzo di Kate DiCamillo, The Magician’s Elephant è una storia accattivante e stravagante sulla ricerca di un ragazzo per trovare la sorella perduta e la città che ispira a credere di nuovo nella magia. Nell’ultimo film d’animazione di Netflix, diretto da Wendy Rogers da una sceneggiatura di Martin Hynes, la storia ha meno […]