Asiatica Film Mediale

Agli attori di Scott Pilgrim non era permesso fare questa cosa durante le riprese

Agli attori di Scott Pilgrim non era permesso fare questa cosa durante le riprese
Erica

Di Erica

07 Febbraio 2023, 13:38


C’era una cosa che agli attori non era permesso fare sul set di Scott Pilgrim vs. The World, secondo la star Anna Kendrick. Scott Pilgrim vs. The World ruotava attorno a un musicista che cercava di respingere i malvagi ex fidanzati della sua ragazza. Basato sugli omonimi fumetti di Bryan Lee O’Malley, il film ispirato alla sala giochi vede Scott affrontare tutti, da un superpotente vegano a un egocentrico attore di Hollywood.

Eppure le circostanze erano ancora più strane sul set di Scott Pilgrim vs. The World, come ha spiegato Anna Kendrick in un’intervista a Vanity Fair.

Mentre il regista di Scott Pilgrim vs. The World Edgar Wright si è riunito con Michael Cera, sembra comprensibile se Cera si sia rifiutata di battere le palpebre durante l’intera interazione, poiché Kendrick ha spiegato che Wright non avrebbe permesso agli attori di battere le palpebre durante le riprese. Dai un’occhiata alla citazione di Kendrick qui sotto:

La cosa dello zoom anomalo alla fine di questo, una volta che Kieran ha completamente rubato il mio ragazzo entro la fine di questa scena, abbiamo dovuto fare lo zoom anomalo così tante volte, perché Edgar è così iper-specifico, non ti lascia nemmeno battito di ciglia. Non ti lascia sbattere le palpebre. Ci sarebbero stati momenti specifici in cui era tipo “Un battito di ciglia appositamente programmato qui andrebbe bene”. Questo è stato molto generoso da parte sua. Voleva che mi girassi, reagissi, poi si verifica lo zoom anomalo, poi dico la battuta o qualcosa del genere. Bill Pope, il direttore della fotografia, finì per subentrare anche nel funzionamento della telecamera e dello zoom anomalo. E potevo vedere ogni volta che avremmo compensato eccessivamente l’altro, dove ci eravamo persi perfettamente il momento, e ci è voluta un’eternità.

Scott Pilgrim avrà mai un sequel?

Sfortunatamente, mentre Scott Pilgrim vs. The World è diventato un classico di culto, non è andato particolarmente bene nei cinema. Avendo incassato solo 49,3 milioni di dollari, rispetto a un budget di produzione di 85 milioni di dollari, il film è assolutamente fallito, nonostante tutte le aspettative. Sebbene il film abbia ottenuto risultati migliori nelle vendite di DVD, la scarsa performance è stata un pericoloso segno al botteghino da cui Wright ha imparato nei suoi film successivi.

Eppure il potenziale per un sequel di Scott Pilgrim vs. The World esiste ancora con Wright che pianifica di scrivere Seconds, il seguito del progetto. Adattato dall’omonima graphic novel di Bryan Lee O’Malley, Seconds presenta gran parte dello stesso cast di personaggi, sebbene relegati a ruoli secondari. Invece, si concentra su Katie, una chef che può cambiare il suo passato con un taccuino magico.

Sfortunatamente, Seconds non servirà come sequel diretto di Scott Pilgrim vs. The World, il che significa che rimane ancora la domanda su un potenziale sequel. Se Seconds avrà successo come progetto, potrebbe dimostrare che il franchise ha ancora un po’ di vita, specialmente con Blake Lively pronto a dirigere il film. Si spera che, se dovessero essere invitati di nuovo per il film, gli attori del successore di Scott Pilgrim vs. The World potranno sbattere le palpebre.

Fonte: fiera della vanità


Potrebbe interessarti

I dettagli della storia di Planet of the Apes 4 prendono in giro l’influenza duratura di Cesare
I dettagli della storia di Planet of the Apes 4 prendono in giro l’influenza duratura di Cesare

Nuovi dettagli sulla storia di Kingdom of the Planet of the Apes rivelano come l’eredità di Caesar vivrà nel prossimo sequel. Caesar di Andy Serkis è stato introdotto per la prima volta in Rise of the Planet of the Apes nel 2011 e sarebbe apparso in due sequel diretti, con l’attore che alla fine ha […]

Il debutto alla regia di Finn Wolfhard assomiglia notevolmente a Stranger Things
Il debutto alla regia di Finn Wolfhard assomiglia notevolmente a Stranger Things

Il primo sguardo al debutto alla regia di Finn Wolfhard, Hell of a Summer, è stato rivelato e assomiglia notevolmente a Stranger Things. L’attore ha ottenuto per la prima volta il riconoscimento per il suo ruolo di Mike Wheeler nella serie estremamente popolare di Netflix, Stranger Things, e ha fatto il passaggio al cinema con […]