Notizie Serie TVAmazon è "Off to the Races" in Europa, dove...

Amazon è “Off to the Races” in Europa, dove la produzione del “Signore degli Anelli” “Cementa” il suo posto nel Regno Unito.

-

- Advertisment -spot_img


Amazon Prime Video ha avuto una presenza in Europa per un certo numero di anni, ma il suo capo regionale degli originali Georgia Brown dice che è finalmente “fuori dalle corse” con contenuti dedicati e dirigenti degli affari sul terreno – per non parlare della prossima produzione di uno degli originali più ambiziosi della televisione fino ad oggi.

Parlando nella giornata finale del virtuale Festival della TV di Edimburgo giovedì, Brown ha detto: “Nei primi giorni di [Amazon Studios] in Europa, i produttori dovevano lavorare con i legali e [business affairs] a Los Angeles, ma lì c’è un diverso insieme di regole e legalità che i produttori hanno dovuto superare. Ed è stato un enorme apprendimento. Ora, siamo finalmente al punto in cui abbiamo squadre veramente locali sul terreno e siamo pronti per le gare”.

Mentre la Brown non sta supervisionando il trasferimento della serie “Il Signore degli Anelli” di Amazon dalla Nuova Zelanda al Regno Unito, ha descritto la mossa come “una notizia fantastica”.

“Abbiamo parlato molto di investire nelle infrastrutture del Regno Unito e questo consolida il nostro posto qui. Continueremo a investire pesantemente. Sono felicissimo che la produzione venga qui”.

Facendo eco alla scommessa del suo capo, il capo di Amazon Studios Jennifer Salke, di accelerare la produzione di film, Brown ha detto che il suo obiettivo iniziale era solo la televisione, ma da allora si è allargato anche al cinema a causa dell’enorme domanda degli abbonati.

“Il mio compito originale era la TV… ma abbiamo capito che il pubblico arriva e ci dà tempo prezioso per le serie, e poi quando [are done]quello che tendono a guardare sono i film”, ha detto Brown, descrivendo il passaggio a un film tra un cofanetto e l’altro come una “pulizia della tavolozza” per gli spettatori.

Il servizio non è necessariamente alla ricerca di “vincitori della Palma D’Oro o del premio Goya”, ha detto Brown, ma piuttosto di film d’azione e d’avventura con cui il pubblico può “impegnarsi, essere soddisfatto, e poi tornare alle grandi serie di successo”.

Amazon ha ora capi contenuti nel Regno Unito (Dan Grabiner), Francia (Thomas Dubois), Germania (Philip Pratt), Spagna (Maria Jose Rodriguez Perez), Italia (Nicole Morganti), Paesi Bassi (Nijhof Jacomien) e Nordici (Karin St Jarne).

Per quanto riguarda la linea tematica tra le esperienze Amazon Prime Video in tutta Europa, Brown dice che Salke ha “inculcato in noi, nel nostro DNA, che l’esperienza a livello globale deve essere la stessa. E questa è la barra della qualità. [Someone] deve entrare in ogni spettacolo e vedere che c’è una coerenza.

“Questo, più la nostra personalità”, ha aggiunto Brown, che ha suggerito che gli show di Amazon mantengono un “elemento di gioia” anche mentre affrontano argomenti difficili.

L’ex dirigente di Fremantle ha detto che lo streamer globale ha “davvero alzato il nostro gioco” nell’arena sportiva, dove le serie non scritte intorno alle principali franchigie si affiancano a una crescente scuderia di diritti sportivi chiave come la European Premier League e gli Open di Francia (Roland Garros).

Nel frattempo, interrogato sull’acquisizione da parte di Amazon di MGM per 8,45 miliardi di dollari, Brown ha detto che l’accordo “fornirà molti più contenuti al cliente”.

“Sono enormemente eccitato da questo”, ha detto. “Guardate il catalogo che hanno, guardate la loro IP. Incrociando le dita, significa cose davvero positive per tutti noi”.

Brown ha anche parlato dell’investimento del servizio nei nuovi talenti, notando che Amazon ha dato la possibilità agli scrittori esordienti di prendere le redini di grandi progetti. La dirigente ha detto di essere appassionata di voci nuove e “incontaminate” che possono gettare nuova luce su un territorio familiare per gli spettatori britannici. “Come consumatore voglio angolazioni diverse. Sì, le stesse storie, ma raccontate da un punto di vista diverso”.

Il dirigente ha indicato il film originale italiano “Anni da Cane”, che presenta un grande cast di attori in gran parte sconosciuti. Chiamando una “grande dichiarazione” il fatto che Amazon abbia scelto di non usare nomi noti, Brown ha affermato che il film “ha tutte le possibilità di andare avanti e diventare un successo globale come ‘Il Signore degli Anelli'”.

Amazon sta anche reclutando un nuovo capo della diversità, ha rivelato Brown. “Stiamo imparando molto dai nostri colleghi… Sarà il ruolo di quella persona a lavorare con noi e mettere in atto una robusta strategia DEI”, ha detto, notando che avere in mente la rappresentanza era “parte di [her] del DNA della squadra”.

Altrove, Brown non ha chiuso una domanda sul fatto che l’azienda potrebbe acquistare spazi in studio nel Regno Unito come hanno fatto i grandi studios e il rivale di streaming Netflix. L’azienda ha consegnato spettacoli da spazi di studio a Leeds e sta anche investendo in vari schemi di formazione per aggiornare le troupe locali. E per quanto riguarda un’impronta fisica attraverso uno spazio proprio, ha detto: “Siamo molto attenti alle nostre scelte e a dove vogliamo andare”.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest news

Benedict Cumberbatch e Jane Campion parlano di “The Power of the Dog”.

Non solo Benedict Cumberbatch si è sottoposto all'analisi dei sogni per prepararsi al suo ruolo in "Il potere...

Deckert raccoglie il titolo della competizione IDFA “Eat Your Catfish

L'agente di vendita internazionale Deckert Distribution ha acquisito i diritti mondiali di "Eat Your Catfish", diretto da Adam...

‘Essere i Ricardos’: Nicole Kidman nel ruolo di Lucille Ball

Being the Ricardos" di Aaron Sorkin ha conquistato il Westwood Village sabato sera, quando sia la stampa che...

Recensione di ‘Sing 2’: Un bis ingraziante per il toon degli animali canterini

Buster Moon ha un sogno: essere il koala di maggior successo nello showbiz. In "Sing", è riuscito a...
- Advertisement -spot_imgspot_img

Frances McDormand potrebbe fare la storia degli Oscar per la ‘Tragedia di Macbeth

A24 e Apple Original Films fanno il doppio lavoro sull'adattamento di William Shakespeare de "La tragedia di Macbeth"...

Il vincitore ungherese del premio MTV sulla vita sotto la legge LGBTQ del paese

Viktória Radványi, la vincitrice ungherese degli MTV EMAs Generation Change Award, ha rivelato un quadro straordinario della vita...

Must read

- Advertisement -spot_imgspot_img

You might also likeRELATED
Recommended to you