Asiatica Film Mediale

Air Review: il dramma sportivo di Ben Affleck è una schiacciata piacevole per la folla

Air Review: il dramma sportivo di Ben Affleck è una schiacciata piacevole per la folla
Marco

Di Marco

31 Marzo 2023, 21:06


Quasi tutti coloro che conoscono una o due cose sul mondo dello sport possono riconoscere che le Air Jordan sono alcune delle sneaker più popolari di tutti i tempi. Quello che pochissimi sanno è che questa partnership tra Michael Jordan e Nike non è quasi mai esistita. Nell’ultimo dramma sportivo di Amazon Studios, Air, il regista Ben Affleck e lo sceneggiatore Alex Convery evidenziano le lotte e gli ostacoli che Sonny Vaccaro, dirigente di Nike, ha dovuto superare per garantire una collaborazione rivoluzionaria che avrebbe cambiato per sempre il mondo delle partnership sportive.

Matt Damon interpreta Sonny Vaccaro, un dirigente della Nike che mira a cambiare la sua fortuna e quella della sua azienda siglando il contratto più importante della sua carriera con il debuttante Michael Jordan. Con una divisione di basket alle prime armi, Nike non è mai stata interessata alla giovane stella del basket. Ma con le spalle al muro, Vaccaro fa di tutto per fare una mossa decisiva per la carriera e scommettere con il suo CEO Phil Knight (Ben Affleck). Le due cose che si frappongono? Un riluttante Michael Jordan, che ha gli occhi puntati su Adidas, e sua madre, Deloris (Viola Davis), che vuole solo il meglio per suo figlio e sa quanto valgono i talenti di Jordan.

Air, con grandi interpretazioni e una sceneggiatura incredibile, è uno di quei film sportivi speciali che escono solo una volta ogni tanto. Non è uno stratagemma di marketing prolisso per il gigante delle scarpe Nike, anche se può venire fuori in questo modo. Invece, l’ultima di Affleck è una storia ispiratrice di benessere sul credere in qualcosa (o qualcuno) così tanto che ci si potrebbe scommettere tutta la posta in gioco. Il film si concentra su questo aspetto umano, rinunciando alla mondanità di dettagliati discorsi d’affari, aspetti legali e dettagli contrattuali, motivo per cui il film ha successo. Convery riconosce che a tutti gli spettatori potrebbe non interessare troppo il basket, quindi, insieme ad Affleck, concentra strategicamente e magnificamente la sua storia sulle persone. Ed è esattamente ciò che catturerà gli spettatori di tutti i tipi.

Uno dei più grandi successi della sceneggiatura di Air è la credibilità di tutto questo. Anche sapendo come va a finire oggi, guardare la rappresentazione dei dirigenti Nike che inseguono una partnership rivoluzionaria con Michael Jordan è credibile. Affleck gioca incredibilmente bene le sue carte, incorporando l’andirivieni tra Nike e la famiglia Jordan. Tutto ciò che porta al finale è ben intenzionato ed elettrizzante, per non dire altro, ma questi elementi sono solo la metà di ciò che rende Air così eccezionale. Alcuni potrebbero attribuire questo all’argomento del film, ma in realtà l’intero cast e la troupe hanno messo insieme un film eccezionalmente contagioso che vale la pena guardare sul grande schermo.

Il cast stellare, in particolare, è motivo sufficiente per correre a teatro a vedere Air. Matt Damon, ad esempio, è sensazionale nei panni di Sonny, bilanciando momenti umoristici con momenti sinceri. Anche come attore, deve essere difficile mostrarsi appassionato come fa Damon qui (soprattutto senza amore per lo sport). Ma per fortuna trasuda attraverso di lui, motivo per cui è perfetto per il ruolo. Altre interpretazioni degne di nota includono Jason Bateman, Chris Tucker, Chris Messina (le cui interazioni con Damon sono tra le più divertenti sullo schermo quest’anno), Affleck e Davis, che rendono questo film davvero piacevole. Buona fortuna a chiunque esca da Air cercando di determinare un favorito perché arrivano tutti con il loro A-game e inchiodano ogni minuto del loro tempo sullo schermo.

Sarebbe negligente menzionare tutti questi grandi elementi senza affermare l’ovvio: la regia di Affleck in Air è un lavoro stupendo. Il modo in cui intreccia filmati e sequenze con immagini della vita reale è fantastico. Inoltre, il livello di dettaglio che Affleck incorpora in quasi tutte le scene per catturare l’ambientazione di quel periodo evidenzia la sua passione per il soggetto e come è migliorato come regista. Ma soprattutto, la sua ultima è semplicemente un’esperienza gioiosa composta da elettrizzante chimica del cast, messaggi stimolanti e un misterioso desiderio di tifare per il gigante delle sneaker anche se il risultato è già noto. La partnership Air Jordans e Nike è leggendaria e, grazie ad essa, questo film sarà presto lo stesso.

Uscite aeree nelle sale il 5 aprile. Il film dura 112 minuti ed è classificato R per la lingua.


Potrebbe interessarti

Recensione di Murder Mystery 2: Aniston e Sandler guidano un misterioso omicidio poco divertente e noioso
Recensione di Murder Mystery 2: Aniston e Sandler guidano un misterioso omicidio poco divertente e noioso

Murder Mystery è stato rilasciato nel 2019 e, secondo i rapporti di Netflix, è stato un grande successo. Questo ha consolidato il rapporto di Adam Sandler con la società di streaming; in seguito avrebbe firmato un nuovo accordo di sviluppo con loro. Con altri film in arrivo, Netflix punta su due cose, l’innegabile potere da […]

Recensione strettamente confidenziale: il thriller erotico tristemente banale non è né sexy né emozionante
Recensione strettamente confidenziale: il thriller erotico tristemente banale non è né sexy né emozionante

Riepilogo Il regista Damian Hurley non si fidava del fatto che il pubblico leggesse tra le righe di Strictly Confidential. Il crimine principale del film è non avere nulla da dire, con colpi di scena noiosi e un erotismo scoraggiante. Strictly Confidential riprende slancio nel suo atto finale, ma Hurley ha ancora molta strada da […]